Per l'IGDA i videogiochi dovrebbero avere la libertà d'espressione di tutti gli altri media 20

Come tutelato da una sentenza della Suprema Corte americana

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   08/04/2013

Kate Edwards, il capo dell'International Game Developers Association, ha sottolineato come agli sviluppatori indipendenti debba essere garantita la libertà d'espressione data agli autori degli altri media.

La Edwards ha sottolineato come il medium videoludico sia sottoposto a leggi più restrittive in materia di controllo dei contenuti e come sia stato spesso oggetto di accuse riguardanti offese alle varie culture.

Secondo lei gli autori indipendenti non dovrebbero vedere le loro libertà espressive limitate, perché i videogiochi sono semplicemente un'altra forma d'arte e dovrebbero essere trattati in modo simile a film e romanzi.

La Edwards ha citato anche la sentenza della Corte Suprema Americana che ha protetto la libertà di espressione per gli sviluppatori.

Secondo lei "gli sviluppatori dovrebbero sentirsi liberi di fare ciò che vogliono fare e creare ciò che vogliono creare, senza aspettarsi che gli utenti di tutti i mercati abbiano la stessa percezione della libertà di espressione."

Fonte: Polygon