Cozy Grove, la recensione dell'alternativa ad Animal Crossing

Cozy Grove è un gioco che guarda chiaramente ad Animal Crossing, ma riesce a trovare un suo spazio tra mobile, PC e console.

RECENSIONE di Giorgio Melani   —   31/03/2021
8

C'è un certo gioco che sta facendo sfaceli in tutto il mondo ed è impossibile non guardare a quello scrivendo una recensione di Cozy Grove, ma questo non significa che il nuovo titolo di Spry Fox e The Quantum Astrophysicists Guild debba essere trattato come un mero clone senza speranza, anzi. Animal Crossing: New Horizons è un'esclusiva Nintendo Switch e considerando i suoi record di vendita è probabile che gran parte degli utenti della console in questione abbiano già fatto il loro ingresso nella propria isola paradisiaca, ma questo lascia comunque parecchio spazio a qualsiasi concorrente che si trovi al di fuori di tale piattaforma, specialmente se questo ha anche qualcosa di peculiare da mettere in tavola oltre alla solita somma delle parti riprese dal blockbuster Nintendo. È chiaro come l'originalità non sia il punto di forza di Cozy Grove, che potremmo definire "derivativo per design", in quanto ideato e sviluppato proprio in risposta ad Animal Crossing e forse anche Stardew Valley, ma il team è riuscito comunque ad infondere un po' di anima e identità a questo titolo, rendendolo un'esperienza alternativa e non necessariamente sovrapponibile alle altre.

Cozy Grove ci porta su un'affascinante e misteriosa isola popolata da teneri fantasmi
Cozy Grove ci porta su un'affascinante e misteriosa isola popolata da teneri fantasmi


Si parte dalla stessa premessa: trovarci inizialmente da soli in un'isola apparentemente disabitata, per scoprire progressivamente nuovi abitanti, espandere la mappa e curarla sotto numerosi aspetti, proprio come nella "simulazione di vita" da parte di Nintendo. La differenza maggiore è data dal fatto di trovarsi di fronte a un gioco più strutturato, cosa che può rappresentare un punto a favore o meno, a seconda di come si preferisca intraprendere l'esperienza, ma è in definitiva un elemento caratterizzante e identitario per Cozy Grove. Il protagonista della storia è uno "spettro scout", inviato sull'isola per aiutare i vari fantasmi che la popolano: sebbene la premessa possa sembrare lugubre, lo stile è estremamente tenero e faceto, anche se non mancano i momenti più malinconici soprattutto nei ricordi che ogni personaggio si porta dietro. Al di là del crafting e della personalizzazione dell'isola, l'interazione con questi spiriti è il motore del gioco, visto che ognuno di questi ha dei compiti da assegnare al protagonista, che una volta completati assicurano ceppi dello spirito con cui nutrire il focolare al centro della mappa e un avanzamento nella "storia", colorando porzioni dell'isola e incrementando la conoscenza e il rapporto con i vari abitanti.

Un'isola da curare e spiriti da aiutare

Completando i vari compiti possiamo colorare nuove porzioni dell'isola
Completando i vari compiti possiamo colorare nuove porzioni dell'isola


La missione del protagonista, da bravo scout spirituale, è aiutare i vari fantasmi di animali che spuntano in giro per l'isola, completando le missioni assegnate e facendo in modo che possano infine raggiungere la pace. Si parte dal campo base al centro della mappa, nel quale si trova un focolare onniscente (o quasi) in grado di fornire informazioni ed espandere l'accampamento e l'intera isola se nutrito con "ceppi dello spirito", preziosi oggetti che si conquistano rispondendo alle richieste dei fantasmi. La progressione si basa più su questo meccanismo che sull'accumulo di denaro, sebbene anche questo sia un elemento centrale nel gameplay, ma Cozy Grove fa in modo di cadenzare l'avanzamento nella storia e l'evoluzione dell'isola imponendo delle pause al giocatore: ogni giorno è possibile portare avanti solo una certa quantità di quest valevoli per la progressione, richiedendo poi di attendere il giorno successivo. Questo non impedisce di dedicarci a tutte le attività extra relative alla personalizzazione dell'accampamento e dell'isola, ma impone delle pause che, se da una parte possono risultare rispettose del tempo dei giocatori, dall'altra possono sembrare espedienti per allungare artificiosamente la longevità diluendola in maniera un po' forzata.

