Super Mario Bros. 35, l'anteprima

Annunciato a sorpresa nel recente direct, Super Mario Bros. 35 è un platform battle royale basato sull'iconico titolo dell'85. Cosa abbiamo capito?

ANTEPRIMA di Marco Perri —   08/09/2020
11

Indice

In questa anteprima di Super Mario Bros 35 partiamo con una domanda: perché festeggiare i 35 anni di Mario con un prodotto come un battle royale? E perché renderlo disponibile fino al 31 Marzo 2021? Questa è la risposta di Nintendo a tutti quegli pseudo-esperti convinti che il battle royale stia al gaming come il single player sta all'oblio. Ci hanno provato prima gli MMORPG e poi il mobile gaming ma nonostante gli sforzi, nessuno ci ha ancora convinto che il single player sia diventata una cosa della quale vergognarsi, o che giocare da soli sia un crimine da sradicare dall'umanità.

Partiamo così, provocando un po' per dirvi che ancora una volta Kyoto è stata genialmente maestrina di stile, cavalcando ma dando una stoccata all'ennesima moda videoludica ormai clamorosamente satura, quasi parodia di sé stessa, chiamata battle royale. Intendiamoci, non è colpa del genere se ci provano tutti, ma solo a noi sembra una mangiatoia dove chiunque entra per provare a strappare le briciole dalla bocca degli altri? È in questo marasma che oggi ci muoviamo, consapevoli che Super Mario Bros 35 non sarà mai una hit capace di offuscare il futuro di Kyoto, incatenandolo a essa, sapete perché? Perché a un certo punto finisce. Scompare magicamente; lascerà dietro persone in lacrime, ma la scelta è sensata moralmente, strategicamente, stilisticamente. Nintendo entra nel battle royale per fare brand awareness, per far crescere la riconoscibilità del suo marchio, non per fare soldi. Ci farà appassionare, scornare, mangiare la polvere e magari urlare, ma sarà un'esperienza di 180 giorni che non nasce per mietere vittime, bensì evangelizzarne di nuove, lo stesso approccio dedicato al mercato mobile. Quel titolo gratuito che arriverà a inizio ottobre è si un Mario, è si un battle royale, è anche addirittura un platformer e diamine, sembra veramente esplosivo.

Smb35 Scrn 4Strategies 004

Caos a due dimensioni

Immaginate un calderone di giocatori che stanno su un Super Mario Bros dell'85 e tutto ciò che accade in ogni partita si riversa su un'altra, magari casualmente, magari no. Una veloce corsa al massacro schivando ciò che arriva dal resto dei giocatori, il tutto in una spirale di caos platformico primordiale. Che poi Super Mario non è proprio quello dell'85 ma una versione aggiornata, arricchita, con una miglior risposta ai comandi e dove probabilmente non ci sono principesse da salvare.

Smb35 Scrn 4Strategies 001

Ciò che conta è che la vita di quel primo, piccolo Goomba - probabilmente il villain minore più famoso della storia dei videogiochi - non finirà in quel salto carpiato dopo aver assaggiato delle scarpe da idraulico, ma andrà a rompere le scatole a un altro giocatore sparso per il mondo, magari assieme ad altri o ad altri nemici. Ecco, moltiplicate tutto ciò, aggiungete altri drammi ambientali o un mix di Lakitù, Koopa e magari un Pallottolo Bill a mettersi di mezzo tra voi e il traguardo, nella completa inconsapevolezza di cosa avverrà da lì a un attimo. Possiamo dire che è geniale? Non solo da un punto di vista ludico, ma anche visivo: se Nintendo riuscirà a implementare una sorta di canale digitale in streaming, immaginate cosa può essere guardare ciò che avviene in una partita con 35 giocatori che si lanciano di tutti dovendo al contempo vivere il proprio platform.

Roulette up

Tetris 99 non è stato l'apripista concettuale, ma sicuramente quello che ne ha reso esponenziale la portata: Super Mario Bros 35 si propone di percorrere una strada analoga, seppur a modo suo. Ci sono un paio di chicche che è possibile tirare fuori dal trailer: la prima è una roulette di power-up attivabile spendendo occasionalmente monete. Nel trailer viene fatta vedere la stella, che fa il paio di una sorta di impostazione di strategia di vittoria.

Smb35 Scrn Enemyattacks 001

Inoltre, nel finale, Nintendo sembra dire che ci sarà un sistema di crescita e progressione unito a una raccolta di punti: quasi sicuramente sarà questa la moneta di gioco per acquistare o sbloccare oggetti all'interno del software. Il concetto alla base rimane quello che potremmo definire un platform di vendetta: spendendo monete e collezionando power-up, Super Mario Bros. 35 si pone come ponte tra il vecchio e il nuovo, dove moda e gameplay hardcore si fondono per quella che è da considerarsi l'esperienza multiplayer definitiva di Super Mario Bros. Ciò che ci chiediamo ora è: sarà possibile giocarlo in multiplayer locale? Ci saranno opzioni per il couch play? Avranno previsto una modalità in singolo con l'IA a controllare la generazione casuale di ostacoli? Tra qualche settimana ve lo sapremo dire, nel frattempo preparate la torta per i festeggiamenti.

Un fulmine, ma non a ciel sereno, visto che di battle royale ce ne sono troppi. Nintendo prosegue però la sua traversata nell'oceano blu, evitando competizioni e mischie regalando ai possessori dell'abbonamento Nintendo Online un prodotto che creerà nuovi paradigmi di platform generato dagli utenti, ridisegnando anche un po' il concetto stesso di platform a due dimensioni. Come lo faranno? Tutto da scoprire e testare, di certo le domande con cui chiudiamo poco sopra non sono fondamentali considerando il genere, ma rimangono come trasmissione di rispetto a quella community che si, vorrà sperimentare tutto il caos ludico bidimensionale in arrivo ma anche magari godersi l'esperienza in una maniera più edulcorata, magari con qualcuno a fianco. Se non avete l'abbonamento online, questo potrebbe essere un buon motivo per farvici pensare.

CERTEZZE

  • Esperienza esplosiva
  • Imprevedibilità totale mixata a platforming
  • Un modo pazzesco di dire la propria nei battle royale

DUBBI

  • Singolo e couch play ci saranno?
  • Legame tra monete e sbloccabili
  • Curva di apprendimento assolutamente non banale