Bethesda accusata di sabotaggio dal publisher di Rune 2 con una tesi bislacca

Bethesda è stata accusata di sabotaggio dal publisher di Rune 2, per come ha smantellato Human Head Studios acquisendone il personale e per un'assurdità.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   22/10/2020
37

Ragnarok, il publisher di Rune 2, ha accusato Bethesda e Zenimax Media di sabotaggio per via di come ha acquisito il personale di Human Head Studios, che si stava occupando del gioco, e per un'altra tesi quantomeno bislacca: Rune 2 minacciava Skyrim e le Elder Scrolls tutte. Suspense.

Bethesda e Zenimax sono state aggiunte alla causa intentata da Ragnarok contro Human Head all'inizio dell'anno scorso. Se ricordate lo studio fu chiuso immediatamente dopo il lancio di Rune 2, nonostante il gioco fosse in uno stato pietoso, come dimostra la nostra recensione di allora. I dipendenti fuoriusciti da Human Head furono accolti da Bethesda che lì riunì sotto una nuova etichetta, Roundhouse Studios, che a quanto afferma l'accusa conservò anche parte dell'equipaggiamento del vecchio studio. Il tutto successe nel giro di due settimane, tanto da far pensare che ci fosse stata una certa premeditazione nell'intera storia.

Secondo Ragnarok il comportamento di Bethesda non è stato regolare e la faccenda non sarebbe stata per niente trasparente. Inoltre, Human Head avrebbe anche permesso a Bethesda di vedere una versione preliminare di Rune 2, non divulgabile in alcun modo al di fuori dello studio di sviluppo e del publisher: "Così facendo Bethesda e Zenimax hanno potuto verificare la minaccia che Rune 2 rappresentava per il loro franchise di punta, Skyrim / Elder Scrolls."

Di nostro fatichiamo a vedere la minaccia. A parte per lo stato di Rune 2, The Elder Scrolls V: Skyrim è uscito molti anni fa, mentre per The Elder Scrolls 6 mancano molti anni.

C'è da dire che recentemente Bethesda è stata acquisita da Microsoft... che qualcuno voglia provare a ottenere soldi dalla casa di Redmond?