F1 22: pronti ad entrare nella nuova era della Formula 1?

Abbiamo provato a fondo una versione di prova di F1 22 e siamo dunque pronti a raccontarvi tante novità che ci aspettano in questa nuova era della Formula 1.

ANTEPRIMA di Peter Vogric   —   09/05/2022
33

Siamo ufficialmente entrati nella nuova era della Formula 1! Per il campionato 2022, infatti, è stato introdotto il più grande cambio regolamentare della storia, pensato per offrire maggiore spettacolo in pista. L'obiettivo? Conquistare nuovi spettatori senza far perdere l'interesse agli appassionati di vecchia data. Lo scorso anno il duello vissuto in pista tra Hamilton e Verstappen ha già riacceso enormemente l'interesse del pubblico, regalandoci un campionato del mondo aperto fino all'ultimo gran premio.

Nel frattempo Codemasters, lo studio di sviluppo che da anni realizza il videogioco ufficiale del popolare motorsport, è stato acquisito dal colosso Electronic Arts. Insieme sono dunque pronti a cavalcare l'onda del successo della Formula 1, andando a ricreare sotto forma di videogioco l'esperienza vissuta dai piloti in pista e dagli ingegneri nel paddock e in fabbrica. Proprio come le scuderie di Formula 1 hanno dovuto faticare non poco per sfruttare al meglio il cambio di regolamento, anche gli sviluppatori di Codemasters dovranno dimostrare di essere stati capaci a evolvere a pari passo la loro creatura.

F1 22 è già stato annunciato e arriverà il prossimo primo luglio su PlayStation, Xbox e PC. Per poter approfondire le novità introdotte in questa edizione, gli sviluppatori di Codemasters hanno realizzato un evento dedicato alla stampa, dandoci poi la possibilità di provare con mano alcuni contenuti del videogioco ufficiale di Formula 1.

Tutto questo ci ha permesso di scoprire tante succose novità sul videogioco, che vi racconteremo in questo nostro provato in anteprima di F1 22.

Nuova era della Formula 1

F1 22
F1 22

Quest'anno la Formula 1 è stata profondamente rivoluzionata. Il nucleo centrale rimane sempre lo stesso, per non snaturare troppo lo sport e mantenere l'interesse anche degli storici appassionati. Dall'altra parte però si vuole attirare l'attenzione dei più giovani e aumentare l'interesse generale offrendo maggiore spettacolo in pista. Per questo motivo gli ingegneri della FIA hanno pensato a un concetto aerodinamico diverso, che permette alle vetture di gareggiare tra di loro senza deficit importanti di prestazione. Le monoposto nate da questo cambio regolamentare hanno quindi un look diverso, sia per quanto riguarda la scocca e le appendici aerodinamiche che per le nuove gomme Pirelli da 18 pollici. Dalle prime gare vissute in questa stagione 2022 non possiamo che complimentarci con il lavoro fatto, perché lo spettacolo in pista è stato sempre di alto livello.

Quest'anno non sarà soltanto la Formula 1 a ricevere importanti cambiamenti, perché la stessa Codemasters ha promesso grosse novità in arrivo in F1 22. Secondo gli sviluppatori F1 22 rappresenta la più grande rivoluzione nella serie di videogiochi ufficiali dedicati a questo sport. Nell'attuale versione ancora incompleta abbiamo potuto ammirare le livree ufficiali delle monoposto 2022. Le vetture però non presentano ancora differenze visibili nella scocca e appendici aerodinamiche. Probabilmente gli sviluppatori stanno aspettando gli ultimi sviluppi portati dalle scuderie in pista, per creare un modello verosimile anche in F1 22 prima del lancio ufficiale. Ci aspettiamo dunque che nella versione finale del gioco si possano ammirare le splendide curve della Ferrar F1-75 o il corpo estremamente snello della Mercedes W13. Un altro elemento di questa nuova era della Formula 1 è rappresentato dalle gare sprint. Dopo aver debuttato ufficialmente lo scorso anno, ritorna questo nuovo format di weekend di gara, presente per la prima volta anche nel videogioco. In questo caso le qualifiche tradizionali vengono spostate al venerdì. La griglia di partenza del gran premio di domenica viene decisa però dalla classifica finale della gara sprint che si corre il sabato. Si tratta di una breve competizione, della durata di circa un terzo dei giri della gara ufficiale, nella quale i piloti possono conquistare anche dei punti importanti per il titolo piloti e costruttori.

