La recensione di Final Fantasy XV: Windows Edition 110

Scopriamo la versione tecnicamente più avanzata del gioco

RECENSIONE di Simone Tagliaferri   —   09/03/2018
Scarica il Video

Final Fantasy XV: Windows Edition è identico alle versioni console in termini di contenuti. Più precisamente, è Final Fantasy XV aggiornato all'ultima versione e con tutti i DLC pubblicati fino a questo momento: Episode Gladiolus; Episode Prompto, Episode Ignis; Comrades e tutti gli innumerevoli pack, set e armi scaricabili rilasciati nel corso dei mesi. Per i dettagli dei diversi contenuti, vi rimandiamo alle relative recensioni, che sicuramente vi aiuteranno a farvi un quadro più esaustivo delle novità introdotte patch dopo patch ed espansione dopo espansione.

Purtroppo il modello economico dei giochi come servizi, cui Final Fantasy XV appartiene, crea inevitabilmente una frammentazione che rende complicato tenere traccia di tutto. Considerate anche che nel corso dei mesi si sono svolti degli eventi ormai inaccessibili, come il crossover con la serie Assassin's Creed. Non si tratta di perdite tragiche, anche perché di solito questi extra aggiungono poco o nulla al titolo base, ma è giusto che ne siate coscienti. Per il resto la versione Windows Edition rimane il racconto della storia del principe Noctis Lucis Caelume e dei suoi tre amici, Prompto, Gladiolus e Ignis, che devono raggiungere in auto la principessa Lunafreya Nox Fleuret del regno di Tenebrae, promessa sposa di Noctis. Purtroppo la loro missione cambia completamente natura dopo una serie di eventi che sconvolgono gli equilibri politici tra il regno di Lucis e quello di Niflheim, da anni in guerra tra loro. Riuscirà Noctis a recuperare il cristallo che ha protetto la sua gente per secoli? Per scoprirlo non resta che giocare.

Brotherhood e Kingsglaive

Quando si parla di Final Fantasy XV non va mai dimenticato che si tratta di un progetto crossmediale. In particolare i momenti iniziali, compresi gli eventi raccontati alla fine del primo capitolo, potrebbero risultare poco chiari se non si sono visti Brotherhood, una miniserie gratuita di cinque episodi che narra del viaggio dei quattro protagonisti prima dell'inizio degli eventi del gioco, e Kingsglaive, un film d'animazione incentrato sugli eventi occorsi nel regno di Lucis mentre Noctis era assente. Cliccando qui troverete raccolti tutti gli episodi di Brotherhood, mentre Kingsglaive andrà necessariamente acquistato in formato digitale o fisico per essere visto. In generale possiamo affermare che non sono essenziali, ma che allo stesso tempo aiutano a farsi un quadro più completo dei fatti raccontati durante l'avventura (Kingsglaive in particolare).

La versione PC: magnificenza tecnica e supporto mod

Insomma, il gioco lo conosciamo bene. Quindi, parlando della versione PC, conta soprattutto capire se ci troviamo di fronte a un port di qualità o a una trasposizione svogliata, fatta in economia (stile Chrono Trigger). La riposta breve è che ci troviamo di fronte a un gran port, ma vediamo di spiegarci. Square Enix, che evidentemente vuole usarla come un banco di prova, ha da subito presentato la versione PC di Final Fantasy XV come la più avanzata a livello tecnico. Non per niente l'ha realizzata in collaborazione con il produttore hardware Nvidia, i cui effetti Gameworks campeggiano in bella vista nel menù di configurazione. Ma è graficamente è tanto più bella delle altre versioni?

Andiamo con ordine. Intanto va detto che è molto scalabile. Le opzioni di configurazione sono tante e variegate. Ad esempio consentono di impostare la risoluzione dell'immagine, nonché quella di rendering, ma si possono ovviamente anche definire i dettagli delle texture, la qualità della tassellatura, quella dell'antialiasing e così via. In termini generali c'è un po' di tutto. I più smanettoni però, possono andare più in profondità con i ritocchi modificando i file .ini (fatelo solo se sapete cosa toccare). Le opzioni Gameworks attivabili dal menù di gioco sono: l'HairWorks, che migliora la resa dei capelli dei personaggi; il VXAO, che attiva l'occlusione ambientale Voxel; il Turf Effects, che migliora la resa dell'erba e lo ShadowLibs, che migliora le ombre dei personaggi. Attivando tutto è indubbio che la qualità finale dell'immagine sia molto superiore a quella delle versioni console. Ci spingiamo a dire, visto il PC che occorre per farlo girare al massimo dettaglio, che ci troviamo di fronte a un primo assaggio di next-gen. È a questo che ci riferivamo quando parlavamo di "banco di prova". Giocato a 4k su di una 1080Ti il gioco è un vero spettacolo, con dei paesaggi che mozzano il fiato e degli effetti di altissimo livello, evidentemente rilavorati per questa versione. Purtroppo siamo presto dovuti tornare ai 1080p e a una GTX 960 per completare la prova, con la quale comunque Final Fantasy XV si è comportato più che degnamente (non fatevi spaventare da chi afferma che ci voglia un computer high-end per giocarci). In generale possiamo dire che, configurato a dovere, il gioco non ci ha mai dato alcun problema. Gli unici momenti di incertezza si sono verificati con alcune summon, che hanno piegato un po' il framerate, ma va detto che non ci hanno mai impedito di giocare e, soprattutto, di comprendere ciò che stava avvenendo sullo schermo (nei limiti del confusionario sistema di combattimento). Detto questo, Final Fantasy XV potrebbe essere una buona scusa per aggiornare la scheda video... non fosse che per colpa dei data miner comprarne una di questi tempi costa un occhio della testa.

