Videogiochi: oltre metà degli americani ne ha fatto uso durante il lockdown

Oltre metà della popolazione americana ha fatto uso di videogiochi durante il primo lockdown, contribuendo a far aumentare in maniera sostanziale i numeri del mercato.

NOTIZIA di Tommaso Pugliese   —   10/01/2021
29

Oltre la metà degli americani ha giocato con i videogiochi durante il lockdown: lo rivela una ricerca effettuata da SuperData, che evidenzia come il 55% della popolazione americana si sia dedicata a questa forma di intrattenimento nel corso del 2020.

Sappiamo che PS4 ha venduto il doppio dei giochi rispetto al 2019, ma gli esempi sono svariati: l'anno che si è appena concluso ha visto l'aumento di tutti i numeri legati al mercato videoludico, ed è chiaro che la pandemia ha influenzato tale tendenza.

Ritrovatisi chiusi in casa, impossibilitati a dedicarsi agli sport all'aperto o a recarsi al cinema, gli americani hanno passato il proprio tempo in casa a guardare film e serie TV sulle più popolari piattaforme streaming, ma anche e soprattutto a giocare con i videogiochi.

Secondo i dati raccolti da SuperData, il 66% degli utenti negli USA dai 18 ai 24 anni ha preferito giocare su console, mentre il 60% del totale si è dedicato ai mobile game su smartphone e tablet. Non sorprende inoltre che ci sia stato un boom degli acquisti in formato digitale.

Il 27% delle persone ha usato i videogame per restare in contatto con gli amici, ed è questo fattore che ha contribuito all'incredibile successo di titoli come Animal Crossing: New Horizons, che ha superato i 26 milioni di copie vendute.