Rush for Berlin: Rush for the Bomb - Recensione  0

Torna Stormregion, autore di Codename: Panzers, con una versione rivisitata e espansa di Rush for Berlin. Rush for the Bomb ci porta alle fasi finali del secondo conflitto mondiale, nel momento più concitato...

RECENSIONE di La Redazione  —   25/06/2007

Tutti vogliono la bomba

La storia narrata nell’espansione (come già avvenne per il titolo originale) pone le proprie basi su una versione romanzata delle vicende che realmente si svilupparono attorno agli schieramenti della seconda guerra mondiale in Europa. Rush for the Bomb (il titolo è già piuttosto eloquente) parte dal presupposto che i Tedeschi siano in un qualche modo riusciti a trafugare importantissimi piani per la costruzione della bomba atomica dai laboratori americani, scatenando l’allarme assoluto tra le fila degli Alleati. La concitata vicenda si svolge lungo 12 missioni in cui il giocatore potrà scegliere se vestire i panni degli agguerriti e pericolosi nazisti, nel tentativo di riportare i piani di costruzione tra le mura del Reich, o quelli di Russi, Inglesi e Americani intenti a bloccare la contromossa dello spionaggio tedesco. A fare da scenario alle vicende narrate nell’espansione saranno luoghi suggestivi disseminati nei quattro angoli dell’Europa, dalla Norvegia alla penisola iberica.

Le caratteristiche

Come per ogni espansione che si rispetti tante sono le novità presenti, al di là delle missioni aggiuntive. Nuove unità saranno infatti disponibili per essere schierate in campo per affrontare missioni sempre più impegnative. Fra le nuove unità meccanizzate compaiono l’Aeroslitta a propulsione NKL-26, utile per la capacità di muoversi con destrezza su superfici ghiacciate, l’Aereo Horten Ho-229, precursore dei moderni stealth, unico aereo del Reich ad avere le caratteristiche necessarie ad un eventuale sgancio di bombe atomiche sugli Stati Unitin il Messerschmitt Bf-109, il caccia spina dorsale della Luftwaffe, lo Junkers Ju 87 Stuka, bombardiere da picchiata, il carroarmato M4 Sherman, flagello dell’Asse in mano agli Alleati. In aggiunta alla compagine delle nuove unità messe a disposizione vi sono tre ufficiali, uno per ogni fronte. L’ufficiale di fanteria mobile (Alleati), con le abilità di triangolazione (tutte le unità di artiglieria alleate sulla mappa colpiscono i propri bersagli automaticamente), medicina mobile (tutti i carri per riparazione alleati sulla mappa contengono anche unità di fanteria), guida autoritaria (aumenta la blindatura, i danni inflitti e la velocità dei veicoli presenti nel raggio visivo). Sul fronte russo spicca l’ufficiale dell’intelligence militare con le abilità corazza ignifuga (il veicolo dell'ufficiale diventa molto resistente alle armi incendiarie), motivazione bolscevica (aumenta il livello massimo delle tua unità), miglioramento al parco mezzi (aumenta il livello delle unità alleate entro il raggio visivo per un breve periodo di tempo). Infine sul fronte tedesco compare il Feldkommandandt con la dotazione di proiettili perforanti (aumenta l'efficacia delle armi perforanti del veicolo dell'ufficiale), efficienza tedesca (le fabbriche danneggiate, che si trovano nel raggio visivo dell'ufficiale, lavorano a piena capacità), spionaggio Abwehr (mostra le posizioni degli ufficiali nemici sulla mappa per un breve periodo di tempo).

Commento

In fin dei conti non sono molte le novità introdotte, ma è il prodotto finale a fare la differenza col predecessore. A fronte di una spesa piuttosto moderata è infatti possibile ottenere un gioco robusto come Rush for Berlin con l’aggiunta di un’espansione atta a migliorarne longevità e equilibrio tra le fazioni. Del resto la differenza si apprezza ben oltre le 12 missioni aggiuntive, continuando a giocare sui server ufficiali messi a disposizione online. Forte anche del motore grafico Geopard, rinnovato per l’occasione, RftB potrà donare agli amanti del conflitto mondiale l’ebbrezza di vivere momenti “alternativi” e rivisitati di alcune delle fasi più concitate degli scontri sul suolo europeo. Non resta che imbracciare le armi e correre ai ripari prima che il Fuhrer ottenga l’arma definitiva.

Pro

  • Divertente e immediato
  • Buona l'interfaccia di gioco
  • Ottimo comparto sonoro
Contro
  • Potevano essere introdotte più unità
  • A volte si fa confusione tra le numerose abilità delle unità, se raggruppate

Requisiti di Sistema


Requisiti Minimi:

  • Windows 2000, XP con SP1 o XP64
  • Pentium 4 con 1.7 GHz
  • 512 MB RAM
  • Scheda grafica compatibile DirectX® 9.0c con almeno 32 MB RAM (ATI Radeon 8000 or GeForce 3)
  • Scheda sonora a 16 bit compatibile DirectX® 9.0c
  • Lettore DVD-ROM
  • 4.0 GB di spazio su hard disk
  • Modem a 56K per il multiplayer
Requisiti Consigliati:
  • Pentium 4 con 2.7 GHz
  • 1024 MB RAM
  • Scheda grafica compatibile DirectX® 9.0c con almeno 128 MB RAM (ATI Radeon 9700 Pro or GeForce 5600 FX)

Rush for the Bomb è il titolo dell’expansion pack per Rush for Berlin, fortunato successo di Stormregion che ebbe il compito di rinverdire nel cuore dei giocatori appassionati alle battaglie della seconda guerra mondiale il ricordo della serie Codename: Panzer.
Questa espansione esce in concomitanza con la versione Gold del titolo principale, presentato al pubblico in un’unica versione speciale. Come da tradizione la rivisitazione di un titolo unita alla relativa espansione offre ai giocatori la possibilità di avvicinarsi ad un gioco in maniera più “sicura” e performante garantendo la presenza degli ultimi aggiornamenti resi disponibili dal produttore, unitamente alle numerose migliorie apportate a giocabilità e longevità dall’espansione aggiuntiva.
Al momento dell’installazione sarà possibile scegliere se giocare direttamente all’espansione o ripercorrere le missioni del titolo originale.