PS5: lo show post-E3 2021 sarà una totale delusione o il migliore di sempre, niente vie di mezzo

Lo show post-E3 2021 di PS5 sarà una delusione totale oppure il miglior evento di sempre: non possono esserci vie di mezzo.

NOTIZIA di Nicola Armondi —   16/06/2021
170

Si è concluso l'E3 2021 e gli appassionati di tutto il mondo stanno tirando le somme di questa sequela di eventi. Il mondo dei videogiochi non si ferma però nemmeno un secondo e, anche se ci aspettiamo pochi annunci nel corso delle prossime settimane, i grandi assenti di questo inizio giugno stanno sicuramente preparando la propria risposta con nuovi trailer, date di uscita e tanto altro. Parliamo di Electronic Arts, ad esempio, ma soprattutto di Sony PlayStation.

PS5 ha preso la curva larga e si allontanata dall'E3 da tempo e ora è così lontana dall'evento che l'ESA - l'ente organizzatore - ha addirittura eliminato in corsa ogni riferimento dal trailer ufficiale, nel quale era inizialmente apparso un controller DualSense.

God of War: Ragnarok è stato rimandato, probabile grande assente
God of War: Ragnarok è stato rimandato, probabile grande assente

La risposta di Sony PlayStation non ha per ora una data precisa, ma i leak ci suggeriscono che non dovrebbe mancare più di qualche settimana. Fine giugno e inizio luglio sono i periodi più credibili, perfetti per permettere al pubblico di digerire il caos dell'E3 2021 senza però andare troppo dentro l'estate, periodo poco adatto a grandi annunci.

Cosa possiamo aspettarci quindi da Sony e da PlayStation 5? Impossibile ora indovinare tutti i giochi che saranno presenti ad uno show che nemmeno è stato annunciato, ma una cosa possiamo dirla: o sarà incredibile, o sarà una grandissima delusione.

Horizon Forbidden West è già stato ampiamente mostrato, non altro trailer non stupirà nessuno
Horizon Forbidden West è già stato ampiamente mostrato, non altro trailer non stupirà nessuno

E non parliamo tanto del tipo di contenuto mostrato, quanto della reazione che ci aspettiamo dal videogiocatore medio, oramai estremizzato in ogni opinione, che da ogni evento pretende decine di giochi di livello quadrupla A (ovviamente sulla base del gusto del singolo, mi raccomando), sorprese una dopo l'altra, video gameplay lunghissimi che stupiscano in ogni dettaglio senza però anticipare troppo... In poche parole, si vuole l'impossibile, soprattutto in un anno come questo, dove lo sviluppo di ogni gioco è stato ritardato dai problemi causati dalle quarantene.

Non basta inoltre che team di sviluppo ed editori svelino in anticipo scalette dettagliate degli annunci principali previsti durante l'evento, escludendo al massimo la classica singola sorpresa (per modo di dire, visto che i leak spesso l'anticipano), che poi si rivela essere un trailer caotico.

Final Fantasy XVI ha saltato Square Enix, sarà all'evento di Sony?
Final Fantasy XVI ha saltato Square Enix, sarà all'evento di Sony?

Il problema vero è che oramai i grandi eventi sono visti solo come uno spacciatore di hype e sorprese, non di veri contenuti e prodotti. Vogliamo prima di tutto far salire l'adrenalina, vogliamo passare una serata da occhi fuori dalle orbite, andare a letto col cuore a mille. Il giorno successivo sarà tutto uguale a prima, ma perlomeno nella nostra mente rimarrà impresso quel grande evento, come quell'E3 di Sony, con Final Fantasy 7 Remake, The Last Guardian e Shenmue 3. Poco conta che il primo abbia impiegato anni e anni per arrivare, che il secondo sia giunto nelle mani solo dei super appassionati di Ueda, cadendo nel dimenticatoio in un attimo, e che il terzo abbia tutt'altro che convinto. L'importante è che dopo anni e anni ancora ce ne ricordiamo.

Quindi Sony PlayStation deluderà completamente, oppure sarà il più grande show di sempre. Non ci sono vie di mezzo, perché un solido evento con vari annunci non basta più. Perlomeno sarà una bellissima scusa per dire la propria, per chiacchierare con altri appassionati come noi, per analizzare, speculare e spiegare perché siamo tanto delusi. Nel bene o nel male questi show ci attirano e radunano, come un falò in una notte gelida. Arrivata l'alba rimarrà poco nulla della gioia o della delusione della serata precedente. Alla fine, conterà solo se il gioco sarà valido e se venderà quanto basta. Ma per quell'unica sera, potremo essere tristi o stupiti tutti assieme, come una grande famiglia.

The Last of Us Remake sarebbe stata una grande sorpresa... forse non gradita, ma lo sarebbe stata
The Last of Us Remake sarebbe stata una grande sorpresa... forse non gradita, ma lo sarebbe stata

Quindi diteci, quali sono le vostre impossibili (impegnatevi, intendiamo veramente impossibili) richieste che vi spingerebbero a eleggere l'evento di Sony PlayStation come il migliore di sempre? Alla fine siamo qui anche per questo, per avere uno spazio per parlare.