Mass Effect Trilogy remaster è praticamente certo, forse anche su Nintendo Switch, secondo VentureBeat

Mass Effect Trilogy sembra sia il remaster in arrivo da parte di Electronic Arts entro marzo 2021 e potrebbe anche arriva su Nintendo Switch, almeno in un secondo momento.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   07/05/2020
73

Un remaster di Mass Effect è riemerso con una certa forza nelle voci di corridoio recenti in seguito ai risultati finanziari di Electronic Arts, che parlavano di un rifacimento in alta definizione di qualche gioco noto all'interno del catalogo del publisher, ma la questione sembra essere praticamente certa, secondo il sito VentureBeat, che parla anche di una versione Nintendo Switch.

Non si capisce esattamente su quale base, ma Jeff Grub del sito in questione ha concluso il suo articolo con la panoramica delle novità emerse dai dati finanziari di Electronic Arts riferendo con molta chiarezza: "Oh, e quell'HD Remaster di un gioco EA è Mass Effect Trilogy. Non aspettatevi però di vederlo subito al lancio su Switch, almeno non all'inizio".

Grub non ha elaborato ulteriormente la questione, dunque non è chiaro su cosa basi un'affermazione così sicura, sempre che non sia una sorta di scherzo da parte del giornalista, ma messa in questo modo sembra che abbia ricevuto una qualche forma di conferma ufficiosa sull'esistenza del gioco.

D'altra parte, come abbiamo riferito nella notizia sul nuovo remaster in uscita entro marzo 2021 da parte di EA, Mass Effect Trilogy è certamente uno dei particolari indiziati: sia per il fatto che si presta piuttosto bene a un'operazione del genere, sia per il richiamo su cui può ancora contare la serie BioWare.

Dunque secondo il giornalista di VentureBeat è sicuro che si tratti di Mass Effect Trilogy Remaster, dunque dell'intera raccolta originale in forma rimasterizzata o comunque in qualche modo ristrutturata per le piattaforme moderne. Tra queste ci sarebbe peraltro anche Nintendo Switch: in base a quanto riferito, il gioco potrebbe arrivare sulla console Nintendo, forse in un secondo momento. Ovviamente prendiamo ancora il tutto come una voce di corridoio.