10 dating simulator da non perdere

Che abbiate bisogno un po' di romanticismo nella vita o siate invece romantici cronici senza speranza, esistono dei giochi perfetti perché dettiate voi il vostro successo o fallimento: ecco dunque dieci dating simulator da non perdere

SPECIALE di Alessandra Borgonovo   —   13/02/2020
39

Manca davvero poco a San Valentino. Se c'è chi va in panico pensando cosa regalare al proprio partner, c'è anche chi non si interessa alla questione, usa Cupido come bersaglio del tiro a segno e preferisce (per costrizione o scelta) stare comodamente sdraiato sul divano, pad o smartphone alla mano, svagandosi con un videogioco. Non uno qualsiasi, però. Per quei giocatori cui piacciono i generi di nicchia, i dating simulator hanno il loro fascino e possono persino prendere una piega assurda o inquietante. Diventati popolari in Giappone negli anni '90, i dating sim non sono altrettanto conosciuti in Occidente, passando spesso sotto silenzio o non venendo proprio localizzati. Via smartphone è più facile trovare qualche esperienza mordi e fuggi, di quelle che - come i libri che leggiamo d'estate sotto l'ombrellone - si giocano a fasi brevi e discontinue per superare la noia di un viaggio in treno o autobus, oppure per sbloccare gli assuefacenti "bonus giornalieri". Cercando bene, però, si possono anche trovare dating simulator che pur nella loro routine sono in grado di offrire un'esperienza piacevole e interessante, con o senza fanservice annesso. Proporli proprio a due passi dal giorno degli innamorati è un cliché un po' crudele ma, da veterani o neofiti del genere, se cercate un'esperienza che non sia soltanto emotivamente consolante, ecco dieci dating simulator da non perdere.

Hatoful Boyfriend

Non si può iniziare un articolo sui dating simulator senza mettere Hatoful Boyfriend primo della lista. Perché è talmente assurdo da fare il giro e diventare inspiegabilmente assuefacente. Pubblicato nel 2011 da Devolver Digital (e già che se ne fossero fatti carico loro doveva suggerire qualcosa), è la fiera del doppio senso già a partire dalle premesse: il gioco ci mette infatti nei panni di una ragazza che frequenta una prestigiosa scuola per volatili dotati (intellettualmente), all'interno della quale potrà sviluppare un interesse amoroso per alcuni di questi. Battute su lauree ad honorem in ornitologia a parte, nonostante la sua bizzarra natura Hatoful Boyfriend è un ottimo dating sim: ci sono tutti gli elementi necessari per creare una visual novel accattivante e pur non essendo spiegato per gran parte del gioco, il fatto che non si vedano esseri umani al di fuori della protagonista trova senso in Bad Boys Love - portando a risvolti decisamente inaspettati.

Everlasting Summer

Anche Everlasting Summer esula dai classici del suo genere: ottimo mix tra visual novel e dating simulator, il gioco sviluppato da Soviet Games e pubblicato nel 2013 da Independent for Cross Platform racconta la storia di Semyon, un venticinquenne residente in Russia che preferisce non lasciare la propria casa e limitare le interazioni all'utilizzo del computer. Un giorno sale a bordo di un autobus per partecipare a una festa, si addormenta durante il viaggio e quando si sveglia si ritrova davanti alle porte di una colonia estiva chiamata Sovyonok, pieno di giovani nonché attraenti ragazze. Non solo, scopre inoltre di essere tornato diciassettenne e trovarsi nell'Unione Sovietica di metà anni '80. Nei panni di Semyon dovremmo relazionarci con le persone presenti, cercando eventualmente fra loro l'amore e svelando, nel frattempo, il mistero dietro la nostra presenza a Sovyonok: perché siamo stati portati lì e soprattutto come uscirne.

