Encodya, la recensione

La promettente avventrua grafica di Chaosmonger Studio e Nicola Piovesan debutta finalmente su PC: la recensione di Encodya

RECENSIONE di Luca Porro   —   24/01/2021
18

Scrivendo la recensione di Encodya per PC stiamo riavvolgendo il nastro di tutto ciò che abbiamo concluso da poco, facendo riaffiorare il saliscendi di emozioni che questa avventura punta e clicca è in grado di offrire. Il titolo creato da Chaosmonger Studio e Nicola Piovesan, che già avevano lavorato al corto d'animazione "Robot Will Protect You", è davvero un bellissimo omaggio alle avventure grafiche di un tempo in grado di non rimanere solo ed esclusivamente quello. Il suo carattere, la sua personalità si fondono con elementi che avvicinano Studio Ghibli, Blade Runner e Monkey Island. Encodya non è perfetto, ma è la più bella dichiarazione d'amore per questo genere di titoli che troverete sul mercato.

Trama

Encodya 6

Scrivere la trama di una avventura grafica da pubblicare nel 2021 non è compito facile. Il genere ha dei capisaldi granitici che sono rimasti intoccabili per decenni, e allo stesso tempo la discesa nell'ombra che le avventure grafiche hanno vissuto in questi anni ha acuito il senso di obsolescenza che il pubblico di oggi spesso prova davanti a questi prodotti. Encodya ha il grande merito di bilanciare queste sensazioni con elementi in grado di strappare un'emozione al giocatore, che sia essa ilarità o malinconia, empatia o commiserazione. Le vicende proposte seguono la giovanissima Tina, una bambina di nove anni, accompagnata dal suo robot balia S.A.M.-53.

L'ambientazione è una futuristica e cyberpunk Neo-Berlino in cui la multiculturalità ha spersonificato la capitale tedesca (al di là della Porta di Brandeburgo) rendendola davvero simile a un mix di tutte le più grandi città del mondo. Ad accentuare tutto ciò il grande utilizzo di architettura in stile giapponese all'interno di quella che sembra una rivisitazione di Neo-Tokyo più che una novella Berlino futuristica. Le vicende presentate vi condurranno verso alcune oscure vicende che si annidano nel passato di Tina, nel suo essere orfana, nella natura di S.A.M e nell'utilizzo del cyberspazio come cura a tutti i mali. Insomma, un viaggio nelle emozioni tra easter egg e momenti strappalacrime. Non siamo di certo davanti a un prodotto sconvolgente in termini di trama e di tematiche, ma Encodya è un prodotto perfettamente bilanciato, in grado di sfruttare al meglio l'effetto "già visto" pur non stuccando il giocatore. Encodya è a tutti gli effetti un riflesso della nostra società, un monito per capire dove potrebbe condurci questa continua ricerca di un piacere effimero che lascia da parte le più semplici, ma non banali, piccole gioie della vita.

Gameplay

Encodya 3

Encodya è un'avventura punta e clicca dal sapore retrò. Tutto quello che avete imparato a conoscere in questo genere di titoli è presente: lo spostamento col mouse, la corsa col doppio click, i dialoghi con i personaggi per approfondire la lore, una grande quantità di enigmi, l'inventario infinito e per concludere l'interazione tra gli oggetti. Encodya non apporta nessuna modifica al genere, cerca infatti di rendere perfettamente funzionali le caratteristiche base, puntando tutto sugli elementi di scrittura quali il senso dell'umorismo e la surrealtà di certe azioni. Proprio in questi casi, ovvero quando il titolo non si prende sul serio, esce la forte ispirazione ai capisaldi del genere. L'umorismo è quello visto nelle più grandi avventure grafiche e i riferimenti si sprecano: da Monkey Island a Broken Sword, da Tony Tough a Day of the Tentacle.

Quello che però rende maggiormente movimentata l'avventura è la presenza di 10 segreti disseminati durante tutte le circa 8-10 ore che necessiterà il gioco per essere completato al 100%. Durante il nostro viaggio ci siamo più volte fermati a ragionare sugli enigmi che si sono rivelati sorprendentemente stimolanti. A colpire è l'ottima organizzazione degli stessi secondo un crescendo di difficoltà (nonostante vi sia una iniziale selezione e irreversibile tra facile e difficile) che accompagna il giocatore. L'utente è dunque obbligato a dover conoscere le zone esplorabili della mappa, ad avere buona memoria e solo in rarissimi casi ci siamo trovati di fronte a puzzle davvero troppo intuitivi. Il dialogo, l'approfondimento della lore dagli NPC, tutto ruota attorno alla volontà del team di sviluppo di accrescere le conoscenze del giocatore rispetto alla narrativa dell'opera.

Aspetto tecnico

Encodya 2

Chiaramente Encodya non è un titolo che punta a strabiliare l'utente con il suo livello tecnico. Quello che però ci si trova davanti è un titolo ancora una volta molto ben caratterizzato. Lo stile cartoon non è invasivo e anzi rende molto giustizia ai momenti in cui i toni si spostano sopra le righe. Certo in alcune fasi concitate, soprattutto nel finale, il gioco apre un po' il fianco al valore ridotto del budget, ma sono inezie che in un titolo del genere lasciano il tempo che trovano. A colpire è sicuramente l'audio e l'ottima localizzazione. Encodya non si dimentica l'importanza del sonoro e accompagna nella giusta maniera il giocatore durante il suo viaggio, supportando a dovere le scene che lo necessitano senza strafare. Anche la localizzazione (supportata dai risultati della campagna Kickstarter) è di pregevole fattura e si rende degna di lode assieme all'interpretazione in lingua inglese. Proprio quest'ultima, pur non essendo di valore assoluto, è sicuramente sopra la media rispetto alla produzione presa in esame.

Commento

Versione testata
PC Windows
Digital Delivery
Steam
Multiplayer.it

8.0

Lettori (6)

9.1

Il tuo voto

Encodya è un inno d'amore alle avventure grafiche radicato nel passato ma con gli occhi ben saldi sul presente. L'insieme di citazioni e parti originali rende l'opera fruibile sia dai veterani del genere che dai neofiti che vogliono prendersi una pausa dalle impegnative produzioni tripla A mensili. Tra enigmi degni di nota e divertenti segreti da scoprire il giocatore non avrà momenti morti in tutte le 8-10 dell'avventura. Encodya è riscoprire le piccole gioie della vita in un viaggio tra emozioni e cyberpunk, consolidare i valori mettendo in discussione ogni certezza. Se state cercando un'avventura grafica in grado di farvi tornare la nostalgia del passato senza lasciarvi l'amaro in bocca, allora la non tanto ridente Neo-Berlino è lì che aspetta soltanto voi.

PRO

  • Storia emozionante che fa riflettere
  • Neo-Berlino è davvero ben caratterizzata
  • Pieno di citazionismo e non fan-service
CONTRO
  • Il alcuni punti si sarebbe potuto approfondire di più