Games with Gold di febbraio 2019

Una nuova e interessante mandata di giochi gratuiti ci aspetta a febbraio con i Games with Gold: Bloodstained, Super Bomberman R, Assassin's Creed Rogue e altro.

RUBRICA di Giorgio Melani —   01/02/2019
16

Continua su buoni livelli il nuovo anno di Games with Gold, con un mese di febbraio 2019 che promette di fornire, se non altro, esperienza piuttosto variegate e interessanti per tutti. Dopo la lineup di gennaio, che ha proposto Celeste, WRC 6, Far Cry 2 e Lara Croft and the Guardian of Light, si ripresenta anche in questo caso uno schema simile, senza un nome propriamente tripla A in senso classico, almeno per quanto riguarda i giochi contemporanei per Xbox One, ma con titoli derivanti da produzioni varie e diverse da quelle standard, tuttavia non meno interessanti. Insomma, anche in questo caso manca il titolone di punta di richiamo universale, eppure l'assortimento riesce comunque a risultare interessante un po' per tutti, con scelte non scontate e posizionate bene per attirare l'attenzione di utenti con gusti piuttosto differenti l'uno dall'altro. Il sondaggio proposto ai lettori ha confermato l'accoglienza positiva, con l'opzione "abbastanza soddisfatto" che è risultata la più votata, sebbene il testa a testa con "per nulla" faccia riflettere, anche sulla possibilità di eventuali "infiltrati" nella votazione, visto che non sembra proprio un mese negativo per il servizio.

4 Up  Points 16X9 Hero


Come successo in altri casi, anche questo mese assistiamo peraltro alla proposta di un titolo proveniente dal catalogo della prima Xbox, pratica ormai piuttosto comune da parte di Microsoft, che evidentemente prosegue nell'intento di recuperare quantomeno i titoli migliori appartenuti alla lineup della storica console. Star Wars Jedi Knight: Jedi Academy va a prendere il posto di uno dei due titoli Xbox 360 previsti dallo schema classico, ma considerando la caratura del gioco in questione immaginiamo che la cosa non disturbi più di tanto gli utenti. Per il resto, un'altra peculiarità riscontrabile in questo febbraio 2019 è la matrice nipponica dei due giochi proposti per Xbox One, cosa non comune per quanto riguarda l'offerta sulla console Microsoft, in questo caso con il recente Bloodstained: Curse of the Moon e con Super Bomberman R, titolo a dire il vero ormai alquanto universale.

Bloodstained: Curse of the Moon - Xbox One, dall'1 al 28 febbraio

Visto che Ritual of the Night si sta facendo attendere ormai da anni, Inti Creates e Koji Igarashi hanno avuto l'ottima idea di dare in pasto ai fan di Castlevania, intanto, una sorta di prequel sullo stile 8-bit con Bloodstained: Curse of the Moon. Attenzione però, non chiamatelo demake o qualcosa del genere: non si tratta infatti di una semplice operazione promozionale o un prodotto da viral marketing alla moda, perché Bloodstained: Curse of the Moon è un gioco completo, un titolo che propone una vera sfida e un design complesso e strutturato, solo incentrato su quello stile grafico retrò in stile 8-bit che ha contribuito a fare la fortuna anche di altri giochi come Shovel Knight. Gli ingredienti della formula sembravano perfetti già prima del lancio: una rievocazione nostalgica di Castlevania in 2D con grafica in vecchio stile, supervisionata da Koji Igarashi in persona e affidata a Inti Creates, maestri nel maneggiare queste materie.

Games with Gold di febbraio 2019


Il risultato è stato perfettamente all'altezza delle attese: sebbene si tratti chiaramente di un progetto minore rispetto a Ritual of the Night, così come a un Castlevania vero e proprio, ovviamente, Bloodstained: Curse of the Moon riesce a recuperare in pieno le atmosfere e lo spirito tipico degli action platform in 2D con elementi quasi ruolistici, ovvero gli ingredienti tipici dei vecchi Castlevania, che ricordiamo erano cose piuttosto diverse da quelle che si sono poi venute definendo come "metroidvania". Il problema principale del gioco potrebbe essere un livello di sfida non proprio in linea con quelli che caratterizzavano i giochi NES, ma ci si può passare sopra. Per il resto, quattro personaggi intercambiabili con abilità specifiche, diramazioni nei livelli, ambientazioni varie ed epici scontri con i boss valgono sicuramente il biglietto, tanto più che questo è gratuito.

Super Bomberman R - Xbox One, dal 16 febbraio al 15 marzo

C'è qualcuno che non ha mai sentito parlare di Bomberman? Ebbene, Super Bomberman R è semplicemente l'evoluzione moderna dallo storico action puzzle con azione particolarmente incentrata sul multiplayer da parte di Hudson Soft e Konami. Lo scopo è sempre quello: spostarsi all'interno di livelli bidimensionali costituiti da griglie e far saltare bombe in modo da colpire i nemici sullo schermo o elementi dello scenario che aprono ulteriori vie di fuga e d'accesso nel livello. Se avete avuto modo di provare almeno un capitolo nella lunga serie di Bomberman in passato, sapete precisamente a cosa ci riferiamo e che livelli di giocabilità può raggiungere un titolo del genere. Super Bomberman R, peraltro, è il primo capitolo della serie a uscire dopo la chiusura dell'etichetta Hudson Soft e un ritorno sulle scene a distanza di diversi anni dall'ultima apparizione.

