Trasporto di massa 10

Cities: Skylines - Mass Transit risolve finalmente i problemi dei trasporti del gioco

RECENSIONE di Simone Tagliaferri   —   23/05/2017

Indice

Cities: Skylines ha ormai ampiamente superato i due anni di vita sul mercato e, tra DLC e mod, è ormai molto differente rispetto a ciò che era in origine. Con Mass Transit i DLC maggiori pubblicati per il gestionale cittadino di Colossal Order hanno raggiunto quota quattro, senza contare gli innumerevoli pacchetti estetici pubblicati di contorno.

Come il titolo fa ben capire, finalmente è stato affrontato uno dei punti più critici dell'intero gioco, quello dei trasporti di massa, che nella versione base offrono opzioni insufficienti rispetto alle esigenze che si manifestano quando una città è cresciuta di dimensioni. Va detto che esistono diverse mod amatoriali di grande valore che hanno provato a mettere una pezza all'intero sistema, per la gran parte riuscendoci, ma vedere finalmente una soluzione ufficiale, seppur a pagamento, è in più di un senso confortante. Certo, sicuramente per alcuni sarà un intervento tardivo, ma va aggiunto un dettaglio di non poco conto per comprendere la bontà dell'intera operazione: i ragazzi di Colossal Order non hanno mai fatto mancare supporto e aggiornamenti per Cities: Skylines, nonostante la produzione di contenuti supplementari. Addirittura hanno fatto in modo che Mass Transit sia il più mod friendly possibile, ossia che installandolo non vada in conflitto con le aggiunte scaricate dal Workshop di Steam. Che poi, a ben vedere, le espansioni precedenti offrivano comunque dei validissimi contenuti supplementari (solo After Dark era un po' sottotono) capaci di arricchire non poco l'esperienza di gioco. Insomma, è davvero difficile trovare qualcosa da ridire sul comportamento degli sviluppatori relativamente alla gestione del prodotto.

Quote

Mass Transit è il DLC definitivo per Cities: Skylines? Finalmente si può prendere l'autobus?

In viaggio per la città

A differenza di quanto avvenuto con Afer Dark, Snowfall e Natural Disaster, Mass Transit è un DLC puramente strutturale. Certo, aggiunge anche diversi edifici e infrastrutture, ma il suo fulcro risiede nelle novità che introduce nell'interfaccia e nella gestione del sistema dei trasporti.

Di conseguenza, non aspettatevi niente di spettacolare come una pioggia di meteoriti o una tempesta di neve. Al massimo ci troverete una fantastica monorotaia da far correre lungo tutta la città, o dei traghetti con cui sfruttare i corsi d'acqua per alleggerire il traffico su gomma. Niente di troppo spinto dal punto di vista estetico, comunque. Poco importa, perché il bello di Mass Transit è nell'aggiunta di un ulteriore livello di complessità alla parte gestionale, con un contemporaneo alleggerimento della macchinosità dell'interfaccia di costruzione, molto migliorata anche nelle funzioni che non riguardano direttamente la progettazione di percorsi ferroviari e simili. L'obiettivo, perfettamente raggiunto, è quello di dotare i sindaci virtuali degli strumenti necessari a far crescere le loro città in armonia con i trasporti pubblici. Gli edifici chiave introdotti dal DLC sono gli hub terminal, ossia delle grandi stazioni di raccordo che consentono di collegare l'intera rete dei trasporti, rendendola in un certo senso organica al tessuto cittadino. Il sistema è così ben fatto che fa venire voglia di ricostruire da zero una città solo per sfruttare al massimo gli hub (ci sono anche degli scenari predisposti, ma come al solito è meglio fare da soli). Ma a che servono, vi starete chiedendo? Be', se vi è mai capitato di viaggiare, saprete che ci sono alcune stazioni dove scesi da un mezzo, ad esempio un treno, si trovano altri tipi di mezzi da prendere per giungere a destinazione, ad esempio degli autobus.

Gli hub di Mass Transit consentono di collegare ogni tipo di mezzo trasporto: immaginate i vostri cittadini virtuali che scendono dal treno della monorotaia in stazione e da lì possono prendere un traghetto che li porta a un altro hub, dove finalmente troveranno l'autobus che li porterà a casa. Più si fa pratica con il sistema, più se ne capiscono la versatilità e la potenza, oltre che i vantaggi per l'intera città. Una buona rete di trasporti riduce infatti di netto il traffico, migliorando l'inquinamento e aumentando la qualità della vita dei cittadini... oltre che gli introiti nelle casse del municipio derivanti dalla vendita dei biglietti. Ovviamente è ancora possibile piazzare singole fermate per ogni sistema di trasporto. Anzi, è virtuoso farlo studiando i percorsi migliori per cercare di coprire tutte le zone. Da questo punto di vista vengono in aiuto le novità introdotte nell'interfaccia, cui accennavamo sopra, che rendono più semplice la progettazione dell'intera città grazie a un sistema di guide integrato (se avete mai aperto un qualsiasi programma per fare grafica sapete di cosa parliamo), che evita errori e chiarisce a occhio quello che si sta facendo, togliendo di torno alcuni ostacoli quando necessario.

Altri contenuti e conclusioni

Il risultato di tanto lavoro è che ora occuparsi dei trasporti non è più un sacrificio, ma un divertimento, perché finalmente si sente che il sistema ricompensa l'impegno nel giusto modo, mostrando in modo palese gli effetti positivi del nostro operato.

Vedere consistenti riduzioni del traffico, con incroci che tornano finalmente a respirare e con i cittadini che si recano disciplinati a prendere i mezzi pubblici che gli abbiamo messo a disposizione, è davvero piacevole e rende la città in un certo senso più viva e reattiva alle nostre sollecitazioni (poi la potete sempre distruggere con le aggiunte di Natural Diasters... ma questa, come si suol dire, è un'altra storia). Creare una buona rete di trasporti richiede comunque del tempo e molti fondi, ma in questo caso sono entrambi spesi bene. Poi se vogliamo c'è anche la soddisfazione, tutta estetica, di vedere la spettacolare monorotaia correre silenziosa tra i palazzi... ne vengono fuori degli scorci niente male. Tra le altre aggiunte di Mass Transit spiccano le nuove strade, tipo quella asimmetrica con due corsie che vanno in una direzione, e una terza nell'altra; le nuove politiche, come quella dei messaggi educativi; la possibilità di rinominare le strade come si vuole e quella di modificare la segnaletica orizzontale, per poter così lavorare più nel dettaglio su problemi specifici del traffico, senza dover rivoluzionare interi quartieri. Per concludere, a nostro giudizio Mass Transit è un DLC essenziale se si ama Cities: Skylines, molto più degli altri già pubblicati, perché agisce direttamente sul concept del gioco, ossia quello dell'essere sindaci, dandoci nuovi, potenti strumenti per realizzare la nostra visione. Forse ha un primo impatto meno dirompente rispetto a quello di Natural Disasters, e sicuramente le aggiunte sono meno spettacolari di quelle di After Dark e Snowfall, ma sulla lunga distanza è il DLC che rende di più e l'unico che vi mancherebbe davvero nel caso tornaste a provare il gioco "vanilla".

Digital Delivery
Steam
Prezzo
12,99 €
Multiplayer.it

Lettori (1)

8.8

Il tuo voto

PRO

  • Ora il sistema dei trasporti funziona davvero bene
  • Le aggiunte all'interfaccia sono ottime
  • Complessivamente rende più interessante il gioco

CONTRO

  • Forse doveva uscire prima

Cities: Skylines - Mass Transit pc

pc 

Data di uscita: 2017

In digital delivery su Steam