Doki Doki Literature Club

In inglese c'è un'espressione perfetta per descrivere un'esperienza come Doki Doki Literature Club: creepy as fuck. In italiano ci manteniamo su un più signorile "inquietante" ma la sostanza rimane la stessa. Se vi aspettate il classico dating simulator a sfondo scolastico, tutto "kawaii" rose e fiori, fareste bene a tenervi alla larga perché Doki Doki Literature Club è un gioco in grado di andare contro le convenzioni del suo genere e sorprendere il giocatore: in questo caso lo fa scivolando lentamente verso un intenso e brutale horror psicologico, presentando spesso scene in cui viene rotta la quarta parete. È difficile andare oltre senza correre il rischio di rovinarvi l'esperienza ma se da quando è stato pubblicato, nel 2017, avete anche solo sentito parlare di Doki Doki Literature Club vi sarete accorti che c'è ben poco di convenzionale in questo dating simulator: l'unico consiglio è di provarlo sulla fiducia, per vivere un San Valentino ben fuori dagli schemi.

Hustle Cat

Nel panorama dei dating simulator, gli indie non dovrebbero essere sottovalutati: è il caso di Hustle Cat, progetto nato su Kickstarter per trasformarsi in un'esperienza divertente e molto particolare. Il gioco si distingue in primo luogo per la possibilità di personalizzare leggermente il protagonista, sia dal punto di vista estetico sia per quanto riguarda l'utilizzo dei pronomi con cui appellarvisi: queste scelte resteranno evidenti durante la partita, persino nei filmati. Inoltre, il sesso del protagonista è irrilevante ai fini di eventuali relazioni amorose, che potremo intrattenere con qualsiasi altro personaggio. Nei panni di Avery Grey, una persona incredibilmente maldestra che non sembra avere idea nemmeno del perché sia al mondo, troveremo lavoro in un cat café (dopo averlo scambiato per un negozio di animali) meglio conosciuto come Cat's Paw. Tutto normale, il personale è gentile e disponibile così come lo stesso proprietario, sebbene piuttosto bizzarri: fino a quando, un giorno, scendendo nel seminterrato scopriremo un misterioso libro che non saremo in grado di decifrare e ci ritroveremo coinvolti nella maledizione che affligge il locale e chi vi lavora. Hustle Cat ha una scrittura brillante, affiancata da un comparto artistico molto buono che merita la vostra attenzione se cercate un dating simulator diverso dal solito.

Amnesia: Memories

Torniamo indietro al 2011 per riscoprire Amnesia: Memories, un dating simulator di stampo più classico in cui l'eroina deve scegliere il proprio interesse amoroso fra cinque ragazzi: la particolarità del gioco è che la protagonista ha perso la memoria e deve lentamente ricostruire la propria identità, mantenendo tuttavia segreta la sua condizione mentre si relazione con gli altri personaggi. Anche la controparte maschile in Amnesia: Memories gode di una particolarità, ovvero che ciascuno dei ragazzi rappresenta un seme delle carte: Cuori, Quadri, Picche, Fiori, ai quali si aggiunge poi il Joker. A loro volta questi semi caratterizzano uno dei quattro mondi paralleli che saremo chiamati a scegliere, determinando la persona con cui andremo a intrattenere la relazione più stretta senza nulla togliere, però, al resto dei personaggi e dei rapporti determinati da scelte che potremmo definire preliminari. Ogni realtà parallela è molto differenziata dalle altre e inserendo gli stessi personaggi ma in ruoli differenti permette anche una discreta rigiocabilità. Nel complesso è un'esperienza piacevole, non troppo impegnativa e capace di intrattenere per alcune ore.

The Fruit of Grisaia

The Fruit of Grisaia è sia un anime che un dating simulator, nonché uno fra i videogiochi più popolari del suo genere in Giappone. In breve, possiamo definirlo come un promemoria perfetto per cui, indipendentemente da quanto si possa ritenere la propria una vita senza speranza, esiste sempre un domani pieno di possibilità. Yūji Kazami non è un ragazzo qualunque ma un agente segreto, un sicario che desidera solo una normale vita da liceale. Muovere i primi passi in una vita "normale", però, non è così semplice come previsto e l'incontro con cinque ragazze darà una svolta drastica alla sua quotidianità. The Fruit of Grisaia presenta una storia particolare dove, a seconda delle decisioni prese, potremo imbatterci in siparietti comici, racconti di guerra, discussioni psicologiche e addirittura narrativa paranormale - il tutto tenuto insieme da una scrittura scorrevole e mai pesante. Il gioco è il primo capitolo di una serie composta da tre titoli principali (The Fruit of Grisaia, The Labyrinth of Grisaia, The Eden of Grisaia) più diversi spin-off. Una versione completa per Nintendo Switch è stata pubblicata il 7 novembre 2019 con il nome di Grisaia Trilogy.

