Origin venderà i giochi finanziati con il crowdfunding senza royalty per 90 giorni  6

Che abbia capito di dover invogliare l'utenza con delle iniziative positive invece che con dei trappoloni?

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   18/05/2012

Una delle più grosse mancanze di Origin rispetto ad altri store online è l'assenza di progetti indipendenti furoi dall'orbita dei grandi publisher. L'ultima iniziativa del publisher Electronic Arts potrebbe cambiare la situazione, perché, sull'onda del successo di Kickstarter e soci, ovvero dei siti dedicati alla raccolta di fondi privati per la realizzazione di progetti vari, ha anunciato che pubblicherà su Origin i giochi nati dal crowdfunding senza far pagare royalty per novanta giorni.

Ovviamente l'offerta ha già trovato una buona ricezione tra gli sviluppatori indipendenti, che a quanto pare ne trarranno solo vantaggi. La prima a salire a bordo è stata la inXile di Brian Fargo con Wasteland 2, che ha portato a casa più di 3 milioni di dollari di finanziamento. Anche Pinkerton Road, il novello studio di Jane Jensen, rilascerà Moebius, il suo primo gioco, su Origin.

Ovviamente EA, che non fa beneficenza, avrà il suo tornaconto in termini d'immagine e, soprattutto, di nuovi utenti che accederanno al suo servizio, seriamente all'inseguimento di Steam.

Pagina per la submission dei giochi su Origin: Link