Donando i ceppi dello spirito al focolare del campo base si ottengono vari progressi nel gioco
Donando i ceppi dello spirito al focolare del campo base si ottengono vari progressi nel gioco


Le quest proposte dai fantasmi sono quasi sempre relative al recupero di particolari oggetti sparsi per la mappa o alla creazione di nuovi, dunque si tratta soprattutto di esplorare e trovare i tesori nascosti, craftare oggetti oppure interagire con altri NPC per riceverli o innescare le classiche catene di scambio, ma il fatto di poter sbloccare nuovi elementi di storia legati ai ricordi e di poter colorare varie porzioni della mappa fornisce una notevole spinta ad andare avanti, al di là della ripetitività intrinseca dell'azione di gioco. Si parla di ben 40 ore solo per quanto riguarda questi elementi della "storia", dunque di contenuti ce ne sono in abbondanza anche sotto questo aspetto. Per il resto, l'altro fattore preponderante del gameplay sono le attività alternative come la pesca e la raccolta di risorse e soprattutto la personalizzazione dell'isola, che passa attraverso il crafting. Questo si basa sulla scoperta di progetti (conquistati attraverso quest o ricevuti in varie altre maniere), che possono essere attuati a partire dalla raccolta di materie prime o elaborate all'interno dell'isola e la lavorazione sul banco apposito, costruendo nuovi oggetti con cui arricchire l'accampamento e lo scenario in generale. Sempre in linea con Animal Crossing, è possibile anche riservare oggetti raccolti, pesci e quant'altro a una collezione gestita da uno spirito marinaio posizionato sulla spiaggia, che assume in questo senso il ruolo del mitico Blatero di Animal Crossing.

Fra le attività alternative di Cozy Grove c'è anche la pesca, chiaramente ispirata ad Animal Crossing
Fra le attività alternative di Cozy Grove c'è anche la pesca, chiaramente ispirata ad Animal Crossing


Al di là delle differenze strutturali, bisogna dire che Cozy Grove riesce a spiccare con una propria caratterizzazione grazie soprattutto allo stile grafico adottato. La grafica disegnata in 2D è estremamente ricca e particolareggiata, forse addirittura troppo, considerando come spesso sia possibile confondere gli elementi dello scenario a causa della quantità di oggetti presenti e causa della particolare prospettiva adottata che costringe a occultare alberi e strutture in primo piano in modo da non coprire la visuale. Può piacere o meno rispetto allo stile pulito ed essenziale del gioco a cui si ispira, ma è indubbio che Spry Fox abbia saputo infondere una notevole identità ad un titolo pur così derivativo grazie anche a un gran lavoro svolto sull'estetica, veramente molto particolare.

Commento

Versione testata
iPad 1.4.0
Digital Delivery
Steam, PlayStation Store, Xbox Store, Nintendo eShop, App Store
Multiplayer.it

8.0

Lettori (3)

8.3

Il tuo voto

Cozy Grove può essere considerato un gioco derivativo per design, essendo stato costruito in risposta all'enorme successo di titoli come Animal Crossing e Stardew Valley, ma riesce a trovare un suo spazio e anche una propria identità specifica. Oltre al semplice fatto di poter essere giocato su tutte le piattaforme, il gioco Spry Fox si presenta anche più strutturato rispetto ai titoli a cui si ispira, con una progressione più netta e tradizionale rispetto alla rilassante libertà del gioco Nintendo, anche se in sostanza si tratta di una successione continua di fetch quest. Di converso, la limitazione giornaliera sulle azioni da compiere può funzionare bene per diluire l'esperienza e viverla con maggiore relax, ma può anche risultare come una fastidiosa forzatura. Nella sua ricercata caratterizzazione grafica, Cozy Grove non raggiunge probabilmente il carisma delle sue fonti d'ispirazione ma riesce comunque ad affascinare con il suo tono tenero e malinconico.

PRO

  • Tante cose da fare, distribuite nel tempo
  • Caratterizzazione affascinante, tra il tenero e il malinconico
  • Tono rilassato e coinvolgente
CONTRO
  • Meno carismatico e ampio rispetto ad Animal Crossing
  • La diluizione del gameplay in frammenti quotidiani è un po' forzata
  • Il gameplay praticamente privo di sfida potrebbe non piacere ad alcuni