Avengers: Endgame, dove abbiamo lasciato i personaggi nei film e nei fumetti 0

Facciamo il punto della situazione per chi non ricorda bene i film o vuole avvicinarsi ai fumetti Marvel, aspettando Avengers: Endgame.

SPECIALE di Christian Colli   —   21/04/2019

Indice

Non troverete spoiler o anticipazioni su Avengers: Endgame in questo articolo, ma solo riferimenti ai film precedenti e alle storie a fumetti in corso di pubblicazione. Se avete già visto Avengers: Infinity War e Captain Marvel, insomma, potete continuare a leggere senza problemi.

Ancora pochissimi giorni e scopriremo come si concluderà la terza e ultima fase della cosiddetta Saga dell'Infinito, una serie di ventidue film che ci ha accompagnato dal 2008 a oggi, trasformando i cinecomic in una vera e propria moda che tantissimi hanno cominciato a seguire senza magari aver mai sfogliato un albo a fumetti. Avengers: Endgame sarà il grande giro di boa del Marvel Cinematic Universe, perché non sappiamo in cosa si evolverà, né tanto meno quanti Vendicatori sopravviveranno allo scontro finale con Thanos, visto che ad alcuni attori importanti è scaduto il contratto. Undici anni di film, abbiamo detto, e oltre trenta personaggi che si sono susseguiti sugli schermi, protagonisti di sottotrame che si sono intrecciate nell'epocale Avengers: Infinity War lo scorso anno. In questo speciale vogliamo ricordare in che situazione abbiamo lasciato i principali protagonisti alla fine di Avengers: Infinity War e in che condizione li trovereste se decideste di leggere i fumetti cui sono ispirati i film. Vi ricordiamo, infatti, che l'universo cinematografico e quello cartaceo si sfiorano soltanto, prendendo spunto l'uno dall'altro, ma alcuni personaggi vivono avventure completamente diverse.

Capitan America

"Oddio..." è l'ultima battuta che chiude Avengers: Infinity War e a pronunciarla è proprio Steve Rogers, il Capitan America interpretato da Chris Evans. Lo abbiamo lasciato lì, a terra, nel Wakanda, circondato dai pochi eroi sopravvissuti allo schiocco di Thanos, la cosiddetta Decimazione che ha disintegrato metà delle forme di vita in tutto l'universo. Neppure il super siero che ha conferito a Cap i suoi poteri sovrumani è servito a nulla contro il Titano, e così Steve ha visto sparire il suo migliore amico Bucky, cioè il Soldato d'Inverno, e vecchi e nuovi alleati come Falcon e la Pantera Nera. I trailer di Avengers: Endgame ci suggeriscono che ritroveremo un Cap decisamente più cupo e tormentato.

Nei fumetti, invece, Cap è tornato da poco a indossare la sua uniforme storica, visto che per anni ha guidato lo SHIELD. Oggi esistono due Steve Rogers: il primo è stato rinchiuso in una cella di massima sicurezza, essendo un prodotto del Cubo Cosmico che il Teschio Rosso ha usato per cambiare la sua storia, trasformandolo in un agente della HYDRA. Fortunatamente, i Vendicatori sono riusciti a estrarre dal Cubo Cosmico anche una copia del Capitan America originale che, alla fine, ha ripreso il suo posto tra gli eroi.

Iron Man

Se Capitan America è il cuore degli Avengers, Iron Man è il braccio, nel senso che è lui che paga tutto. Anzi, che pagava, perché vi ricordiamo che gli Avengers si sono ufficialmente sciolti in Captain America: Civil War, quando le Nazioni Unite hanno stipulato i famosi Accordi di Sokovia per tenere gli eroi al guinzaglio, spaccando la squadra in due fazioni. Iron Man e Cap non si rivolgono la parola da allora e in un certo senso è stata colpa di Tony Stark, il quale ha molto da farsi perdonare. Lo abbiamo lasciato su Titano, unico superstite, insieme a Nebula, alla Decimazione che ha cancellato sotto i suoi occhi Spider-Man, Star-Lord, Drax, Mantis e il Dottor Strange. I trailer di Avengers: Endgame ci hanno rivelato che Tony cercherà di tornare sulla Terra con l'astronave dei Guardiani della Galassia, la Benetar, e che a fargli compagnia nel viaggio c'è proprio Nebula.

Nei fumetti, invece, Tony Stark è da poco tornato in scena dopo un lungo coma causato dal suo scontro con Capitan Marvel nella saga Civil War II. Il suo posto è stato preso temporaneamente da un redento Dottor Destino e dalla giovane Riri Williams, ma ora Tony ha fondato la Stark Unlimited, un conglomerato di esperti pensato per sfruttare le potenzialità delle sue armature.