Games with Gold di febbraio 2019


La struttura di base è sempre quella classica ma in questo capitolo sono presenti numerose modalità di gioco tra singolo e multiplayer, con quest'ultimo che ovviamente occupa un posto d'onore nell'offerta ludica di Super Bomberman R. La modalità storia si dipana lungo circa 50 livelli e anche in questo caso è possibile affrontare la campagna in compagnia di amici in multiplayer cooperativo. Il Battle Mode consente di cimentarci nella distruzione altrui all'interno di varie mappe dalle diverse caratterizzazioni nelle quali ci troviamo a cercare di far saltare in aria gli avversari, mentre Grand Prix si concentra su battaglie tre contro tre, con la necessità anche di raccogliere gemme in giro per strada. La meccanica di Bomberman è semplice ma praticamente immortale, in particolare se ci si trova a giocarci in multiplayer in presenza, dunque la presenza del gioco nell'hard disk di Xbox One è sempre consigliata.

Assassin's Creed: Rogue - Xbox One e Xbox 360, dall'1 al 15 febbraio

Sembra che i Games with Gold abbiano sviluppato una sorta di rapporto stretto con la serie Assassin's Creed visto che già vari altri capitoli di questa sono stati distribuiti in precedenza attraverso l'iniziativa dei giochi gratuiti di Microsoft. Il nuovo arrivato è Assassin's Creed: Rogue, che può essere considerato minore se confrontato con quelli principali della serie Ubisoft, essendo uscito in contemporanea con Assassin's Creed Unity che era quello destinato a portare il franchise sulle console di nuova generazione. Rogue era invece incaricato di dare continuità alla serie sulla vecchia generazione, proseguendo e completando l'arco narrativo legato ad Assassin's Creed IV: Black Flag, di cui è seguito diretto nonché ponte di collegamento con Unity, sebbene quest'ultimo aspetto sia meno sviluppato.

Games with Gold di febbraio 2019


L'ambientazione è dunque ancora quella americana del terzo e quarto capitolo, mentre il protagonista è il nuovo e giovane assassino Shay Patrick Cormac, aggiuntosi da poco e alquanto precocemente alla confraternita. Anche la struttura e le meccaniche del gioco proseguono direttamente da Black Flag, mantenendo un ruolo importante per la nave, con la sua gestione, gli spostamenti e le battaglie navali, sebbene forse meno centrale rispetto a quanto visto in precedenza. A differenza del predecessore, Rogue abbandona l'ampia mappa in stile open world per tornare alle diverse aree esplorabili staccate fra loro, cosa che rappresenta un po' un passo indietro rispetto all'innovazione del quarto capitolo ma consente forse anche una caratterizzazione maggiormente spiccata delle aree, che risultano particolarmente diverse l'una dall'altra.

Star Wars Jedi Knight: Jedi Academy - Xbox One e Xbox 360, dal 16 al 28 febbraio

Torniamo alla rievocazione nostalgica della cara vecchia Xbox originale con Star Wars Jedi Knight: Jedi Academy, titolo che gli utenti della prima console Microsoft sul mercato ricorderanno sicuramente bene. Forse non è un caso che Microsoft abbia scelto proprio tale gioco in questo particolare periodo storico, videoludicamente parlando, dopo l'ennesima delusione impartita ai fan di Star Wars con la cancellazione (ufficiosa) anche del progetto in stile open world legato alla serie, che era in sviluppo presso Electronic Arts dopo la precedente chiusura del titolo ad impianto narrativo che era affidato ai Visceral. Insomma, visto che Star Wars sembra proprio non riuscire a trovare uno sbocco videoludico ai tempi moderni, possiamo provare a consolarci guardando indietro, a un periodo in cui il brand funzionava ancora decisamente bene anche su questi lidi.

Games with Gold di febbraio 2019


D'altra parte, la prima Xbox ha avuto un rapporto molto stretto con Star Wars, di cui ricordiamo anche il mitico Knights of the Old Republic come uno dei giochi caratterizzanti l'intera lineup della console. Star Wars Jedi Knight: Jedi Academy ci consente di impersonare un apprendista Jedi, volenteroso di seguire le orme del mentore Luke Skywalker attraverso varie missioni e una storia che si fa progressivamente sempre più complessa e ci pone di fronte alle scelte che possono portare alle luminose vie della Forza o farci soccombere verso il Lato Oscuro. Il gioco è un action con elementi RPG in terza persona che mette in scena una storia e un personaggio completamente originali ma immersi nelle ambientazioni classiche e con la possibilità di interagire con alcuni dei personaggi storici della serie. A sedici anni di distanza dalla sua uscita originale il gioco appare indubbiamente un po' datata al giorno d'oggi, ma le sue atmosfere hanno ancora un certo carico magico, per non parlare dei combattimenti con la spada laser che praticamente non invecchiano mai.

Games with Gold di febbraio 2019