Commander ‘85: la recensione

La recensione di Commander '85, avventura con elementi di hacking e una trama sci-fi a forti tinte nostalgiche realizzata da The Moonwals

RECENSIONE di Rosario Salatiello   —   30/09/2020
16

Immaginate di ricevere in regalo per il vostro compleanno il computer che sognavate da tempo, dotato di un'intelligenza artificiale avanzatissima per il periodo in cui vi trovate. Siete infatti nel 1985, e la recensione di Commander '85 parla delle vostre giornate, passate tra una partita a un videogioco e l'esplorazione della rete esterna attraverso il modem di cui il nuovo computer è dotato. L'obiettivo del lavoro di The Moonwals è senza dubbio quello di solleticare le corde di tutti i nostalgici legati agli anni '80, tirando al suo interno elementi provenienti da tantissime delle opere realizzate in quel periodo. La fonte principale di ispirazione è come stiamo per vedere Wargames - Giochi di Guerra, film entrato nell'immaginario collettivo per il suo scenario da guerra fredda scatenato da un ragazzino con un PC. Ma la pellicola con Matthew Broderick rappresenta solo uno dei tanti riferimenti con cui Commander '85 prova a immergere il giocatore nell'atmosfera di quei tempi ormai andati da un pezzo, mettendo qua e là qualche citazione che i più attenti non faranno fatica a cogliere. Standocene seduti davanti al nostro computer siamo dunque stati impegnati per qualche giorno ad avere a che fare con il fantomatico Commander '85, per scrivere la recensione di questo titolo finanziato su Kickstarter.

Commander 85 3

La trama: giochi di guerra

Come già anticipato, la storia raccontata da Commander '85 si avvicina molto a quella del film Wargames, accompagnandola con alcuni elementi legati ai classici del periodo che compare nel nome della fatica di The Moonwals. Il protagonista è un adolescente che passa gran parte delle proprie giornate chiuso nella sua cameretta, impegnato a usare il suo nuovo computer facendosi assorbire dalla sua intelligenza artificiale al punto da arrivare anche a saltare la scuola. Una delle prime operazioni che siamo chiamati a compiere col nostro Commander '85 è proprio quella di entrare nel server della scuola per alterare i dati del registro delle presenze, prima di capire che qualcosa non sta andando per il verso giusto. Un pericoloso virus riesce infatti a penetrare all'interno del sistema, non permettendo al ragazzo neanche di forzare le operazioni di reset o di spegnimento della macchina. Col passare del tempo, il programma malevolo tenterà ripetutamente di prendere pieno possesso della capacità di elaborazione del computer, usandola per penetrare anche all'interno dei sistemi informatici governativi e scatenare una guerra nucleare. L'obiettivo primario diventa quindi quello di cercare in tutti i modi di rallentare l'effetto del software, ricorrendo ad alcuni strategemmi per sottrarre al virus le risorse del sistema. Allo stesso tempo il ragazzo deve cercare di capire cosa è successo e cosa continua a succedere intorno a questo misterioso Commander '85, facendosi aiutare da una coppia di amici raggiunti attraverso l'immancabile walkie-talkie. Tre diversi finali danno all'avventura un minimo di rigiocabilità, ma bisogna dire che la trama scorre su binari ampiamente prevedibili, senza regalare momenti particolarmente significativi al giocatore.

Il gameplay: hacking 101

Commander '85 prevede una breve fase iniziale in cui il giocatore può prendere un po' di dimestichezza col computer e i suoi comandi di sistema, installando giochi da floppy disk e interagendo con l'intelligenza artificiale. Chi si trova davanti allo schermo è chiamato quindi a tutti gli effetti a usare un PC nel PC, digitando comandi dalla propria tastiera per darli in pasto al Commander '85 del protagonista e compiere così operazioni di vario tipo. Si può per esempio controllare i processi attivi, usando eventualmente il comando kill per forzarne la chiusura, oppure collegarsi a computer remoti dove usare tecniche di hacking per accedere a dati protetti da login. La terminologia di Commander '85 attinge a piene mani dall'ambito informatico del mondo reale, mettendoci per esempio anche davanti al contenuto dei file /etc/shadow dei sistemi che stiamo attaccando con password da decrittare a mano, o in alternativa tramite un attacco in forza bruta. Per essere apprezzato al meglio Commander '85 richiede quindi un minimo di conoscenza tecnica e di abitudine a lavorare coi prompt dei comandi, grazie alle quali il giocatore può evitare di perdersi tra le tante opzioni a propria disposizione. È in realtà presente una modalità semplificata che permette in ogni istante di accedere alla lista dei comandi che si possono impartire al sistema operativo, ma spesso e volentieri occorre comunque fare riferimento al manuale d'uso per capire cosa viene interpretato correttamente dal prompt.

