Gli analisti di Wedbush Morgan confidano in OnLive  16

Ci vorrà un po', ma alla fine verrà "largamente adottato"

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   29/06/2009

La presentazione della nuova piattaforma OnLive, durante la scorsa GDC, ha destato stupore e una certa diffidenza nel mondo dello sviluppo e della produzione dei videogiochi, ma gli analisti di Wedbush Morgan si dimostrano piuttosto fiduciosi sulla sua affermazione nel mercato.

Non che rappresentino delle fonti d'informazione infallibili, ma gli uomini di Wedbush sono "fiduciosi che questa tecnologia alternativa possa infine essere largamente adottata" dal pubblico. OnLive, come precedentemente riportato, è un sistema che consente la fruizione di videogiochi in streaming attraverso una possente infrastruttura online che, essenzialmente, permette di giocare un qualsiasi gioco senza effettivamente possederlo, e senza nemmeno possedere una console o un PC in effetti. Vari dubbi sono stati posti sull'effettiva possibilità di avere un'esperienza caratterizzata da bassa latenza, vista la quantità di dati che sarebbe necessario scambiare attraverso internet con tale sistema, ma gli sviluppatori si sono dimostrati sicuri del funzionamento ottimale della piattaforma. Evidentemente, gli analisti sono d'accordo con loro, e considerano OnLive una alternativa possibile alle attuali piattaforme di gioco.