Facebook sotto accusa: diffonde video di propaganda ingannevoli 19

Nancy Pelosi del partito democratico attacca duramente Facebook: contribuirebbe a diffondere video di propaganda ingannevoli, offendendo così la sua persona.

NOTIZIA di Simone Pettine   —   30/05/2019

In queste ore si sta diffondendo sempre più in America una nuova polemica attorno a Facebook e alla gestione talvolta molto particolare dei suoi contenuti: diffonderebbe video di propaganda ingannevoli. Nancy Pelosi del partito democratico ha chiesto alla società di Mark Zuckerberg di rimuovere alcuni video di propaganda politica alterati che bersagliavano la sua persona. Facebook non solo ha rifiutato, ma ne ha favorito una diffusione ancora più capillare.

L'accusa nei confronti di Facebook è molto grave, perché proviene da uno dei più potenti esponenti del partito democratico, Nancy Pelosi; per di più il contenuto della polemica è molto grave: Facebook starebbe permettendo la diffusione consapevole di materiale disinformativo. Va anche sottolineato che all'interno delle diatribe politiche statunitensi più volte democratici e repubblicani hanno mosso accuse di vario tipo verso Facebook, a volte culminate nella sospensione momentanea degli account degli avversari politici.

Ad ogni modo, il video di Nancy Pelosi nel momento in cui scriviamo è ancora disponibile su Facebook: è stato ritoccato per far sembrare la politica in leggero stato di ebbrezza e poco presente a sé stessa. Nel corso di un'intervista radiofonica la politica non ha escluso una possibile azione legale contro la società, non tanto per la diffusione capillare del video incriminato ma per il netto rifiuto da parte della società stessa di rimuoverlo.

Facebook Polemica Nancy Pelosi 1