Game Dev Tycoon ci mostra cosa succede quando un pirata finisce in bancarotta a causa della pirateria 63

Un modo quantomeno originale di affrontare il fenomeno

NOTIZIA di Tommaso Pugliese   —   29/04/2013

Ieri è stato pubblicato Game Dev Tycoon, una simulazione per Windows, Mac e Linux che ci mette nei panni di uno sviluppatore indipendente di videogame che parte con un progetto realizzato in casa con l'obiettivo di mettere su un team e raggiungere il successo.

Ebbene, come raccontato nel loro blog, gli sviluppatori hanno voluto fare uno scherzetto ai pirati caricando sui circuiti illegali, torrent in primis, una versione crackata del gioco. Con uno scopo molto semplice: mettere chi scarica un videogame illegalmente di fronte alle conseguenze delle sue azioni.

Il trucco è semplice: a un certo punto, la versione farlocca del gioco si "incarta" e impedisce di proseguire perché il progetto a cui il personaggio lavora viene piratato e ciò porta il suo neonato team alla bancarotta. Ovvero ciò che realmente può accadere a un team indipendente che si trova ad affrontare per la prima volta il mercato videoludico.

Dati alla mano, le conclusioni degli sviluppatori di Game Dev Tycoon da una parte fanno sorridere, dall'altra intristiscono. Perché è chiaro che strappa una risata il pirata di turno che nei forum online dice di essersi bloccato nel gioco perché il suo titolo è stato piratato, ma allo stesso tempo fa molto riflettere come un prodotto dal prezzo di appena 6,49 euro trovi così tante persone disposte a scaricarlo illegalmente anziché acquistarlo. Stiamo parlando di una proporzione assurda: il 93,6% dei giocatori di Game Dev Tycoon lo ha scaricato illegalmente, mentre solo il 6,4% lo ha regolarmente acquistato.