One Punch Man: A Hero Nobody Knows, il nostro provato

Saitama è pronto a sbarcare su console e PC e noi abbiamo provato questo particolare picchiaduro: il nostro test di One Punch Man: A Hero Nobody Knows

PROVATO di Luca Porro   —   28/01/2020
21

Durante la nostra prova della line up di Bandai Namco per il 2020, uno dei titoli più interessanti si è dimostrato essere One Punch Man: A Hero Nobody Knows. Un prodotto decisamente insolito che inizialmente aveva fatto sorgere numerosi dubbi sulla sua fattibilità visto la centralità di un personaggio come Saitama, poco adatto ad un videogioco soprattutto se inserito in un contesto in stile picchiaduro. La nostra prova però, ci ha lasciato piuttosto speranzosi per un gioco che ha dei limiti, certo, ma che prova a offrire anche qualcosa di originale.

Personalizzazione e botte

Primo aspetto interessante: il personaggio principale dell'avventura in cui vi immergerete è creato da voi. La creazione del vostro eroe è dunque una parte centrale del progetto, non solo perché si tratta del vostro alter ego, ma anche perché la caratterizzazione di un eroe è un punto chiave nell'universo di One Punch Man. L'editor che vi si parerà davanti è dunque di quelli molto corposi, forse anche più di quanto ci si possa aspettare, e vi permetterà di modificare e personalizzare gran parte degli aspetti estetici. Dalla forma degli occhi all'acconciatura, passando per le dimensioni del corpo e finendo con i capi di abbigliamento (davvero sopra le righe) e agli accessori. Proprio la gestione di questi ultimi ci ha sorpreso: non solo potranno essere scelti nel tipo e nella forma ma anche nella loro collocazione. Lasciamo a voi l'immaginazione di dove possono essere collocate trivelle appuntite o orsetti dalla dubbia forma e dimensione. Infine, interessante come al di là del nome che voi potete dare al vostro personaggio, il gioco vi proponga un soprannome da eroe scelto in maniera casuale in base alla scelte fatte (durante la nostra prova ci è stato proposto "Guantoni" per via degli enormi guantoni da Boxe indossati dal personaggio).

One Punch Man A Hero Nobody Knows 8

Superato l'editor, quello che vi si parerà d'innanzi è un titolo diverso dai classici picchiaduro , non solo perché aggiunge una componente di esplorazione della mappa , di interazione con NPC, di missioni e sotto modalità in stile se vogliamo Dragon Ball Xenoverse, ma anche perché all'interno dei combattimenti inserisce alcune meccaniche piuttosto interessanti. Innanzitutto si potranno utilizzare più personaggi durante un combattimento, permettendoci di cambiare quello attivo e dandovi la possibilità di usufruire di diversi tipi di combattenti e abilità. In secondo luogo One Punch Man: A Hero Nobody Knows usufruisce di una meccanica che potremmo chiamare "Attesa", per cui l'obiettivo è quello di colpire gli avversari senza esaurire la propria vita in attesa della fine di un countdown che sancirà l'arrivo di un eroe specifico (Saitama ad esempio) che servirà a concludere lo scontro. Se per Saitama basterà un solo colpo a porre fine allo scontro, in altri casi e con altri eroi invece, potrete controllarli e finire lo scontro con loro in squadra. Per quanto riguarda il gameplay, One Punch Man: A Hero Nobody Knows non si discosta molto dai classici picchiaduro: i colpi normali sono posizionati sui tasti frontali così come la parata e il salto, raggiungere il nemico velocemente e il dash per la fuga si basa sulle differenti pressioni del tasto di movimento e a uno dei dorsali è affidata la selezione assieme al tasto frontale di riferimento delle mosse speciali, quattro selezionabili in totale. I combattimenti sono apparsi piuttosto convincenti nonostante qualche piccolo problema riscontrato ogni tanto nella corretta esecuzione delle mosse e dell'assegnazione dei colpi. Quello che ci ha convinto di meno è probabilmente la componente open world, che nella breve prova effettuata ci è sembrata troppo banale e poco ispirata. L'ultimo elemento presente in-game che abbiamo potuto saggiare è quello degli eventi interattivi presenti durante i combattimenti. Un'introduzione interessante (anche a livello visivo con le grafiche di un servizio del telegiornale) che offre una discreta incognita nei combattimenti. A livello pratico questi eventi si traducono come effetti ambientali (terremoti, piogge di meteoriti, ecc.) che interferiscono durante il match, rendendo prioritario evitarli piuttosto che colpire il nemico.

One Punch Man: A Hero Nobody Knows ci ha sorpreso sotto diversi punti di vista, tutti originali e ispirati. A partire dall'editor sopra le righe e variegato passando per un sistema di combattimento sì classico, ma comprensivo di alcune piccole introduzioni (l'attesa dell'eroe e gli eventi dinamici su tutti) che caratterizzano il titolo. Al netto di tutto ciò, la componente a mondo aperto e le possibilità offerte dalle missioni e dalle sottomodalità presenti ci sembrano allo stato attuale molto monocordi e poco ispirate.

CERTEZZE

  • Editor sorprendente e stratificato
  • Combattimenti soddisfacenti
DUBBI
  • Tutto il contorno non è molto ispirato