Bioshock, Ken Levine ha chiesto scusa per il boss finale nudo 61

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   21/09/2018

Attenzione: la notizia è relativa a un contenuto di fine di gioco di Bioshock. Se non lo avete ancora giocato e non volete avere anticipazioni, non continuate a leggere.

Il 18 settembre è iniziato lo Yom Kippur, la più importante ricorrenza ebraica, che si è concluso il 19 settembre. In occasione del Giorno del Pentimento, Ken Levine ha voluto chiedere scusa per qualcosa che evidentemente turbava da tempo la sua anima: il boss finale di Bioshock, completamente nudo.

Il noto game director ha chiesto perdono ai fan di Bioshock su Twitter, fan che hanno però notato subito come le sue scuse possano essere interpretate in almeno due modi: uno è quello già riportato, mentre l'altro riguarda la pochezza dello scontro stesso, decisamente sottotono rispetto al resto del gioco. Quale sarà la verità? Difficile dirlo.

Per il resto rimaniamo in attesa di conoscere il prossimo gioco di Levine, fermo ormai da Bioshock Infinite. Chissà a cosa starà lavorando.