Gli sviluppatori di Watch Dogs hanno chiesto la consulenza di Kaspersky Labs 57

L'obiettivo era quello di rendere gli hack quanto più realistici possibile

NOTIZIA di Tommaso Pugliese   —   11/05/2013

Dominic Guay, senior producer per Watch Dogs, ha rivelato ai microfoni di Joystiq che il suo team si è avvalso della consulenza di Kaspersky Labs per rendere realistiche le procedure di hacking nel gioco.

"Mandiamo loro alcune delle nostre idee, chiedendogli un feedback, ed è interessante ascoltare la loro opinione", ha detto Guay. "A volte ci dicono 'sì, è possibile, ma cambiate questo termine', altre volte 'non è così che funziona'. (...) Il punto, comunque, non è il minigame che consentirà di aprire una porta, quanto piuttosto il piano generale che ci vedrà effettuare chain hacking, sparare, viaggiare per la città e guidare per raggiungere un preciso obiettivo."

Fonte: VG247