Xbox 720 - Microsoft minimizza la questione "sempre online", ma c'è chi la prende male 277

E spacca tutto

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   05/04/2013

Il creative director di Microsoft, Adam Orth, "non capisce tutto il dramma" che può scaturire dalla necessità di una connessione a internet costante per una console, una delle caratteristiche emerse dalle voci di corridoio sulla nuova Xbox, sebbene ancora non confermata né annunciata da Microsoft.

Dovrebbe provare a dirlo a Francis, che ha risposto a modo suo alla notizia, nel video riportato qua sotto (spoiler: riguarda un'ascia e un'Xbox 360). In effetti, l'uscita di Orth non è propriamente riuscita bene: "scusate, non capisco il dramma di avere una console sempre connessa", ha scritto su Twitter, "tutti i dispositivi sono always on, è il mondo in cui viviamo". A questo ha risposto, in particolare, il designer di BioWare Manveer Heir, che ha spiegato come i problemi di una continua richiesta di connessione a internet sono stati ben esplicitati dalle questioni legate a Diablo III e SimCity.

"Hai vissuto a Los Angeles, San Francisco, Seattle... luoghi molto connessi", ha scritto Heir nello scambio di messaggi su Twitter, "prova a vivere a Janesville o a Blackburg". In ogni caso, Orth ha continuato a mantenere la sua posizione, affermando che anche l'elettricità va e viene, ma non per questo si evita di comprare dispositivi elettrici. Insomma, una posizione quantomeno discutibile.

Una risposta indiretta ma piuttosto efficace è venuta invece da Francis, uno di quei bizzarri personaggi che si sono fatti una specie di fama gettando la propria dignità al vento, o meglio su YouTube. Nello sproloquio riportato qua sotto dice cose anche condivisibili, tra le righe, concludendo in maniera pirotecnica.

Fonte: Eurogamer.net