Sony non prevede di vendere PlayStation 4 in perdita 100

La casa nipponica ha bilanciato bene i costi, stavolta

NOTIZIA di Tommaso Pugliese   —   09/05/2013

Nel corso degli anni abbiamo assistito spesso e volentieri a console vendute in perdita per i primi anni di vita, così da consentire alle case produttrici di proporle a un prezzo concorrenziale nonostante una dotazione hardware avveniristica.

C'era il sentore che la storia non si sarebbe ripetuta con PlayStation 4 e Xbox Next, e Sony ha di fatto confermato tale tesi nel corso di un meeting con gli investitori in cui ha dichiarato che non si prevedono grosse perdite per il lancio di PS4.

"Ai tempi di PlayStation 3 avevamo fatto molti investimenti interni per sviluppare il Cell. Ci accollammo l'intero processo produttivo e la realizzazione dei centri di fabbricazione", ha dichiarato il CFO Masaru Kato. "Stavolta, pur disponendo di un team dedicato allo sviluppo dei chip, abbiamo incorporato una tecnologia preesistente e coinvolto una serie di partner per quanto concerne gli investimenti riguardanti le fabbriche e le produzioni. Non dovremo sostenere questi sforzi in prima persona, dunque."

Kato ha anche fatto alcune previsioni. "Ci aspettiamo un aumento significativo delle vendite, dovuto principalmente all'introduzione di PlayStation 4 nell'anno fiscale che terminerà il 31 marzo 2014. I ricavi operativi, tuttavia, dovrebbero rimanere invariati per via dei maggiori costi in ricerca e sviluppo, dovuti a PlayStation 4, che andranno a controbilanciare il già citato aumento delle vendite."

Fonte: Eurogamer.net