PS5: Mark Cerny colpito dall'entusiasmo degli sviluppatori e dall'uso di ray tracing

Il system architect di PS5, Mark Cerny, si è detto positivamente colpito dalla risposta degli sviluppatori alla console e dall'uso immediato del ray tracing.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   13/05/2021
153

PS5 è una console progettata anche in base a feedback e scambi di informazioni con gli sviluppatori, secondo quanto riferito più volte dal responsabile principale del progetto, Mark Cerny, il quale di recente si è detto molto colpito dall'entusiasmo con cui gli sviluppatori hanno accolto la nuova console e anche dall'utilizzo così immediato del ray tracing.

In un'intervista pubblicata da Wired, Cerny ha raccontato di aver cercato attivamente il contatto diretto con gli sviluppatori, in particolare proprio con quelli che hanno qualche appunto da fare, perché proprio in questi confronti trova dei suggerimenti fondamentali per la progettazione di hardware.

Mark Cerny è il principale progettista di PS5 per Sony
Mark Cerny è il principale progettista di PS5 per Sony

Il system architect di Sony ha ricordato come i team avessero molto da lamentarsi sulla gestione delle pipeline grafiche troppo complesse ai tempi di PS3, poi della delusione di alcuni sviluppatori per la CPU di PS4, considerata un po' al di sotto delle aspettative, ma ha affermato di non aver trovato praticamente nessun riscontro negativo per PS5.

La nuova console Sony ha incontrato "lamentele miracolosamente minuscole" dagli sviluppatori, per quanto riguarda eventuali scelte meno condivise o colli di bottiglia al suo interno. L'accoglienza è stata molto positiva da parte degli addetti ai lavori, una cosa che ha stupito Cerny, ovviamente in maniera altrettanto positiva.

Un altro elemento di sorpresa è derivato dal ray tracing: Cerny ha spiegato come PS5 sia stata costruita con elementi hardware che possano utilizzare tale tecnologia grafica, ma non si aspettava che gli sviluppatori iniziassero a implementare il ray tracing così, presto, fin dai primi giochi sul mercato: "Pensavo che il ray tracing iniziasse a emergere nei giochi di seconda o terza generazione", ha affermato, "Pensavo che magari tra i primi titoli ci potesse essere qualche gioco in grado di far capire il potenziale, facendoci pensare alla validità o meno della scelta di implementare elementi hardware costosi per una soluzione grafica del genere, ma ritrovarsi con una risposta così positiva già nei primi giochi è stato fantastico".

Di recente, il capo dei Sony Worldwide Studios, Hermen Hulst, ha affermato che per PS5 ci sono già venticinque titoli in sviluppo nei PlayStation Studios, con la console che vende più giochi di PS4 al lancio.