Modello di guida

Le Ferrari in F1 22
Le Ferrari in F1 22

In seguito alla presentazione di Codemasters abbiamo potuto mettere le mani su una versione ancora in sviluppo di F1 22. Volendo capire al meglio come si comportano queste nuove monoposto di Formula 1, era nostro dovere disattivare tutti gli aiuti alla guida, collegare il volante, pedaliera e scendere subito in pista. In questa versione ci hanno dato la possibilità di provare tutte le dieci monoposto in cinque tracciati diversi. Oltre al nuovissimo tracciato di Miami, abbiamo potuto percorrere diversi giri a Imola, sul RedBull Ring, in Texas e a Silverstone. Inizialmente ci siamo concentrati a comprendere al meglio il modello di guida di queste monoposto, simile ma anche molto diverso rispetto al passato.

Le vetture in F1 22 sono più pesanti e questo carico aggiuntivo si sente in ogni curva. Per certi versi possono ricordare un po' le monoposto di Formula 2, anche se le prestazioni complessive sono comunque di un altro pianeta. Nei tratti più lenti questi bolidi soffrono parecchio, perché risultano meno agili rispetto al passato. Il cambio di regolamento ha fatto inoltre perdere tanto carico aerodinamico, quindi in determinate curve non potremo contare sull'elevata aderenza, dovendo quindi alzare un po' il piede dall'acceleratore. Sempre per la perdita di carico, le vetture risulteranno più sottosterzanti o sovrasterzanti, a seconda dell'assetto utilizzato. Non vogliamo scendere nei dettagli sugli assetti, perché sono sicuramente ancora in fase di sviluppo, ma possiamo dirvi che le variabili in gioco sono state ampliate per dare una maggiore libertà di personalizzazione. Non neghiamo che l'assenza di carico aerodinamico ci abbia messo un po' in difficoltà. Il peso elevato delle vetture dà inizialmente una sensazione di maggiore stabilità e affidabilità. Una volta che si inizia a spingere però, basta un piccolo errore per perdere il controllo della monoposto e sarà dannatamente difficile riprenderlo senza finire in testa coda o nel peggiore dei casi nelle barriere a bordo pista.

F1 22
F1 22

Gli sviluppatori ci hanno confidato di aver svolto un enorme lavoro sul modello fisico degli pneumatici. Il force feedback percepito quando si passa sui cordoli è molto più pronunciato, così come cambiano i vari livelli di aderenza dell'asfalto a seconda della pista o dalle condizioni meteo. Sempre su questo fronte abbiamo notato due particolari elementi che faranno la differenza: la mescola e la temperatura delle gomme. Quest'anno più che mai abbiamo notato un importante differenza in termini di prestazioni tra le varie mescole di gomme presenti nel videogioco. Guidare con un set di gomme dure sarà molto più complicato, soprattutto se non le si porta in temperatura. Proprio quest'ultima ha un'importanza ancora maggiore. In F1 22 è più complicato portare le gomme in temperatura ad esempio in uscita dalla sosta ai box o durante il giro di formazione, rendendo questi frangenti ancora più delicati del solito.

Chi si aspettava una rivoluzione completa del motore fisico e del modello di guida rimarrà un po' con l'amaro in bocca. Guidare queste nuove monoposto in F1 22 risulta comunque un'esperienza simile al passato, senza grossi stravolgimenti al di fuori delle ovvie modifiche applicate per gli enormi cambiamenti subiti dalle monoposto.

Formula 1 per tutti

F1 22
F1 22

Tutte le considerazioni fatte sul modello di guida nel paragrafo precedente valgono per chi desidera giocare senza aiuti. Codemasters però vuole offrire un'esperienza adatta a tutti, anche a coloro che non ricercano un livello di simulazione elevato, ma vogliono semplicemente vivere la Formula 1 in prima persona. Il videogioco F1 22 offre da questo punto di vista tante facilitazioni e aiuti alla guida, oltre a vere e proprie personalizzazioni dell'esperienza generale. Con tutte le opzioni di assistenza attive non avrete troppi problemi nella gestione delle temperature e nel diminuire il livello di difficoltà non dovrete prendervi grossi rischi per tenere il passo giro dopo giro. L'esperienza si adatta molto quindi alle vostre abilità, quest'anno ancora di più con l'introduzione di tre caratteristiche inedite.