Thor

Il Dio del Tuono è stata un'altra vittima indiretta del piano di Thanos: se solo avesse mirato alla testa, nello scontro alla fine di Avengers: Infinity War, il Titano non sarebbe riuscito a schioccare le dita. E quindi possiamo presumere che il nostro eroe non possa perdonarselo: è uno dei pochi Vendicatori superstiti, ha visto morire suo fratello Loki e metà degli asgardiani che aveva salvato in Thor: Ragnarok quando Asgard è scomparsa, ha dovuto sostituire il martello Mjolnir con l'ascia Stormbreaker dopo che gliel'ha distrutto Hela, che poi era sua sorella, e si è infilato in testa un occhio bionico che Rocket si era nascosto nel retto. Diciamo che Thor non se la passa benissimo e ha degli ottimi motivi per volere Thanos morto.

Nei fumetti, invece, la storia di Thor è molto più complessa, anche perché è da un po' di tempo che si fa chiamare Odinson visto che ha smesso di essere degno di Mjolnir. Mentre la sua ex, Jane Foster, assumeva l'identità di Thor al suo posto, il nostro eroe - che nel frattempo ha pure perso un braccio - ha continuato a cercare un nuovo posto nell'universo e da poco ha ricominciato a impugnare non uno, ma molteplici martelli sovrannaturali... anche se nessuno è potente quanto Mjolnir.

La Vedova Nera

Natasha Romanoff è sopravvissuta alla battaglia in Wakanda e allo schiocco di Thanos, inutile dire che il suo acume e il suo addestramento speciale da spia potrebbero essere determinati in Avengers: Endgame. Anche perché Nat è sempre stata un po' l'anima degli Avengers cinematografici. In Avengers: Infinity War, inoltre, ha rivisto Bruce Banner. Tra i due era scoccata la scintilla già in Avengers: Age of Ultron, chissà se il prossimo film metterà un punto fermo alla loro tormentata e mai veramente approfondita relazione sentimentale. Vi ricordiamo che è in lavorazione un film incentrato sulla Vedova Nera, ma non sospirate di sollievo: potrebbe essere anche ambientato prima di Endgame. Chiedetevi invece se Scarlett Johansson sopravviverà alla battaglia finale.

Nei fumetti, invece, la Vedova Nera è morta: l'ha uccisa lo Steve Rogers malvagio in Secret Empire, mentre Nat cercava di salvare Miles Morales, il giovane Spider-Man. Non temete, però, perché stiamo parlando dei comics Marvel, e la Vedova Nera è tornata in scena poco dopo: i russi in realtà hanno impiantato i suoi ricordi in un clone che, tuttavia, si è ribellato alla Stanza Rossa e intende distruggerla.

Occhio di falco

L'ultima volta che abbiamo visto Clint Burton, il povero Occhio di falco era dietro le sbarre nel Raft alla fine di Captain America: Civil War. In Avengers: Infinity War, tuttavia, abbiamo scoperto che Clint e Scott Lang hanno patteggiato col governo e si sono ritirati per salvaguardare le loro famiglie: Clint, infatti, ha una moglie e tre figli che abbiamo incontrato in Avengers: Age of Ultron. Non è la prima volta che Clint si ritira, ma questa volta potrebbe tornare in azione per un motivo molto più grave: una moglie e tre figli, quanti saranno sopravvissuti alla Decimazione? Considerando che nei trailer lo abbiamo visto indossare i panni dello spietato vigilante Ronin e combattere la Yakuza, le probabilità che Clint abbia reagito male sono decisamente altissime.

Nei fumetti, invece, Clint si è lasciato il costume di Ronin alle spalle da tantissimo tempo, solo che ora abbiamo due Occhio di falco: uno è lui e l'altro è l'intraprendente Kate Bishop. I due formano una sgangherata coppia di vigilanti/investigatori e negli ultimi tempi hanno rifondato il team degli Avengers della Costa Ovest. Clint, infatti, è stato da poco assolto per aver assassinato Bruce Banner. Tra poco vi spiegheremo perché.

Hulk

Scomparso nell'epilogo di Avengers: Age of Ultron, il povero Bruce Banner è finito a battersi nell'arena del Gran Maestro sul pianeta Sakaar, dove ha rincontrato Thor, che all'epoca era stato appena sconfitto da Hela. I due hanno vissuto diverse avventure e assistito alla distruzione di Asgard nel Ragnarok, poi si erano imbarcati su un'astronave diretta alla Terra che, però, è stata intercettata da Thanos. Quest'ultimo, alla ricerca del Tesseract, ha gonfiato Hulk di botte e il Golia Verde è sopravvissuto solo perché Heimdall l'ha teletrasportato sulla Terra prima di morire. È stato proprio Bruce, atterrato nel Sancta Sanctorum del Dottor Strange, ad avvertire Tony e gli altri del pericolo imminente. L'unico problema è che Bruce non riesce più a trasformarsi in Hulk, ragion per cui ha combattuto in Wakanda indossando l'armatura Hulkbuster.

