Hearthstone: Ceneri delle Terre Esterne, una carta in esclusiva 4

Scopriamo insieme una delle nuove carte di Ceneri delle Terre Esterne, espansione di Hearthstone annunciata ieri da Blizzard

SPECIALE di Rosario Salatiello   —   18/03/2020

Indice

Ceneri delle Terre Esterne (Ashes of Outland) è il nome della prossima espansione di Hearthstone. Lo ha annunciato Blizzard in diretta streaming su Twitch ieri pomeriggio, approfittando dell'evento anche per mettere i giocatori al corrente delle tante novità in cantiere per il proprio gioco di carte. Archiviato l'Anno del Drago con l'avventura Il Risveglio di Galakrond, Hearthstone vedrà dunque iniziare ad aprile il nuovo Anno della Fenice.

Come di consueto, l'appuntamento con l'espansione primaverile apporterà modifiche anche alla rotazione del set di carte giocabili in modalità standard, inaugurando con il pacchetto di carte anche il nuovo ciclo ideato dal Team 5. Un ciclo che promette di riservare diverse sorprese a tutti quanti i fan di Hearthstone, dal 2014 uno dei preferiti in assoluto del suo genere. Visto che le novità in arrivo con Ceneri delle Terre Esterne sono particolarmente numerose, qui su Multiplayer.it ne approfittiamo prima di tutto per svelarvi in esclusiva una delle carte incluse nella prossima espansione, insieme a un piccolo riepilogo degli annunci principali di ieri. Siete curiosi di sapere tutto? Non dovete fare altro che continuare a leggere!

Og Ashes It It

Nuova classe: Cacciatore di Demoni

Il botto con cui Blizzard ha aperto la sua diretta via Twitch è stato quello relativo all'introduzione in Hearthstone di una nuova classe, la nona, dedicata al Cacciatore di Demoni (Demon Hunter). Il primo eroe che troveremo a interpretarla sarà inevitabilmente Illidan Stormrage, raccogliendo così ancora una volta da World of Warcraft l'ispirazione per dare vita a una espansione di Hearthstone dedicata alle terre distrutte di Draenor conosciute all'epoca di The Burning Crusade. Secondo quanto rivelato dagli sviluppatori in fase di presentazione, il Cacciatore di Demoni dovrebbe avere uno stile di gioco particolarmente aggressivo, votato all'attacco costante durante la singola partita. Il potere eroe, l'unico tra tutti a costare un solo cristallo di mana, permetterà all'eroe di ottenere un punto attacco aggiuntivo nel turno in cui viene usato. Al fine di mettere nuovo Demon Hunter in pari con le altre classi di Hearthstone dal punto di vista del numero di carte disponibili, Blizzard ha previsto un insieme di dieci carte base dedicato a Illidan, più altre venti che andranno a comporre il set introduttivo legato all'Anno del Drago. Sarà quindi pari a trenta il totale di carte di classe appartenenti al Cacciatore di Demoni.

Tra le novità dedicate alle altre classi troviamo un design piuttosto radicale del Sacerdote, per il quale passano in hall of fame alcune carte finora giocate in moltissimi mazzi (Chierica della Contea in primis), mentre altre sono state modificate per costare meno ed essere quindi più appetibili nell'uso all'interno dei mazzi. A proposito di hall of fame, si preannunciano grosse novità anche per tutti gli altri: oltre a riempirci di tristezza per la simpatia dello storico personaggio di World of Warcraft, l'addio di Leeroy Jenkins metterà a dura prova gli archetipi di tipo aggro, così come la necessità di rinunciare a Gigante di Montagna e Accolito del Dolore andrà a intaccare alcuni dei mazzi ai quali eravamo finora abituati.

La nuova carta Artigiano Mo’arg e la parola chiave Ripudio

Neutral Bt 733 Itit Moargartificer 57193

Dopo la carrellata dedicata alle novità in arrivo con Ceneri delle Terre Esterne, andiamo a scoprire la carta dell'espansione che Blizzard ci ha permesso di presentarvi in anteprima. Si tratta dell'Artigiano Mo'arg, un demone neutrale 2/4 dal costo di due cristalli di mana, che permette di raddoppiare i danni subiti da tutti quanti i servitori da parte delle magie. Una volta calato l'Artigiano, si potrà quindi puntare su un effetto ad area per pulire completamente il board o infliggere danni a un servitore avversario in particolare, tenendo però presente che al turno successivo la stessa carta permetterà anche all'avversario di godere dello stesso bonus. Le potenziali sinergie con altre carte sono ovviamente tantissime, strizzando l'occhio anche allo Stregone considerando che si tratta di un demone.

Per quanto riguarda le altre novità legate alle carte già mostrate ieri, Ceneri delle Terre Esterne introdurrà in Hearthstone anche una nuova parola chiave, tradotta in italiano col termine Ripudio (in inglese Outlast). Oltre al loro effetto base, le carte che possiedono questa caratteristica ne attivano una secondaria quando vengono giocate dall'estrema sinistra o destra della mano, anche nel turno in cui vengono pescate. Tra le centotrentacinque carte introdotte dalla nuova espansione, quelle con la parola chiave Ripudio non saranno le uniche dal tipo inedito: Ceneri delle Terre Esterne includerà infatti anche un nuovo gruppo di demoni inibiti, entranti in gioco come dormienti per due turni una volta giocati. Inizialmente essi saranno intoccabili da entrambi i giocatori, ma visibili, risvegliandosi successivamente per scatenare i loro effetti.

Screenshot 5

Considerazioni finali

L'arrivo dell'Anno della Fenice e di Ceneri delle Terre Esterne si preannuncia scoppiettante per Hearthstone per una serie di motivi che vanno oltre le carte introdotte dalla nuova espansione. Il piano di Blizzard prevede infatti anche una rivoluzione nel sistema di ranking finora in vigore, in base al quale si passava dal livello venticinque fino al livello uno per poi accedere a leggenda. Da aprile i rank saranno divisi in tipo, partendo da bronzo per passare da argento, oro, platino e diamante prima di arrivare al solito legend. Ogni livello sarà da tre stelle, indipendentemente dalla sua tipologia. Prima di concludere del tutto, una piccola nota di gusto riguardante il solito lavoro di Blizzard sugli artwork delle carte: quelle a tema "demoniaco" che abbiamo visto tra ieri e oggi ci hanno impressionato in modo particolarmente favorevole, lasciandoci quindi ben sperare per Ceneri delle Terre Esterne anche dal semplice punto di vista estetico.