Diritto all'aborto, Insomniac in prima linea contro la decisione della Corte Suprema

Insomniac Games si è nuovamente schierata in favore del diritto all'aborto, a poche ore dalla clamorosa decisione della Corte Suprema americana.

NOTIZIA di Tommaso Pugliese   —   24/06/2022
242

Insomniac Games si è nuovamente, pubblicamente schierata in favore del diritto all'aborto, a poche ore dalla clamorosa decisione della Corte Suprema americana, che di fatto ha abolito la possibilità per le donne di ricorrere all'interruzione di gravidanza.

"Siamo esseri umani che realizzano videogiochi", ha scritto il team in un post sui social. "Libertà riproduttiva e autonomia corporea sono diritti umani." Di recente lo studio ha donato 50.000 dollari per sostenere il diritto all'aborto.

Nel caso non lo sapeste, nelle scorse ore la Corte Suprema americana ha annullato la sentenza del 1973 che conferiva alle donne il diritto di abortire, sostenendo che si tratta di una questione morale e che la costituzione americana (entrata in vigore nel 1789, NdR) non si pronuncia al riguardo.

La decisione della corte non è stata unanime: sei giudici (inclusi i tre nominati da Donald Trump durante il suo mandato) hanno votato a favore dell'abolizione della sentenza, tre si sono detti contrari e hanno commentato con amarezza l'esito del voto.

A questo punto la questione dovrà essere affrontata dai singoli stati con leggi apposite, come accaduto fino a circa cinquant'anni fa: un netto passo indietro per gli Stati Uniti sul fronte dei diritti civili.