Call of Duty: la cadenza annuale continuerà, dice Activision Blizzard 12

Nonostante l'allungamento del ciclo vitale di ogni capitolo grazie al supporto post-lancio, Activision Blizzard ha intenzione di continuare a rilasciare un nuovo Call of Duty all'anno.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   09/08/2019

Activision Blizzard ha intenzione di mantenere la cadenza annuale per Call of Duty, nonostante l'estensione del ciclo vitale per ogni capitolo data dal supporto post-lancio.

Dalla conferenza finanziaria di ieri, dalla quale sono emerse anche informazioni su altri possibili remaster in arrivo, sono giunte anche conferme sull'attuale strategia di rilascio della serie di punta del publisher, ovvero Call of Duty. Nonostante l'attenzione al supporto post-lancio e l'estensione continua dei contenuti attraverso un multiplayer che si amplia su un ciclo vitale piuttosto lungo, le uscite dei nuovi capitoli continueranno ad avere cadenza annuale. Questo significa che anche il nuovo Call of Duty: Modern Warfare seguirà lo stesso schema, con un altro capitolo ad arrivare a un anno di distanza, forse Call of Duty: Black Ops 5.

Lo spostamento verso il concetto di live service per la serie, ovvero l'idea del gioco come piattaforma in continua espansione e supporto online, ha spinto alcuni a domandare, nel corso della conferenza, se Activision Blizzard avesse intenzione di modificare l'attuale strategica di rilascio di Call of Duty, ma non sembra che sia questo il caso: "Continuiamo a vedere le nuove uscite come una parte fondamentale del nostro futuro", ha riferito il presidente Robert Kostich, "I nuovi capitoli sono stati e continuano ad essere motivo di grande entusiasmo per la nostra community, perché portano una sostanziosa quantità di nuove esperienze per i fan".

In ogni caso, Activision ha intenzione di coniugare le classiche uscite annuali con un supporto continuativo ai vari capitoli di Call of Duty, in modo da assicurare comunque un lungo ciclo vitale per ogni capitolo della serie, come si conviene agli sparatutto multiplayer moderni.
Video 60588