Eternal Threads, la recensione di un puzzle game in prima persona in cui si manipola il tempo

La recensione di Eternal Threads, un puzzle game in prima persona in cui si deve manipolare il tempo per salvare delle persone.

RECENSIONE di Simone Tagliaferri   —   18/05/2022
72

Immaginate di poter manipolare il tempo grazie a una tecnologia avanzatissima, ma di avere dei limiti precisi da rispettare, per non creare dei paradossi che avrebbe conseguenze distruttive per l'intero universo (ma senza esagerare). Questa, più o meno, è l'idea che fa da sfondo al titolo di Cosmonaut Studios, un puzzle game in prima persona in cui si deve cambiare il corso di uno specifico evento senza causare disastri spazio temporali. Varrà la pena di farlo? Per scoprirlo non vi resta che leggere la recensione di Eternal Threads, fortunatamente presente in una sola linea temporale.

Gameplay

In Eternal Threads si passa molto tempo a riguardare gli eventi riportati sulla linea temporale
In Eternal Threads si passa molto tempo a riguardare gli eventi riportati sulla linea temporale

Durante il tutorial di Eternal Threads, abbiamo avuto una strana impressione che non siamo riusciti a scrollarci di dosso per l'intero gioco, quella di trovarci di fronte a una specie di editor video, ossia a un gioco concepito come tale. Ma andiamo con ordine. Siamo nei panni di un agente operativo inviato nell'Inghilterra del nord, in una casa dove nel maggio del 2015 sei persone sono morte in un incendio. Il nostro scopo è quello di salvarle, ma seguendo alcune regole. In particolare non ci è permesso di evitare lo scoppio dell'incendio, andando ad agire sulla causa che l'ha scatenato. Ciò che dobbiamo fare invece, è esaminare la linea temporale degli eventi avvenuti nei sette giorni precedenti al fatto, e manipolarli per salvare la vita alle sei vittime. Per esaminare gli eventi intendiamo proprio vederli accadere nella realtà, come fossero delle clip su cui possiamo agire forzando determinati comportamenti dei sei, con scelte fatte in altri eventi o negli eventi stessi. Per farlo abbiamo a disposizione uno strumento potentissimo, che proietta gli eventi negli ambienti in cui sono accaduti, consentendoci di studiarli.

Il bello è che possiamo vederli nell'ordine che vogliamo, perché abbiamo a disposizione da subito l'intera linea temporale. Già da questa breve descrizione avrete capito come mai abbiamo parlato di avere avuto la sensazione di giocare con una specie di editor video, in cui non potevamo cambiare l'ordine delle sequenze, ma le sequenze stesse.

Qui emerge prepotente la natura da puzzle game di Eternal Threads. Andarsene in giro per la casa a guardare le varie scene ci permette di ragionare sulle stesse, per cercare di capire dove e come andare a manipolarle. Alla fine tutto deve tornare, altrimenti abbiamo fallito la nostra missione. A complicare le cose ci pensa anche l'esplorazione. Andarsene in giro per la grossa casa alla ricerca d'indizi è infatti essenziale per capire certi eventi e agire di conseguenza.

Esaminare oggetti può dare suggerimenti sulle scelte da compiere
Esaminare oggetti può dare suggerimenti sulle scelte da compiere

Ad esempio si possono leggere i messaggi su di uno smartphone abbandonato o si possono osservare gli oggetti nelle stanze dei sei, che danno dei suggerimenti su come portarli a comportarsi nei modi voluti. Comunque sia, l'osservazione degli eventi rimane la parte essenziale del gioco, quella su cui si spende più tempo e che, in ultima istanza, è più curata a livello di meccaniche. Del resto è l'elemento più affascinante dell'intero gameplay, quello che lo giustifica e lo rende a suo originale.

Buona parte del gioco si svolge quindi studiando la linea temporale, di cui ogni nodo dà informazioni essenziali, come i personaggi coinvolti e il fatto che sia la prima volta o meno che lo guardiamo. Presto entreremo in contatto anche con la linea dell'influenza, ossia con un'informazione grafica che ci fa capire quando l'evento manipolato avrà peso sugli eventi futuri, anch'essa vitale per l'indagine.

