Mortal Kombat 11: i personaggi più forti (finora) 1

Dopo essere volati a Chicago e aver provato a lungo Mortal Kombat 11, vi raccontiamo a video i nostri personaggi preferiti del picchiaduro NetherRealm.

VIDEO di Raffaele Staccini   —   08/03/2019

Indice

Dopo essere volati a Chicago e aver provato a lungo Mortal Kombat 11, siamo riusciti a farci un'idea più precisa su molti personaggi. In questo video, quindi, tireremo le somme sui guerrieri più interessanti, basando l'analisi sulla varietà delle loro mosse, e sulla personalità dimostrata nelle varie sessioni di gameplay. Ecco quelli che, secondo noi, sono i personaggi più forti (finora) di Mortal Kombat 11.

Ma prima di gettarci tra sangue e ossa volanti, vi invitiamo a iscrivervi al nostro canale YouTube e a cliccare sulla campanellina, così da rimanere sempre aggiornati su tutti i nostri contenuti.

Scorpion

Partiamo, ovviamente, da Scorpion. La scelta, forse, è un po' banale, visto che questo personaggio che viene considerato un po' la mascotte di Mortal Kombat. Tuttavia Scorpion è davvero uno dei personaggi più flessibili e personalizzabili di dell'undicesimo capitolo. Se sviluppato attorno alla sua katana, ad esempio, diventa un mostro offensivo, capace di confondere l'avversario con colpi come la Misery Blade: una mossa speciale in grado di colpire a diverse altezze, che cambia improvvisamente direzione se viene potenziata e risulta quindi molto difficile da parare. A questa si aggiungono delle combinazioni con il rampino che, pur sacrificando un po' la pressione offensiva, possono aumentare di molto il potenziale delle combo del ninja, rendendolo un guerriero davvero terrificante. Il suo teletrasporto alle spalle e il fuoco demoniaco lo rendono poi molto efficace per affrontare gli zooner, ovvero quegli avversari che usano tecniche pensate per spingere il rivale in una zona specifica dello schermo. La sua unica debolezza al momento sembra rappresentata da un leggero indebolimento del rampino, che ora stordisce solo quando viene potenziato.

Kano

Kano non sarà popolare quanto Scorpion, ma in Mortal Kombat 11 è dotato di mosse davvero infami. Infatti sputa, usa le molotov, l'acido, coltellate e in generale tattiche sporche. Le sue manovre sono tutte estremamente dannose, e i NetherRealm gli hanno fornito delle prese che ne variano l'offensiva quel tanto che basta a renderlo imprevedibile. Nonostante un paio di proiettili decenti, cercare di far funzionare Kano dalla distanza sembra l'opzione peggiore: è chiaro che il personaggio dia il meglio di sé quando mette pressione, e sfrutta il range dei coltelli e la brutalità delle sue mosse caratteristiche. Al solito una delle sue mosse più efficaci è la cosiddetta "Kano Ball", un attacco speciale che lo vede rotolare a gran velocità verso il suo avversario, e che è utilizzabile anche in aria. Tuttavia buona parte delle sue mosse e combinazioni più efficienti lo lasciano scoperto, quindi serve molta tattica per usarlo in modo efficace.

Geras

Geras non solo è un personaggio inedito, ma anche uno dei guerrieri potenzialmente più potenti del roster. Anche se all'apparenza è lento e inefficace, può contare su delle mosse davvero devastanti. Infatti può controllare le sabbie del tempo e, se personalizzato a dovere, riesce a bloccare un avversario e a colpirlo più volte in aria mentre è paralizzato, può piazzare trappole, riposizionarsi, o resettare i suoi colpi durante l'animazione. Il suo punto debole? Come già detto non è particolarmente rapido, e molte delle sue mosse speciali consumano barra anche senza potenziamento, perché troppo potenti per essere usate a raffica. Con un giusto calcolo delle risorse a disposizione, però, Geras potrebbe diventare un enorme pericolo durante i tornei.

Skarlet

Skarlet è un altro personaggio particolarmente efficace. La sua potenza sta nell'ottimo misto tra capacità offensive e possibilità di influenzare i movimenti dell'avversario. Infatti ha mosse dalla distanza ad ampio raggio, ed è difficile avvicinarsi abbastanza da metterla in difficoltà; durante le combo, invece, possiede attacchi che riposizionano il nemico e le permettono di ripartire immediatamente con l'offensiva. Il suo tentacolo di sangue in particolare può risultare molto irritante: abbinandolo ai colpi con la falce e ai proiettili, può dominare la distanza meglio della maggior parte degli altri personaggi. Tuttavia il suo potenziale nelle combo è abbastanza limitato, e ciò la costringe ad essere impeccabile in battaglia, perché avversari molto più aggressivi potrebbero recuperare velocemente il danno fatto una volta superate le sue difese.

Questi sono i personaggi che più ci sono piaciuti durante i nostri incontri con Mortal Kombat 11. Come sempre, vi aspettiamo nei commenti, per sapere se il video vi è piaciuto e quali sono i combattenti che più vi hanno incuriosito in questo nuovo capitolo. Per saperne di più su tutte le novità, vi invitiamo a leggere il nostro provato a cura di Aligi Comandini.