Accuratezza storica contro inclusività: Ubisoft ha scelto di cambiare la storia per evitare il sessismo in Assassin's Creed Origins  96

Giusto farlo?

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   21/02/2018

Il dibattito nato dalla scelta di Warhorse Studios di favorire l'accuratezza storica sull'inclusività in Kingdom Come: Deliverance, sul quale ci siamo ampiamente espressi, si arricchisce di un nuovo capitolo... riguardante Assassin's Creed Origins, il titolo di Ubisoft.

Molti si sono accorti infatti che nel gioco è stata fatto, con tanto di schermate esplicative, una scelta di segno esattamente contrario. Il team di sviluppo ha infatti alterato il contesto storico per non rappresentare il sessismo dell'epoca. Ciò si riscontra non solo nei dialoghi, ma anche in alcune scelte descrittive, come quella di includere le ragazze nel sistema educativo, dal quale in realtà erano escluse.

Sinceramente non capiamo perché l'accuratezza storica dovrebbe essere discriminante per qualcuno, ma ci adeguiamo. Ciò non toglie che operazioni simili sembrino più forme di rimozione che di presa di coscienza sociale.