FIFA 21, la recensione della versione PC

Il nuovo capitolo di FIFA non propone cambiamenti eclatanti rispetto all'edizione 2020, ma solo qualche piccola novità: vediamo insieme quali nella nostra recensione della versione PC

RECENSIONE di Massimo Reina   —   08/10/2020
15

Come molte produzioni seriali rilasciate a cavallo tra due generazioni di console, anche FIFA 21 non offre novità eclatanti rispetto all'edizione che l'ha preceduta. A iniziare da un gameplay che nei suoi punti di massima espressione è rimasto pressoché invariato, nonostante alcuni ritocchi ne hanno un po' sbilanciato certe meccaniche. Insomma, appare evidente che, come del resto la concorrenza, lo sforzo produttivo di Electronic Arts sia ormai rivolto sulle console di nuova generazione. Fatta questa doverosa premessa, addentriamoci nella nostra analisi del nuovo capitolo del franchise su PC, che molti appassionati considerano comunque la migliore espressione digitale del calcio simulato.

Modalità, Carriera e FUT al top

I classici menu a finestra accolgono il giocatore nella schermata principale del gioco, dove sono disponibili le varie opzioni. Tra le modalità non si registrano novità eclatanti e sono presenti tutte quelle dell'anno scorso, dalle amichevoli rapide ai vari tornei, veri o inventati, ciascuno dei quali caratterizzato da diverse opzioni per tutti i gusti e per tutte le esigenze, aperti anche all'online. In tal senso abbiamo avuto modo di effettuare qualche test a livello di amichevoli e FUT e, forse anche per i pochi utenti connessi, le nostre impressioni sono abbastanza positive: tutto è filato liscio, senza lag e con un matchmaking piuttosto veloce. Vedremo se i nuovi server si comporteranno altrettanto bene in futuro, quando verranno sottoposti a maggiori sollecitazioni.

Fifa 21 Carriera 1

Tornando alle modalità di gioco, sono come sempre le tre principali quelle a cui sono state riservate le maggiori attenzioni da parte di EA, a cominciare dalla Carriera, cuore pulsante della serie. Come le altre modalità, questa ripropone una struttura identica rispetto allo scorso anno ma, nel caso di quella da Manager, con alcune opzioni extra che la rendono più appetibile e completa. Le novità di quest'anno aggiungono infatti ulteriore profondità agli incontri, al mercato e all'allenamento, per dare all'utente un maggiore controllo sulla crescita della sua squadra. Nello specifico c'è una nuova interfaccia interattiva per simulare le partite, dove il tempo di gioco è leggermente accelerato, e ci sono nuove tipologie di contratto durante le trattative di mercato, compreso il prestito con diritto di riscatto col prezzo del cartellino già fissato.

Coop Lobby

A questi elementi si aggiungono poi alcune funzioni inedite per la sessione allenamenti, dove si possono per esempio organizzare degli esercizi specifici per ogni atleta in organico, così da "aiutarlo" a sviluppare determinate abilità o a mantenerle il più possibile nel corso della sua carriera. Altra modalità chiave della serie è FIFA Ultimate Team. Qui le novità più importanti sono costituite dall'assenza delle card relative a forma fisica e allenamenti, dalla possibilità di giocare in co-op o unirsi alla community globale negli eventi FUT, e dal FUT Stadium, che permette ai videogiocatori di modificare il loro impianto sportivo con degli oggetti ad hoc che si trovano nelle bustine: gadget, decorazioni, cori, tutto ciò che può servire per personalizzare al meglio la struttura.

Ssf Volta Sydney Lores 16X9 Wm

Per il resto FUT mantiene pregi e difetti di sempre, compreso il problema dei giocatori veloci, che va a minare l'aspetto simulativo delle gare online. Ma questa è una cosa riconosciuta dai fan, che sanno quindi già cosa aspettarsi. Ultima, ma non per questo meno importante, la modalità Volta, introdotta lo scorso anno e come allora sempre incentrata su sfide arcade offline e online sui campetti da strada. Oltre a una componente narrativa sulla falsariga de Il Viaggio di Alex Hunter, anche se in tono minore, in termini pratici assistiamo a un miglioramento del sistema che gestisce le collisioni e le contromosse difensive, come il nuovo sistema di bloccaggio, che assicurano un gameplay più gratificante, e a una maggiore apertura al multiplayer, con Divisioni online ed eventi settimanali, che offrono quindi nuove opportunità agli utenti.