Scarica il Video

Altro elemento di pregio della versione PC è il supporto per le mod. Il Workshop del gioco su Steam è attivo e volendo si possono già scaricare diversi oggetti e costumi, tutti realizzati da Square Enix stessa, come il completo da Gordon Freeman per Noctis, o il costume da Kiactus (con varianti). Comunque, cercando si trovano anche altre mod, come la [Special K] FFXV Mini-Mod: Resource Mgmt. Performance, creata per risolvere i problemi di performance sperimentati su alcune configurazioni. Come molti di voi sapranno, su PC il supporto per i modder può spesso fare la differenza. Per ora non c'è moltissimo (sono i primi giorni, è naturale che sia così), ma qualcosa si sta muovendo, anche perché il forum dedicato pullula di progetti e richieste, tra le quali la più gettonata, neanche a dirlo, è una nude mod per Cindy. Qualche parola la merita anche il sistema di controllo: di nostro vi consigliamo di giocare con un controller, perché evidentemente Final Fantasy XV è stato pensato per esso. Comunque armeggiando con i menù di configurazione e facendo un po' di pratica si riesce a giocare tranquillamente anche con mouse e tastiera. Quindi non temete di essere penalizzati.

Requisiti di Sistema PC

Configurazione di Prova
  • Processore Intel Core i7-4770
  • 16 GB di RAM
  • Scheda video NVIDIA GeForce GTX 960
  • Sistema operativo Windows 10
Requisiti minimi
  • Sistema operativo Windows® 7 SP1/ Windows® 8.1 / Windows® 10 64-bit
  • Processore Intel® Core™ i5-2500(3.3GHz e oltre)/ AMD FX™-6100 (3.3GHz e oltre)
  • 8 GB di RAM
  • Scheda video NVIDIA® GeForce® GTX 760 / NVIDIA® GeForce® GTX 1050 / AMD Radeon™ R9 280
  • DirectX 11
  • 100 GB di spazio su Hard Disk
Requisiti consigliati
  • Processore Intel® Core™ i7-3770(3.4GHz e oltre)/ AMD FX™-8350(4.0 GHz e oltre)
  • 16 GB di RAM
  • Scheda video NVIDIA® GeForce® GTX 1060 6 GB VRAM / Radeon™ RX 480
Digital Delivery
Steam, Origin
Prezzo
49,99 €
Multiplayer.it

9.0

Lettori (32)

8.3

Il tuo voto

Final Fantasy XV: Windows Edition è indubbiamente la versione migliore del gioco in termini di resa visiva (se si dispone di un PC abbastanza potente). Gli sviluppatori di Square Enix hanno realizzato un port grandioso e, lavorando sulle impostazioni, si può rendere il gioco fluido su qualsiasi sistema situato tra la configurazione minima e quella massima, senza che per questo diventi orrendo da vedere. Qualche problema di lancio c'è, come il lag riscontrato da alcuni utilizzando un controller per giocare (già risolto dai modder e, si spera, presto messo a punto da Square Enix con un fix), ma in generale non ci si può proprio lamentare. Per il resto, si tratta dello stesso identico gioco già visto su console, solo con tutti i DLC pubblicati finora già inclusi nel pacchetto, compresa la modalità multiplayer, aggiunta che riduce di molto alcuni dei problemi narrativi presenti nell'originale. Qualche bug di secondaria importanza rimane, ma è davvero poca cosa di fronte ai conseguimenti tecnici mostrati. L'unico appunto che possiamo fargli è che non riuscirà a convincere chi non ha gradito la svolta stilistica presa dalla saga. Del resto non è certo questo il suo obiettivo.

PRO

  • Un port eccellente da ogni punto di vista
  • La versione PC è la migliore, graficamente parlando
  • Tutti i DLC compresi nel pacchetto
  • Tutti gli altri già segnalati per la versione console

CONTRO

  • I difetti della versione originale come un open world sfruttato in parte e qualche momento di confusione nei combattimenti