Aeon Must Die! Focus Home prenderà le misure appropriate contro Limestone

Focus Home Interactive, il publisher di Aeon Must Die!, ha detto che, in seguito al caos e alle accuse fatte a Limestone Games, prenderà tutte le misure appropriate.

NOTIZIA di Luca Forte   —   07/08/2020
15

Focus Home Interactive, il publisher di Aeon Must Die!, ha finalmente parlato del caos che da ieri sta travolgendo il gioco e il suo sviluppatore, Limestone Games. La firma francese ha detto che sta indagando su quello che è successo e, se le accuse dovessero rivelarsi veritiere, prenderà tutte le misure appropriate.

Aeon Must Die! è stato uno dei giochi più interessanti dello State of Play di PlayStation di ieri. Peccato che il trailer d'annuncio sia stato seguito da una feroce polemica. Limestone Games, lo sviluppatore, è stato accusato di non aver pagato la licenza di molti software utilizzati, oltre che molti suoi collaboratori. E queste sono le "imputazioni" più leggere. Nelle ore successive si è parlato di minacce di morte, furto di proprietà intellettuali e cose di questo genere.

Dopo un simile quadro, non poteva mancare una dichiarazione ufficiale da parte del publisher Focus Interactive. La firma francese si dice estranea ai fatti, ma, se tutto questo fosse confermato, prenderà tutte le precauzioni necessarie. Ecco la sua dichiarazione:

"Focus Home Interactive ha sempre lodato e supportato tutti gli studi partner e gli sviluppatori che li compongono. Siamo orgogliosi di trattare i nostri dipendenti e gli sviluppatori terze parti in modo equo e rispettoso, e questo non cambierà.

Focus Home Interactive è venuta a conoscenza di gravi accuse mosse da alcuni degli sviluppatori di Limestone che hanno lavorato alla creazione di Aeon Must Die!

Questi reclami sono però diretti a Limestone, il loro datore di lavoro diretto.

In qualità di publisher di questo videogioco, Focus sta esaminando attentamente queste accuse e trarrà le conclusioni necessarie se si dimostreranno fondate, prendendo tutte le misure appropriate.

Non sarà fatto nessun ulteriore commento fino a quando non avremo una visione più chiara e completa della questione."

Una presa di posizione chiara, ma prudente, come è d'obbligo quanto le cose si fanno così serie e c'è in ballo molto più di un semplice videogioco.

Noi speriamo solo che la questione si risolva al meglio e al più presto.