Giocabilità, quasi uguale ma più veloce

A proposito di gameplay, come nel caso del rivale eFootball PES 21, la giocabilità di questo FIFA 21 di base non è molto diversa da quella della passata edizione, anche se si arricchisce di alcune nuove funzioni che ne modificano sensibilmente alcuni aspetti. La fisicità, un maggior controllo sui movimenti degli atleti sul campo, e un comportamento più realistico della palla sono in tal senso i punti focali sui quali hanno rivolto maggiormente le loro attenzioni gli sviluppatori per migliorare una giocabilità che poggiava comunque già su delle basi abbastanza solide. Ma ci saranno riusciti?

Rodrygo Cleaner Outcomes Lores Wm 16X9 2057 1157

Una volta scesi in campo, il feeling con i calciatori è subito familiare e la sensazione di continuità con i precedenti capitoli è palese. Il controllo è buono e la risposta ai comandi convincente, coi giocatori che in maniera naturale si destreggiano sul terreno. In generale c'è però ora la possibilità di replicare una maggiore varietà di manovre, grazie alle nuove implementazioni come il rielaborato sistema di collisioni, che accompagnano le movenze dei protagonisti in campo, legate a quelle che sono le dinamiche inerenti la loro corsa, il loro posizionamento, i gesti del corpo in fase di accelerazione e decelerazione, i dribbling o i cambi di direzione. In più bisogna tenere conto anche della lucidità, un nuovo attributo introdotto quest'anno che indica il possibile comportamento dei giocatori nei momenti chiave della partita.

Haaland Gameplay Agile Dribbling Hires 16X9 Wm 4635 2607

Insomma, dietro a nomi quali Dribbling Agile, Posizionamento Intelligente e Inserimenti Creativi si nascondono delle feature interessanti che effettivamente impattano sul gameplay, anche se a dire il vero non lo fanno sempre in maniera positiva. A volte, infatti, specie nei livelli di difficoltà più alti, la CPU sembra abusare di certe giocate, anche laddove non sono necessarie, e favorire troppo le imbucate in velocità, grazie anche a dei micidiali uno-due che sovente mettono fuori gioco le difese, nonostante queste generalmente svolgono bene la fase di copertura, e la fisicità degli atleti nei contrasti. Se a questo aggiungiamo che in qualche circostanza la palla sembra diventare stranamente leggera e dei portieri non sempre impeccabili, non c'è da stupirsi se alcune sfide finiscono per diventare una gara a chi segna più reti, andando a discapito di quel realismo che molti appassionati vanno ricercando in un titolo sportivo.

Grafica e audio, pochi ritocchi

Procedendo nella nostra analisi del titolo non possiamo non concludere senza prima parlare del suo aspetto tecnologico. In questo senso vale il discorso che abbiamo già fatto a proposito del gameplay, e cioè che non si registrano particolari stravolgimenti. A livello grafico, infatti, FIFA 21 non si discosta molto da FIFA 20. Eppure non mancano anche qui una serie di sensibili miglioramenti che, come spesso accade in questi casi, gli appassionati della serie non faranno fatica a notare. Peccato per l'assenza delle licenze ufficiali di Juventus, Roma e di praticamente l'intera Serie B italiana, per non parlare della maglia reale della nostra Nazionale.

Johan Cruijff Arena F21 Hires 16X9 Wm 4635 2607

Come sempre, quindi, il comparto grafico di FIFA si presenta molto bene su PC, e anche giocando con i requisiti minimi richiesti dal gioco è possibile godere di una buona visione d'insieme. Ovvio che per poter vivere al meglio l'esperienza e apprezzare le sue caratteristiche estetiche è opportuno utilizzare schede grafiche più performanti, come la NVIDIA GeForce GTX 670, la GeForce GTX 1070 Ti o l'AMD Radeon R9 270x, coadiuvate da un buon processore. Intervenendo sui pochi settaggi disponibili, si può giocare a 1080p e a 60 frame per secondo fino a 16:9, con ogni minimo dettaglio ben evidenziato grazie all'alta risoluzione. È possibile anche intervenire sul multisampling antialiasing per migliorare la qualità delle immagini "addolcendone" i contorni. Noi abbiamo settato l'opzione a 2x, ma è possibile spingersi fino a 4x. Inoltre per il frame rate abbiamo optato per la soluzione No Limit on FPS.

