Splitgate, provato a un mese dal lancio ufficiale!

Tra Halo e Portal arriva Splitgate, uno sparatutto ad arena davvero promettente che abbiamo provato a un mese circa dal lancio ufficiale su PC e console!

PROVATO di Tommaso Valentini   —   01/09/2021
36

Splitgate è un gioco strano: lanciato in sordina anni fa è tornato alla ribalta questa estate deciso a fare le cose sul serio. Nell'ultimo periodo gli sviluppatori di 1047 Games non sono stati certo con le mani in mano ed anzi hanno assorbito dalla concorrenza le caratteristiche ormai essenziali per gli sparatutto gratuiti, andando così a creare un pacchetto davvero solido e strutturato, perfetto per il lancio ufficiale del loro progetto su PC e console. L'attenzione sul titolo non è mai stata così alta, non solo per via dei continui contenuti aggiuntivi e per l'inizio delle prime stagioni ma anche, e soprattutto, per una quantità di giocatori sui server capace di stracciare ogni precedente record.

Su Steam, ad esempio, viaggiamo su picchi da quarantamila giocatori al giorno. Numeri incredibili se pensiamo che fino allo scorso anno si registravano meno di un decimo delle presenze. Il successo è da ricercarsi ovviamente nella buona qualità del titolo, ma anche per merito di quella fame esagerata di arena shooter da parte dei giocatori PC, orfani da troppo tempo di un prodotto davvero alla portata di tutti. Che questa sia la volta buona?

Scopriamolo nel nostro provato di Splitgate.

Il momento giusto per arrivare sul mercato?

I portali la faranno da padrone per sorprendere gli avversari
I portali la faranno da padrone per sorprendere gli avversari

Rinvii, ritardi, cancellazioni e rilanci: Splitgate ci sta davvero facendo penare in questi mesi per farsi giocare nella sua versione definitiva, ma ormai dovremmo proprio essere agli sgoccioli, con la Stagione 0 sui nastri di partenza e pronta a far vedere i muscoli dello shooter. Finalmente, insomma, il titolo è pronto per essere goduto al massimo da ogni tipo di giocatore sia esso un impallinato degli sparatutto competitivi sia un giocatore casual alla ricerca di partite rapide e poco impegnative. Splitgate si fregia infatti di una varietà di modalità davvero consistente, con una suddivisione delle stesse capace di palesare la volontà di accontentare un po' tutti. Ci sono le partite casual con cui allenarsi o riscaldarsi nelle modalità principali, le partite classificate che andranno a rappresentare il cuore del competitivo ma anche modalità piene di modificatori pensate proprio per chi la competizione la mette all'ultimo posto e cerca solo uno sparatutto con cui passare qualche minuto. Se a tutto questo aggiungiamo il fatto che le partite hanno una durata media di una decina di minuti ecco servito su un piatto d'argento un titolo pronto ad abbracciare una vastissima platea di pubblico.

Non fate però l'errore di pensare a Splitgate come un gioco per casual players perché, benché sia adatto anche a quel genere di pubblico, le meccaniche di gioco e, soprattutto, il modo di sparare, mettono in mostra una profondità da non sottovalutare. Se vi siete imbattuti in qualche notizia o in qualche articolo sulla rete avrete sicuramente sentito descrivere Splitgate come un Portal che incontra Halo e la similitudine è quanto di più azzeccato si possa fare.

I personaggi, esteticamente completamente customizzabili dalle schermate principali, hanno infatti una rapida rigenerazione automatica della salute dopo essere colpiti e le armi, prestabilite all'inizio del match a seconda della modalità, non possono essere modificate con gadget supplementari quanto piuttosto sostituite completamente raccogliendo bocche da fuoco più potenti sparse nei punti chiave della mappa, esattamente come in Halo, per l'appunto. In un marasma di giocatori che saltano, ma non scivolano, e usano i reattori dorsali per allungare brevemente il tempo di volo, ad aumentare mobilità e imprevedibilità ci si mette la possibilità di creare portali da sfruttare come linee di tiro inedite o, più banalmente, come rapide vie di fuga nel caso in cui si venga accerchiati.

Il divertimento è assicurato...fino ad Halo?

Su Splitgate la skill viene prima di ogni cosa
Su Splitgate la skill viene prima di ogni cosa

La strategia attorno all'uso dei portali diventa quindi essenziale sia per i giocatori difensivi sia per quelli aggressivi che potranno così studiare una moltitudine di nuove tattiche per diventare campioni dell'arena, magari sfruttando anche la spinta gravitazionale per raggiungere postazioni rialzate. Le limitazioni a questa meccanica particolare vengono stabilite da una conformazione precisa delle mappe che prevede pareti specifiche sulle quali è possibile creare i nostri portali, una maniera intelligente e pratica per poter bilanciare e tenere sotto controllo il tutto.

Mentre in queste ore giochiamo alla Stagione 0 cerchiamo di accumulare punti esperienza per il nostro battle pass e collezionare elementi di personalizzazione attraverso le loot box (nessuna rivoluzione da questo punto di vista), dobbiamo ammettere che il divertimento, quello più puro e leggero, non è mai venuto a mancare, soprattutto in virtù della forte base di skill necessaria per fare bene e sentirsi gratificati.

Certamente è un po' presto per tirare somme sul matchmaking e sul bilanciamento, ma le prime ore con il titolo ci sono sembrate più che promettenti. Cosa da non sottovalutare è anche l'ottima risposta dei server e la grande risposta delle armi da fuoco: precise, maneggevoli e particolarmente soddisfacenti da usare, perfette per chi ama correre e sparare in partite dall'alto livello di dinamismo e spettacolarità.

Splitgate è un ottimo titolo, uno shooter arena che ci sta divertendo e che non vediamo l'ora di poter recensire nella sua versione completa. Aver rimandato così tanto la produzione, tuttavia, mette 1047 Games nella sgradevole posizione di doversi confrontare direttamente con Halo Infinite, una situazione che potrebbe decimare i giocatori sui server a prescindere dalle qualità oggettive di Splitgate, proprio in virtù delle numerosissime somiglianze con lo sparatutto di casa Microsoft. Da giocatori, comunque non possiamo che essere contenti di questa maggior possibilità di scelta, vista la gratuità della produzione, e vi consigliamo, nel caso amiate gli sparatutto e non l'aveste ancora scaricato, di fare un giro durante questa Stagione 0: il divertimento è assicurato.

CERTEZZE

  • Molteplici modalità di gioco
  • Armi divertenti da usare
  • Strategie varie e sorprendenti grazie ai portali
DUBBI
  • L'imminente Halo potrebbe essere una spina nel fianco non da poco per la community
  • Ancora le lootbox