Microsoft ha citato in giudizio PlayStation per difendersi dalla causa dell'FTC

Microsoft ha deciso di citare in giudizio PlayStation per la sua difesa nella causa intentata dall'FTC per impedire l'acquisizione di Activision Blizzard.

Microsoft ha citato in giudizio PlayStation per difendersi dalla causa dell'FTC
NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   23/01/2023
145

Microsoft ha deciso di passare al contrattacco nell'organizzazione della sua difesa nella causa intentata dalla Federal Trade Commision (FTC) contro l'acquisizione di Activision Blizzard, citando in giudizio nientemeno che PlayStation.

La casa di Redmond vuole che Sony sveli dettagli sulla pipeline di produzione dei giochi PlayStation, informazioni che naturalmente la multinazionale giapponese è riluttante a condividere con i suoi concorrenti.

Stando ai documenti depositati in tribunale, SIE e Microsoft stanno negoziando sulle informazioni da portare in tribunale. Comunque sia, dopo una proroga di una settimana, Sony ha tempo fino al 27 gennaio per rispondere alla citazione.

A dicembre l'FTC ha annunciato il suo piano di portare Microsoft in tribunale per bloccare l'acquisizione di Activision Blizzard, contrattata per circa 69 miliardi di dollari. Tra le varie preoccupazioni espresse, l'organo antritrust USA ha abbracciato la tesi di Sony che ha denunciato il rischio di vedere ridotta la sua capacità di concorrere sul mercato nel caso in cui la serie Call of Duty finisca in mano a Microsoft.

Nella loro risposta alla FTC, Microsoft e Activision Blizzard hanno risposto che la loro fusione sarà positiva per la competizione e avrà il beneficio di aumentare la disponibilità dei Call of Duty.