Uno Mattina contro i videogiochi violenti 587

L'intervento di Favij inadeguato a difendere il medium videoludico

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   11/02/2015

Nel corso della puntata odierna di Uno Mattina (andate al minuto 19:30 circa del filmato riportato in fondo alla notizia), tra gli altri argomenti si è parlato anche di videogiochi con la scrittrice Dacia Maraini. Come segnalato in un'altra notizia, sembra essere in corso una vera e propria campagna di sensibilizzazione dei media tradizionali contro quello videoludico, con la moltiplicazione di interventi in materia in televisione e sui giornali.

Non per niente lo stesso Franco di Mare, il conduttore di Uno Mattina, ha citato la lettera di Ilaria Capua a Matteo Renzi in apertura della finestra informativa sull'argomento. Tra un'esagerazione del giornalista e un commento disinformato della scrittrice su "giochi in cui si vince investendo le persone" (era evidentissimo che non sapeva nulla di ciò di cui stava parlando), è spuntato anche l'esperto di videogiochi chiamato a rappresentare le tesi del nostro settore. Indovinate chi è?

No, purtroppo nessuno di rilevante, visto che è stato interpellato Favij, Lorenzo Ostuni all'anagrafe, che ha inanellato una serie di corbellerie degne di quelle degli altri due, confermandone addirittura in parte alcune tesi, come quella sull'influenza nefasta dei videogiochi violenti sulle menti dei più giovani, che ricordiamo essere stata smentita da diversi studi scientifici. Tra un balbettio e un'inesattezza, il nostro ha parlato anche di PEGI, spiegandone in modo davvero confuso e superficiale la funzione. Insomma, non ha fatto una grandissima figura, figura che porta a chiederci se non sia opportuno in occasioni simili diffidare di personaggi di questo tipo per rappresentare l'intera industria, visto che la loro impreparazione finisce per renderli più utili per le tesi contrarie, che per difendere la cultura del videogioco.