Pac-Man festeggia i suoi trentotto anni con un cortometraggio d'animazione: Lifetime: A Pac-Man Story 4

Quanto tempo è passato dall'uscita del primo Pac-Man...

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   22/05/2018

Pac-Man non ha sicuramente bisogno di presentazioni. Nel caso non sappiate di chi o cosa stiamo parlando... che ci fate su di un sito di videogiochi? Si scherza, comunque è indubbio che il personaggio di Bandai Namco sia stato fondamentale per la storia del medium. Per questo è bello vederne festeggiati i trentotto anni con un bel cortometraggio animato in computer grafica, parte di un'iniziativa che lasciamo spiegare dalla viva voce del comunicato ufficiale.

BANDAI NAMCO Entertainment Ibérica, una delle più importanti società nel settore dell'intrattenimento audiovisivo, e PrimerFramer, una celebre scuola di animazione e videogiochi, sono lieti di annunciare il lancio internazionale del corto di animazione Lifetime: A Pac-Man Story. Questo breve film è basato sul franchise di PAC-MAN e racconta una storia di amicizia e amore in cui PAC-MAN sarà sempre presente.

Il corto è stato lanciato proprio oggi, il 22 maggio, per celebrare il 38° anniversario di PAC-MAN, un personaggio creato nel 1980 da Toru Iwatani. "PAC-MAN rappresenta idee e valori positivi, e nel corso degli anni è diventato un'icona culturale, andando oltre al mondo dei videogiochi. Celebrare il suo anniversario è un modo stupendo per rendere omaggio ai ricordi di un'intera generazione", ha dichiarato David Fraile, direttore marketing di BANDAI NAMCO Iberica.

Lifetime: A PAC-MAN Story è il primo corto sviluppato dopo l'accordo tra PrimeFrame e BANDAI NAMCO Entertainment, grazie al quale, gli studenti del Master di laurea in Animazione potranno utilizzare le proprietà intellettuali di BANDAI NAMCO per la propria tesi. In questo modo, proveranno le sfide di lavorare a un vero progetto, con requisiti e scadenze reali da parte di un vero cliente.

Pac-Man atr

x360  wiiu  xone  pc  ps4  gc  vic20  atr  gb  c64  itv  ngpk  gg  nes  msx 

Data di uscita: 1981