Indagine

Il sistema di gioco è molto semplice, tutto sommato
Il sistema di gioco è molto semplice, tutto sommato

Parlando di meccaniche di gioco non c'è molto altro da aggiungere, perché Eternal Threads è tutto qui. In un certo senso sembra quasi che gli sviluppatori abbiano evitato il più possibile di creare troppe complicazioni, per far concentrare il giocatore sulla ricerca della soluzione del caso. Anzi, sarebbe meglio dire delle soluzioni, visto che è possibile salvare la vita ai personaggi in modi differenti, agendo come meglio si preferisce. In questo senso ci troviamo di fronte a un titolo davvero particolare, che richiama alla mente capolavori del calibro di Her Story o Return of the Obra Dinn, per via della libertà di approccio lasciata al giocatore. È davvero possibile agire come meglio si crede. Ad esempio ci si può concentrare su di un solo personaggio, oppure si può procedere a ritroso, partendo cioè dall'incendio per ricostruire le vicende dei sei un passo alla volta, fino all'origine delle loro disgrazie. Volendo si può anche andare a caso, selezionando degli eventi sparsi sulla linea temporale per poi sviluppare l'indagine partendo da ciò che si apprende. Nell'eventualità che non si ricordi un determinato evento, è possibile riguardarlo ogni volta che si vuole, così da poter verificare subito determinati fatti. Da questo punto di vista non ci sono davvero limiti e il gioco è pensato per essere più aperto possibile, così da lasciare il giocatore libero di trarre le sue conclusioni. Nel caso, è anche possibile rigiocare per provare delle soluzioni alternative. Insomma, il team di sviluppo ci ha dato gli strumenti, ma ora spetta a noi smontare e rimontare il film.

Passerete molto tempo in compagnia della linea temporale
Passerete molto tempo in compagnia della linea temporale

In questo senso Eternal Threads è un titolo riuscitissimo, che riesce a coinvolgere nelle sue spire, soprattutto se ci si lascia appassionare dall'indagine. La storia di suo riserva più di qualche sorpresa, ma non è l'elemento principale dell'avventura, che invece rimane l'indagine stessa e il modo di condurla.

In termini tecnici il gioco di Cosmonaut Software è realizzato con grandissima intelligenza. Evidentemente gli sviluppatori sapevano di non avere a disposizione risorse illimitate e si sono concentrati nel curare maggiormente un singolo, grande ambiente, invece di allargare il tiro per, magari, perdersi per strada. Per inciso: la gran parte del gioco si svolge nella casa e su quella sono state poste le cure maggiori, magari forzando alcune cose, ma rimanendo con i piedi per terra per tutta l'avventura. Del resto la presenza di così tanti eventi avrà imposto delle scelte su come impiegare le risorse. Gli eventi d'altro canto sono tutti animati e ben realizzati, segno che il team aveva ben chiaro dove focalizzarsi.

Commento

Versione testata PC Windows
Digital Delivery Steam, PlayStation Store, Xbox Store
Multiplayer.it

8.9

Lettori (4)

7.4

Il tuo voto

Eternal Threads ci ha davvero convinti, grazia alla libertà che lascia al giocatore di svolgere l'indagine liberamente. Alla fine la manipolazione temporale è solo la scusa per proporre un ottimo puzzle game investigativo, che coinvolge grazie a una scrittura di buona fattura e alle molte possibilità che offre in termini di risoluzione del caso. Certo, fa specie vedere idee simili spuntare solo in ambito indie, perché dimostrano che i videogiochi hanno molto da dire al di là dei generi tradizionali e possono ancora offrire concept di gioco intriganti e originali, senza per questo risultare ammorbanti.

PRO

  • Il giocatore può condurre le indagini come vuole
  • Intrigante come viene usata la linea temporale
  • Tante possibili risoluzioni differenti del caso
CONTRO
  • Qualche elemento grafico sottotono
  • In alcuni casi, sarebbe pratico poter saltare le proiezioni