Fifa3 Fallback

A guadagnarne sono la messa in scena dell'evento partita, con una regia televisiva che offre una manciata di nuove inquadrature per le scenette durante l'ingresso in campo delle squadre, spesso intervallate con delle belle panoramiche degli stadi e dei suoi spalti gremiti, e su computer esalta ulteriormente la qualità estetica dei modelli dei calciatori e delle maglie coperte da licenza. Sul fronte del sonoro, infine, la telecronaca del solito Pierluigi Pardo è accompagnata dal "robotico" Stefano Nava: commenti dinamici e "caldi", vicini spesso all'azione, si alternano a frasi talvolta fuori contesto e interventi della seconda voce di una banalità disarmante. Meglio decisamente gli effetti e i cori, che nulla hanno da invidiare per potenza e realismo a quelli che si sentono e cantano negli stadi reali di tutta Europa, soprattutto sfruttando un sistema audio 5.1 o 7.1.

Requisiti di Sistema PC

Configurazione di Prova

  • Processore: Intel Core i5-6600K
  • Scheda video: NVIDIA GeForce GTX 1070 Ti
  • Memoria 16 GB di RAM
  • Sistema operativo Windows 10 - 64bit

Requisiti minimi

  • Sistema operativo 64-bit: Win 7 SP1, Win 8.1, Win 10
  • Processore Intel Core i3-6100, 3.4 GHz | AMD Athlon X4-88oK, 4.0 GHz
  • Memoria 8 GB di RAM
  • Scheda video NVIDIA GeForce GTX 660 | AMD Radeon HD 7850
  • Gioco online: Connessione Internet a 512 KBPS o superiore
  • Memoria 50 GB di spazio disponibile

Requisiti consigliati

  • Sistema operativo 64-bit: Win 10 - 64 bit
  • Processore Intel Core i5-3550, 3.4 GHz | AMD FX 8150
  • Memoria 8 GB di RAM
  • Scheda video NVIDIA GeForce GTX 670 | AMD Radeon R9 270x
  • Gioco online: Connessione a banda larga
  • Memoria 50 GB di spazio disponibile

Commento

Versione testata
PC Windows
Digital Delivery
Steam, Origin
Prezzo
59,99 €
Multiplayer.it

7.5

Lettori (7)

4.5

Il tuo voto

Nonostante le attenzioni siano ormai rivolte quasi del tutto verso la next generation alle porte, Electronic Arts riesce a proporre un'edizione di FIFA tutto sommato valida, al netto di poche sostanziali novità. In FIFA 21 gli sviluppatori hanno lavorato di cesello, limitandosi ad affinare meccaniche e strutture di per sé solide per un titolo che potrebbe sembrare a prima vista uguale a quello che l'ha preceduto, ma che in realtà propone delle differenze, sensibili ma efficaci, specie in termini di controllo e dinamismo. Non tutto a dire il vero è andato per il verso giusto, soprattutto nel ritoccare la fisica della sfera e alcuni elementi del gameplay, ma considerando la produzione nella sua interezza, con tutte le varie modalità che qui sembrano sommarsi ancora una volta per creare un'offerta ampia, in attesa del salto generazionale, ci si può accontentare.

PRO

  • Controlli sui calciatori più reattivi
  • Atmosfera in campo e sugli spalti ancora più coinvolgente
  • Le piccole aggiunte migliorano l'esperienza delle modalità Carriera e Ultimate Team
  • Sensibili miglioramenti al gameplay...
CONTRO
  • ... anche se alcune feature penalizzano l'aspetto simulativo
  • Intelligenza artificiale dei portieri da rivedere
  • Mancano alcune licenze importanti, compresa la nostra Serie B
  • Basteranno miglioramenti marginali a giustificare il prezzo e l'acquisto annuale?