Nei fumetti, invece, Bruce qualche anno fa aveva sacrificato la sua capacità di trasformarsi in Hulk per salvare il mondo, e poi si è rimesso a sperimentare con le radiazioni gamma. Temendo di riperdere il controllo, aveva incaricato Occhio di falco di ucciderlo con una freccia speciale: per qualche tempo, tutti hanno creduto Bruce defunto e Clint un assassino, ma nel corso di molteplici resurrezioni e morti, Bruce ha scoperto il potere più inquietante di Hulk. Il Golia Verde è infatti immortale e può addirittura ricostituirsi dopo essere stato dissezionato.

War Machine

Sebbene molti tendano a dimenticarlo, il colonnello Rhodes è una delle figure storiche del Marvel Cinematic Universe: compare per la prima volta in Iron Man, con l'aspetto di Terrence Howard, anche se poi è Don Cheadle a interpretare il personaggio nei film successivi. Questo fa di lui un Avenger "storico", nonostante sia entrato a far parte ufficialmente della squadra solo in Avengers: Age of Ultron, e forse è per questa simmetria che la Decimazione l'ha risparmiato. Rhodey, oltretutto, era rimasto gravemente ferito nella battaglia tra gli Avengers di Captain America: Civil War, quando la Visione ha sbagliato mira, facendolo precipitare. È tornato a camminare solo grazie alla tecnologia Stark e ha voltato le spalle al governo degli Stati Uniti per affiancare Cap e gli altri nella resistenza in Wakanda. Sopravviverà anche a Endgame?

Nei fumetti, invece, il povero Rhodey non ha tregua e gli scrittori hanno infelicemente deciso di ricalcare la storia del film Captain America: Civil War nella saga Civil War II, durante la quale resta ucciso nello scontro con Thanos. In seguito, Tony Stark ha riesumato il corpo dell'amico e lo ha riportato in vita. Rhodey adesso è tornato a militare negli Avengers, ma il trauma gli impedisce di indossare l'armatura di War Machine, perciò combatte a bordo di un veicolo da guerra chiamato Manticora.

Ant-Man

Il film Ant-Man and the Wasp si svolge poco prima di Avengers: Infinity War e ci spiega come mai Scott Lang non si fosse unito a Cap in Wakanda. Come Occhio di falco, anche lui aveva patteggiato per proteggere la sua famiglia, ma alla fine è stato costretto a tornare in azione per aiutare i Pym. Nell'epilogo, il nostro strampalato eroe si era tuffato nel Regno Quantico per assorbire le particelle necessarie a curare il Fantasma... e in quel preciso momento, Thanos ha schioccato le dita e polverizzato Hank, Janet e Hope. Scott è rimasto intrappolato nel Regno Quantico, ma non è un mistero - insomma, si vede in tutti i trailer e in tutte le locandine! - che farà il suo ritorno in Avengers: Endgame e forse potrebbe essere persino lui l'improbabile soluzione al problema di Thanos. Chi avrebbe mai detto che l'eroe meno eroico di tutti sarebbe diventato così importante?

Nei fumetti, invece, Ant-Man si è unito da qualche tempo... ai Guardiani della Galassia. Durante la saga Secret Empire, il Capitan America malvagio ha rapito e usato la piccola Cassie per costringere Scott a fare il doppio gioco. Alla fine, è stato proprio lui ad aiutare i nostri eroi a penetrare nel Cubo Cosmico per salvare il mondo, ma ciò non è bastato a farlo sentire meglio e così Scott si è intrufolato nell'astronave dei Guardiani come clandestino. Avendolo scoperto quando ormai erano nello spazio, Star-Lord e gli altri lo hanno accolto in squadra.

Capitan Marvel

Carol Danvers è l'Avenger che ha dato a Nick Fury l'idea di riunire gli eroi più forti della Terra in una squadra: il film incentrato su di lei ci ha raccontato le sue origini e ha approfondito il lato "cosmico" del Marvel Cinematic Universe, catapultandoci nella guerra tra i Kree e gli Skrull. Abbiamo lasciato Carol negli anni '90, quando è ripartita per lo spazio con l'intenzione di fermare i Kree e aiutare i profughi Skrull a trovare una nuova casa. Chi è rimasto seduto fino a dopo i titoli di coda di Avengers: Infinity War e di Captain Marvel, sa che Nick Fury l'ha richiamata sulla Terra nel momento della Decimazione e che Carol è ricomparsa tra gli Avengers superstiti. Carol è potentissima, ma sarà davvero in grado di sconfiggere Thanos e il suo guanto dell'infinito?

Nei fumetti, invece, Capitan Marvel ha una storia molto più lunga e travagliata, durante la quale ha cambiato nome in codice diverse volte. Guida gli Avengers da alcuni anni - non senza controversie, tipo il casino che ha combinato in Civil War II - e si occupa principalmente di difendere la Terra dalle minacce spaziali. Negli ultimi tempi ha perso casa e vive nell'appartamento di Jessica Jones e Luke Cage.

#Cinema

Cinema