Sunrider Academy

Kayto Shields era un ragazzo normale al suo primo giorno da vicepresidente del consiglio studentesco della Sunrider Academy. Questo fino a quando il presidente ha deciso di nominarlo anche direttore del club della scuola. Adesso il suo compito è farsi carico di tutti i problemi con cui il presidente non voleva più avere nulla a che fare, gestendo tutti i club con i loro problemi annessi. Non sorprende, essendo un dating simulator, che questo comporti per Kayto avere una ragazza entro la fine dell'anno. Una simpatica commedia che non aggiunge nulla al genere, mantenendosi anzi negli standard tipici come l'ambientazione scolastica, Sunrider Academy è davvero quella storia da "vivere sotto l'ombrellone". O anche sul divano.

The Men of Yoshiwara

The Men of Yoshiwara: Kikuya è un otome game per mobile e PC facente parte della serie Forbidden Romance di D3 Publisher. La storia si basa su una versione alternativa del quartiere a luci rosse Yoshiwara, realmente esistito a Edo dal XVII secolo. La protagonista vive su un'isola, dove tutti gli uomini che vi sono nati sono diventati accompagnatori, e a causa di una serie di eventi verificatisi mentre stava effettuando una consegna si ritrova in un bordello d'alta classe noto come Kikuya. Le donne sull'isola vanno a Yoshiwara per due motivi: scegliere un accompagnatori con il quale avere un figlio o più semplicemente per piacere. Finché una donna ha il denaro per permetterselo può incontrare il suo uomo ogni qualvolta lo desidera ma, a patto di non essere abbiente abbastanza da riscattarne la libertà, non si può intrattenere una relazione d'amore vera e propria. Grazie a un cast memorabile di accompagnatori, una generosa quantità di contenuti suddivisi in base alla direzione che la storia prende secondo le nostre scelte e scenari aggiuntivi discreti sbloccabili in base al livello d'affetto con il personaggio, il materiale per occupare il tempo non manca.

If My Heart Had Wings

Ottimo dating simulator se siete appassionati del genere scolastico sentimentale, If My Heart Had Wings racconta la storia di Aoi Minase, un ragazzo che dopo un incidente in bicicletta vede infranti i suoi sogni di diventare un corridore. Tornato nella sua città natale, depresso e sconfitto, senza apparentemente alcuna speranza per il futuro e nessuna idea di cosa fare di se stesso da lì in poi, Aoi incontra Kotori Habane - una ragazza disabile la cui sedia a rotelle ha una gomma bucata. E proprio lì, in quel momento, inizia la triste e toccante storia di Aoi sulla giovinezza e l'amicizia per realizzare il sogno nel cassetto di ogni bambino: quello di volare. La versione occidentale di If My Heart Had Wings è stata fortemente penalizzata da una censura che ha creato evidenti buchi di trama, ma alcuni appassionati non si sono dati per vinti e hanno realizzato una patch amatoriale per godere del gioco nella sua originale interezza.

Mystic Messenger

Se state cercando dating simulator da giocare in comodità sul telefono, Mystic Messenger è un'app molto popolare, altamente interattiva e in grado di offrire un'esperienza piuttosto coinvolgente. Nel ruolo della protagonista femminile, il cui nome è a vostra discrezione, scaricherete una strana app che vi porterà porta nell'appartamento Rika, la defunta fondatrice di un'associazione di beneficenza nota come RFA. Dopo aver parlato con Unknown, il soggetto che vi ha convinto a entrare nell'appartamento, entrate nella chatroom riservata ai membri dell'associazione: qui stanno discutendo cinque ragazzi, che vi chiedono di organizzare il successo evento di beneficenza, invitando ospiti tramite email. Naturalmente ci si può relazionare con uno dei vostri compagni di chat, seguendone la storia e la crescita personale, mentre lavorate per l'associazione cercando anche di scoprire cosa sia successo a Rika. Mystic Messenger è un'app perfetta per trascorrere un po' di tempo staccando la testa da tutto, ma richiede un certo impegno se volete ottenere il risultato desiderato senza spendere valuta reale.