Game Boy funziona ancora dopo bombardamento, la console più resistente di sempre?

Un Game Boy ha continuato a funzionare dopo essere finito sotto un bombardamento durante la Guerra del Golfo del 1991, che sia la console più resistente di sempre?

NOTIZIA di Simone Tagliaferri —   27/11/2020
32
Bombed Gameboy

Un Game Boy è letteralmente sopravvissuto a un bombardamento avvenuto durante la Guerra del Golfo, dimostrandosi la console più resistente di sempre (probabilmente). Era il 1991, e il medico dell'esercito americano Stephan Scoggins lo utilizzava a scopo ricreativo, tenendolo in caserma. Sfortunatamente una bomba colpì l'edificio, distruggendo tutto, compreso il Game Boy di Scoggins, che finì preda delle fiamme.

Almeno questo è ciò che pensò l'uomo, che lo spedì a Nintendo in cerca di assistenza o di una sostituzione. In effetti l'apparecchio appariva in uno stato disastroso, con la scocca completamente sciolta, croce direzionale e tasti A e B compresi. Chiunque avrebbe pensato che fosse rotto. Immaginate lo stupore dei tecnici della compagnia quando riuscirono non solo a infilarci una cartuccia di Tetris, ma anche a lanciare il gioco. I tasti A e B, purtroppo, non funzionavano, ma quelli Start e Select sì.

Nintendo rimpiazzò volentieri il Game Boy di Scoggins, tenendolo però come una specie di reliquia, che ne dimostra la resistenza e, di conseguenza, l'ottima fattura. Attualmente lo si può vedere esposto al secondo piano del Nintendo NY del Rockfeller Center di New York, con sotto un cartellino che spiega la sua storia in breve: "Questo Game Boy fu danneggiato nel bombardamento di una caserma durante la Guerra del Golfo del 1990-1991. Funziona ancora!"

Gameboy 1