Selezionando la modalità immersiva, avrete il pieno controllo della vostra monoposto in ogni situazione di gara. Per la prima volta possiamo guidare la macchina fino alla nostra casella di partenza in griglia, decidendo anche come posizionarla per uno scatto ottimale. Allo stesso modo, avremo maggiore controllo nei pitstop ai box, dove il nostro intervento manuale inciderà sulla durata complessiva della sosta. Coloro che desiderano un'esperienza più casual, potranno evitare tutte queste situazioni e lasciarle interamente all'intelligenza artificiale che si impegnerà a fare del proprio meglio. Quest'anno ad esempio l'intera sosta ai box o i giri dietro la safety car godranno anche di una telecamera dedicata che prenderà il controllo dell'azione per rendere il tutto più cinematico (a discapito dell'immersione).

F1 22
F1 22

L'intelligenza artificiale è sempre stata un punto forte della serie di videogiochi Codemasters. Non vogliamo giudicare quella sperimentata in F1 22, perché non è ancora stata calibrata a dovere. Possiamo però menzionare la nuova funzionalità chiamata intelligenza artificiale adattiva. Attivando questa opzione gli avversari in pista regoleranno le loro performance in base ai nostri tempi. Questo permette ai giocatori meno esperti, i quali non riescono a mantenere un passo gara costante, di godere comunque di una buona esperienza competitiva, senza snaturare troppo la gara con livelli di difficoltà troppo bassi.

La terza caratteristica sul fronte accessibilità non abbiamo potuto ancora provarla con mano. Gli sviluppatori però ci hanno detto che nella versione finale di F1 22 saranno presenti vari tutorial e guide per imparare a guidare al meglio. In particolare ci sarà la possibilità d'imparare a conoscere ogni singolo tracciato, andando ad affrontare in maniera corretta ogni curva. Sicuramente una funzionalità utile, che evita di dover ricorrere a fonti esterne come YouTube per apprendere le tecniche di guida all'interno del videogioco.

Modalità di gioco

F1 22
F1 22

Quest'anno vedremo il debutto di una nuova modalità di gioco, o meglio, una sorta di hub centrale dal quale accedere ai vari contenuti. Il suo nome sarà F1 Life e ci permetterà di creare e personalizzare un luogo virtuale dedicato al nostro alter-ego. Come di consueto infatti avremo la possibilità di creare un pilota da impersonare nel videogioco. In F1 22, oltre a poter personalizzare il suo aspetto, il casco e la tuta, potremo anche arredare uno spazio virtuale con numerosi accessori, trofei conquistati in pista e soprattutto acquistare delle lussuose supercar. Quest'ultime potranno essere usate anche nelle piste del videogioco, per dare luogo a spettacolari eventi a tempo o sfide di derapata. Gli sviluppatori hanno voluto introdurre questa simpatica novità, ispirati dagli eventi organizzati dal vivo nei weekend di gara, dove i piloti di Formula 1 portano i fan o altre celebrità a fare un giro del tracciato a bordo delle supercar. Non avendo potuto provare con mano F1 Life non sappiamo dirvi quanto sia ampia questa modalità, quanta personalizzazione offrirà e se sarà effettivamente divertente gestire questo nostro alter-ego virtuale comprando oggetti e macchine di lusso.

Oltre ad F1 Life, in F1 22 vedremo il ritorno di due modalità di gioco classiche: carriera pilota e My Team. Nella prima potremo iniziare la carriera di un pilota di Formula 1, andando ad affrontare fino a dieci stagioni consecutive. In My Team invece avremo la possibilità di gestire interamente una scuderia di Formula 1, dovendo scegliere anche le livree, gli sponsor, i piloti, gli sviluppi e tante altre variabili e parametri fondamentali.

F1 22
F1 22

Per valutare le novità introdotte quest'anno in queste modalità dovremo però attendere la versione finale del videogioco, dove andremo a provarle a fondo per la nostra recensione. Codemasters ci ha svelato in anticipo che in My Team avremo nuove possibilità di personalizzazione, una maggiore profondità nelle fasi di gestione del team e la possibilità di controllare una scuderia già al vertice della classifica, senza dover partire necessariamente dal fondo.