Commander 85 4

Gran parte delle dinamiche riguardano l'uso di Commander '85, con un ambiente circostante destinato quindi a fare più da contorno che da vero elemento di gioco. È comunque necessario di tanto in tanto prendere il walkie-talkie per comunicare con gli amici, organizzando le proprie mosse sia nel mondo reale che in quello virtuale con dei brevi dialoghi. Stare tutto questo tempo chiuso in camera davanti al computer attirerà l'attenzione della mamma del protagonista, che in varie occasioni aprirà la porta per cercare di farlo alzare dalla scrivania assegnandogli qualche compito. Oltre a ricordarci i tempi in cui tutto ciò accadeva eventualmente a noi, questo aspetto del gioco non va sottovalutato: se non ascoltata la madre ci metterà infatti in castigo, impedendoci di usare il Commander '85 rischiando così che il virus guadagni tempo prezioso.

In termini di gameplay Commander '85 soffre forse nel volersi prendere a tratti un po' troppo sul serio, ponendo quindi un'importante barriera per chi come dicevamo non è avvezzo ad alcuni aspetti dell'informatica. Sono troppi anche i tempi morti ai quali siamo sottoposti per aspettare il verificarsi di un evento che mandi avanti l'avventura.

Grafica e sonoro: ombre e luci

Dal punto di vista grafico Commander '85 non fa di certo gridare al miracolo, soprattutto a causa di texture in alcuni casi poco dettagliate e di alcune animazioni mancanti che rendono i pochi personaggi che vediamo piuttosto goffi. Il vero problema è però legato a una sensazione generale di mancanza di ottimizzazione, che culmina in un fastidioso bug che porta gli elementi presenti sulla scrivania del protagonista a rimanere incollati nelle sue mani, impedendo così lo svolgimenti di qualsiasi azione successiva. L'unica soluzione consiste nel salvare la partita e tornare al menu principale per ricaricare il salvataggio, trovando così l'oggetto riposto correttamente con la possibilità di andare avanti. Aggiungiamo la presenza di un'interfaccia poco intuitiva, che col suo uso di mouse e tastiera finisce in più di una occasione per confondere il giocatore invece di indirizzarlo verso l'azione che egli vorrebbe compiere.

Discorso diametralmente opposto invece per il sonoro, forse l'aspetto più indovinato di Commander '85: la presenza di alcune canzoni dalle sonorità rigorosamente legate agli anni '80 è infatti l'aspetto che permette maggiormente al giocatore di calarsi nell'atmosfera del gioco, usando la radio che si trova nella stanza del protagonista per ascoltare gli ottimi brani che compongono la colonna sonora.

Commander 85 7

Requisiti di Sistema PC

Configurazione di Prova

  • Sistema operativo: Windows 10 - 64-Bit
  • CPU: Intel Core i5-4460 3,20 GHz
  • RAM: 16 GB
  • Scheda video: NVIDIA GTX 970

Requisiti minimi

  • Sistema operativo: Windows 7/8/8.1/10
  • CPU: Core i3 / Ryzen 3
  • RAM: 4 GB
  • Scheda video: NVIDIA GTX 660 2 GB o equivalente
  • Spazio su disco: 5 GB

Requisiti consigliati

  • Sistema operativo: Windows 7/8/8.1/10
  • CPU: Core i5 / Ryzen 5
  • RAM: 8 GB
  • Scheda video: NVIDIA GTX 970 4GB o equivalente

Commento

Digital Delivery
Steam
Multiplayer.it

4.5

Lettori (1)

4.0

Il tuo voto

La recensione di Commander '85 si conclude con una valutazione su un gioco che si presenta in una veste palesemente incompleta, e che avrebbe quindi necessitato di un maggiore livello di ottimizzazione prima di arrivare sul mercato. A parte questi problemi, una volta assorbito l'effetto nostalgia iniziale Commander '85 non offre particolari motivi per essere comprato e giocato, a meno che non vogliate misurare le vostre doti da hacker con alcune sessioni particolarmente impegnative o siate degli inguaribili nostalgici che azzannano qualsiasi cosa porti un 80 nel nome.

PRO

  • Tanti riferimenti agli anni '80
  • "Combattere" col virus è a piccoli tratti divertente
CONTRO
  • Interfaccia poco intuitiva
  • Il bug descritto è particolarmente fastidioso
  • Trama che sa di già visto
  • Può risultare ostico