Midnight Fight Express, il provato di un picchiaduro spietato

Il provato di Midnight Fight Express, un picchiaduro spietato dal gameplay tecnico e dalle tante citazioni al genere.

PROVATO di Simone Tagliaferri   —   19/06/2022
21

Nel 2022 abbiamo già avuto modo di giocare a un titolo ispirato ai film di kung-fu degli anni '70 e '80, quel Sifu che tanto ha fatto parlare di sé qualche mese fa, stregando gli appassionati dei picchiaduro a scorrimento moderni. L'anno non è ancora finito però e sta per arrivare un altro gioco che condivide la stessa filosofia di fondo, pur approcciandola da un punto di vista completamente differente.

Abbiamo quindi provato Midnight Fight Express, cercando di capire se varrà la pena tornare a menare le mani.

Picchiare che passione

In giro per la città
In giro per la città

La demo di Midnight Fight Express, scaricabile liberamente da Steam, offre quattro livelli completi del gioco, sui circa quaranta totali, completabili in più o meno 30 minuti, ma che sono giocabili più volte per ottenere la valutazione massima. A differenza di Sifu, il titolo di Jacob Dzwinel è caratterizzato da una visuale isometrica fissa. Detto questo, l'idea generale sembra essere la stessa, ossia simulare dei combattimenti guardando al cinema, dando al giocatore un certo numero di mosse eseguibili, con altre sbloccabili, che può usare in modo creativo e personale, come se si trovasse di fronte a una specie di sandbox, in cui l'importante non è solo vincere, ma anche creare.

La storia che fa da sfondo all'azione è abbastanza misteriosa. Negli intermezzi del gioco vediamo che il protagonista è stato arrestato dalle forze dell'ordine, che vogliono sapere cosa lo abbia spinto a diventare una specie di giustiziere, prima di appenderlo alla forca, in modo da ricostruire l'accaduto. All'apparenza (almeno questo è ciò che ci dicono i livelli della demo) a spingerlo sembra essere stato un drone guidato da un misterioso figuro, che ha iniziato a dargli ordini per spingerlo a scagliarsi contro le bande criminali che infestano la città. Il tutto si traduce in una lunga corsa che porterà il nostro a fare irruzione nel covo di una banda locale, per ammazzarne il boss, quindi ad andare alla ricerca dei capi criminali che controllano davvero la città. La demo finisce con un livello ambientato a bordo (e sopra) un treno della metropolitana (i giustizieri non pagano il biglietto).

Gameplay

In Midnight Fight Express si picchia che è un piacere
In Midnight Fight Express si picchia che è un piacere

Il gameplay è apparentemente abbastanza tradizionale. Si entra nelle nuove aree e si picchiano i nemici con tutto ciò che si ha a disposizione. All'inizio poche mosse in realtà, ma giocando se ne sbloccano altre, si apprende il sistema legato al blocco degli attacchi nemici, si scopre che si possono afferrare e lanciare alcuni oggetti dello scenario e che si possono raccogliere e usare anche delle armi. In generale la difficoltà sembra più accessibile rispetto a quella di Sifu, nonostante ogni stanza sia stata concepita come una specie di sfida autonoma. In questo senso la varietà è molto alta e, almeno nei quattro livelli della demo, ci si trova sempre di fronte a situazione inedite, con l'aggiunta costante di elementi e meccaniche di gioco. Interessante anche il fatto che, rigiocando i livelli dopo aver sbloccato delle nuove abilità, si scoprono modi nuovi per affrontare gli stessi combattimenti. Superata la necessità di avanzare nel gioco, si arriva a concepire gli scontri in modo quasi teatrale, prendendo maggiore coscienza degli scenari a fini meramente spettacolari, ottenendo una grossa gratificazione dal riuscire a compiere determinate azioni.

Qualche problema lo abbiamo in realtà riscontrato, in particolare un input lag abbastanza fastidioso, ma non compromettente, che ci ha dato noia soprattutto in fase di apprendimento delle tempistiche dei blocchi. Comunque sia abbiamo anche riscontrato alcuni problemi nelle collisioni che rendono alcune interazioni un po' viscide. Detto questo Midnight Fight Express ci è piaciuto e non vediamo l'ora di giocarci ancora per completare l'avventura. Anche lo stile grafico è risultato essere davvero convincente e compatto, nella sua asciuttezza. Ma di questo riparleremo in fase di recensione, quando avremo il quadro completo dell'opera e potremo valutare tutti i livelli.

Midnight Fight Express ci è piaciuto, nonostante le molte riserve. In particolare il lag dei comandi sarebbe da rivedere, perché rende più complicato di quanto già non sia sbloccare i colpi degli avversari, così come sarebbero da revisionare alcune collisioni. In generale, comunque, è stata un'esperienza soddisfacente, a cui pensiamo dovrebbero guardare tutti quelli che non vedono l'ora di prendere a pugni qualche teppista. Vedremo se la versione finale confermerà tutte le impressioni avute giocando la demo, o se ci racconterà qualcosa di diverso.

CERTEZZE

  • Combattimenti appassionanti
  • Nella demo abbiamo vissuto molte situazioni diverse
  • Stilisticamente sembra molto riuscito
DUBBI
  • Input lag a gogo
  • Le collisioni a volte lasciano interdetti