Non tornerà invece Braking Point, la modalità storia introdotta lo scorso anno con la partecipazione di attori veri tramite motion capture. Codemasters ha preferito concentrarsi sugli altri contenuti offerti dal gioco ed evitare di portare una versione castrata di Braking Point nel titolo di quest'anno. Sarà invece possibile affrontare la modalità carriera in due giocatori, anche con il tanto richiesto split screen.

Work in progress...

F1 22
F1 22

Ci sono ancora tante novità che faranno parte della versione finale di F1 22. Quest'anno farà il suo debutto la modalità VR su PC, grazie al supporto ufficiale ai visori della realtà virtuale. La VR sarà disponibile in tutte le modalità di gioco, comprese le gare multiplayer. Il comparto multigiocatore non riceverà grossi stravolgimenti. Gli sviluppatori però ci hanno promesso che verrà implementato il cross-play dopo il lancio, per permetterci di sfidare i giocatori di tutte le piattaforme.

Attualmente stanno anche lavorando per migliorare il matchmaking e consentire ai giocatori di riconnettersi alle partite in caso di disconnessione (cosa che ha creato grandi problemi anche per il campionato del mondo eSports). Per chi se lo stesse chiedendo, il fenomeno del purposing non sarà presente nel videogioco, mentre il sistema di danni non è stato ampliato rispetto allo scorso anno. Le vetture infatti hanno molte meno appendici aerodinamiche e di conseguenza anche meno parti che si possono rompere con una collisione. Come chicca finale, gli sviluppatori hanno rivelato che sarà possibile guidare anche la safety car in delle prove a tempo per poter fare il crono migliore nei vari tracciati.

F1 22
F1 22

Per quanto riguarda il comparto tecnico non abbiamo notato grandi stravolgimenti rispetto a F1 2021. Seppure si tratti ancora di una versione incompleta, qualche miglioramento grafico si nota. Chi si aspettava un salto generazionale importante sotto questo punto di vista però potrebbe rimanere deluso. Anche la pioggia e l'acqua sulla pista ha una resa visiva molto simile al videogioco dello scorso anno. Sono state aggiunte però tante nuove sequenze d'intermezzo, filmati e grafiche che arricchiscono l'esperienza visiva e aumentano il livello d'immersione nel videogioco, facendolo assomigliare tanto alle trasmissioni ufficiali nei weekend di gara. Codemasters vuole anche rivoluzionare il commento tecnico e in generali le voci presenti nel gioco aggiungendo vari opzioni di personalizzazione tra i commentatori più popolari del panorama internazionale. Purtroppo non sappiamo se tali novità incideranno anche sulla versione italiana del titolo.

Codemasters sta indubbiamente lavorando per trasmettere lo stesso entusiasmo percepito nel mondo della Formula 1 anche nella sua controparte videoludica. Le novità presentate sono sicuramente apprezzate, ma allo stato attuale conosciamo fin troppo poco i contenuti presenti nella versione finale. Da quanto abbiamo potuto provare, F1 22 non rivoluziona sostanzialmente la formula vista negli scorsi anni. Il modello di guida è cambiato per via delle nuove monoposto e del cambio regolamentare introdotto nella Formula 1. La base però rimane quella di sempre: un mix tra un titolo arcade per i giocatori più casual e un videogioco più simulativo. Tralasciando F1 Life che non abbiamo potuto approfondire nella nostra prova, F1 22 si presenta più come una naturale evoluzione della serie e non come una vera rivoluzione, sia dal punto di vista dei contenuti che del modello di guida e del comparto tecnico. Per dare un giudizio definitivo sul lavoro svolto da Codemasters dovremo però aspettare ancora qualche settimana in attesa del suo rilascio ufficiale previsto per il 1 luglio 2022.

CERTEZZE

  • Buon feeling della monoposto
  • Modello delle gomme rivisitato per essere più realistico
  • Tante opzioni sul fronte accessibilità e immersione
DUBBI
  • Conosciamo fin troppo poco F1 Life e le altre modalità
  • Tecnicamente molto simile alla scorsa edizione
  • Ancora troppo arcade per chi cerca un'esperienza puramente simulativa