Back 4 Blood, l'anteprima dei Game Awards 2020

Presentato ai Game Awards 2020 con un trailer e un video di gameplay, Back 4 Blood porta l'esperienza di Left 4 Dead nella nuova generazione: la nostra anteprima

ANTEPRIMA di Tommaso Pugliese   —   13/12/2020
54

Back 4 Blood è stato finalmente mostrato in maniera ufficiale nel corso dei Game Awards 2020, con un trailer e un video di gameplay che chiariscono fin troppo bene la natura del nuovo progetto di Turtle Rock Studios, in uscita il 22 giugno 2021 su PC, PS5, PS4, Xbox Series X|S e Xbox One.

Sono passati più di dieci anni dall'uscita dell'originale Left 4 Dead e del suo sequel, Left 4 Dead 2, ed è assurdo pensare al fatto che Valve non abbia rimesso mano a quella proprietà intellettuale. Cioè, in effetti assurdo non è, se consideriamo che l'azienda che controlla Steam da ormai diversi anni è molto meno attiva sul fronte dello sviluppo di giochi.

Dicevamo: sono passati più di dieci anni, eppure ancora tantissimi utenti si cimentano con i due titoli in questione e chiedono disperatamente la realizzazione di un nuovo capitolo, cercando nel frattempo di ingannare l'attesa con il pur discreto World War Z e con altre produzioni che tentano, senza però riuscirci, di fare propria quella formula.

Back 4 Blood si pone dunque come una risposta, netta ed eloquente, a quella pressante domanda. Il gioco non cerca scuse né prova a mischiare le carte in tavola, e la presentazione di qualche ora fa lo dimostra in maniera inequivocabile: ci troviamo di fronte allo stesso sparatutto a base di zombie che ben conosciamo, solo più rifinito esteticamente.

Personaggi e nemici

Back 4 Blood 06

Il trailer cinematografico di Back 4 Blood, realizzato in CG, riesce certamente nel compito di introdurre i personaggi del nuovo titolo di Turtle Rock Studios e le situazioni chiave che andranno a caratterizzare la sua campagna a base cooperativa per quattro partecipanti. In un mondo devastato dalla diffusione di un parassita che trasforma le persone in Infestati, un manipolo di eroi dovrà cercare di porre un argine alla minaccia rappresentata dalle infinite orde di non-morti.

I quattro protagonisti di Back 4 Blood non hanno ancora un nome, ma il video di presentazione li inquadra già molto bene. Abbiamo infatti una donna scaltra e risoluta, con qualche sfumatura alla Harley Quinn, che si muove insieme a tre uomini: un tizio di mezza età che sembra l'esperto del gruppo e altri due più giovani ma non meno determinati.

Si tratta di un cast perfettamente in linea con quelli dei due Left 4 Dead, che in queste sequenze cinematografiche affronta l'immancabile ondata di zombie imbracciando fucili d'assalto, pistole, Molotov e mazze chiodate: un arsenale di tutto rispetto, anche questo ampiamente già visto. Non sorprende più di tanto, dunque, che alcuni dei nemici corrispondano ai mini boss dello sparatutto prodotto da Valve.

Nel trailer vediamo infatti un variante dell'Hunter, che attende gli eroi dall'alto e intrappola uno di essi in una sorta di resina resistente, poi un grosso zombie che funge da Boomer e infatti esplode in mille pezzi quando i personaggi gli scaricano addosso tutto ciò che hanno. Non mancano ovviamente i Tank, rappresentati in Back 4 Blood da creature alte sei metri, molto potenti e resistenti.

Gameplay

Back 4 Blood 05

Oltre al trailer cinematografico, Back 4 Blood è stato presentato anche con un video di gameplay che mostra l'effettiva azione in-game e che conferma tutte le somiglianze del caso con Left 4 Dead. Le sequenze, tratte da una versione pre-alpha e dunque senz'altro soggette a miglioramenti e rifiniture da qui al lancio, partono dalla classica safe room raggiungibile al termine di ogni stage, dove il nostro gruppo può rifornirsi prima di tornare in campo.

Una volta in strada, i personaggi si ritrovano subito circondati dagli Infestati, che provvedono ad abbattere utilizzando tutte le armi a disposizione. Un Boomer viene fatto esplodere in pochi istanti, ma prima di accedere a una vecchia stazione c'è un'altra grossa minaccia che si staglia all'orizzonte: un Tank emerge dal terreno e il gruppo cerca di fuggire entrando nella struttura.

A questo punto si vede un altro nemico speciale, dotato di un grosso braccio che usa per schiacciare i suoi avversari e che dobbiamo naturalmente prendere di mira per eliminarlo. Gli zombie sono tanti e l'obiettivo è accedere a un'anticamera che possa creare distanza fra noi e il Tank, ma le cose non vanno come previsto e scoppia il caos.

Quella che segue è una rapida carrellata di situazioni e scenari differenti, che sembra testimoniare una certa varietà di ambientazioni ma un gameplay che difficilmente prenderà strade diverse rispetto alle premesse. Non che sia un male in assoluto, intendiamoci, ma dopo dieci anni forse qualche novità potrebbe senz'altro aiutare a rinfrescare la formula, pur così ben collaudata e divertente, di Left 4 Dead 2.

Sensazioni preliminari

Back 4 Blood 01

A rispondere a queste esigenze troveremo probabilmente proprio gli elementi che non si vedono nel video, nella fattispecie delle carte che, una volta equipaggiate, possono modificare le abilità dei personaggi dando vita a build anche molto differenti; e un livello di difficoltà dinamico, che si adatta alle nostre capacità andando così ad aumentare o diminuire la quantità di nemici e la loro forza.

Sarà molto interessante scoprire cosa Turtle Rock Studios abbia in serbo con Back 4 Blood. Dopo la delusione di Evolve il team è senza dubbio alla ricerca di un'occasione di riscatto ed è chiaro che riproporre un classico come questo non può che rappresentare un ottimo punto di partenza. Quanto al punto di arrivo, be', potremo farci un'idea già questo mese grazie alla closed alpha in programma su PC.

Non c'è dubbio che i tantissimi utenti orfani dei classici di Turtle Rock Studios saranno felici di sapere che il team sta preparando per loro un prodotto visivamente moderno ma legato a quella struttura e a quelle meccaniche che hanno determinato lo straordinario successo di Left 4 Dead. La formula è insomma quella che conosciamo bene, ma sembra ci sia posto anche qualche novità che speriamo possa contribuire a modernizzare un po' un impianto certamente collaudato e divertente, ma che potrebbe trarre sostanziale vantaggio da un pizzico di freschezza.

CERTEZZE

  • La formula di Left 4 Dead
  • Tecnicamente sembra adeguato ai tempi
  • Campagna co-op e modalità multiplayer
DUBBI
  • Le novità ci sono, ma bisogna ancora scoprirle