Metro 2033, il film cancellato perché lo sceneggiatore non è riuscito ad americanizzarlo 63

Lo sceneggiatore incaricato di adattare la storia di Metro 2033 per il grande schermo doveva americanizzarla, ma non c'è riuscito e il progetto è naufragato.

NOTIZIA di Simone Tagliaferri   —   11/12/2018

Il film di Metro 2033 è stato cancellato perché lo sceneggiatore non è riuscito ad americanizzare la storia.

Nel 2012 la compagnia cinematografica MGM acquisto i diritti del romanzo Metro 2033 di Dmitry Glukhovsky, di cui sicuramente conoscerete la prolifica serie videoludica di cui sta giusto per uscire il terzo capitolo, Metro Exodus, per farne un adattamento filmico.

Purtroppo, o fortunatamente, il progetto è miseramente naufragato e i diritti del libro sono tornati nelle mani di Glukhovsky. Che cosa è successo? La MGM assoldò lo sceneggiatore F. Scott Frasier per scrivere la sceneggiatura dell'adattamento. Purtroppo gli fu dato un compito sostanzialmente impossibile: ambientare la storia in America. Chi ha letto Metro 2033, o semplicemente conosce i videogiochi, capirà senza sforzo quanto questa richiesta fosse assurda, viste le ambientazioni e le fazioni coinvolte.

Glukhovsky ha svelato che i produttori hanno avuto paura di ambientare il film a Mosca perché agli americani piacciono solo i film ambientati in America. Insomma, abbiamo rischiato che uscisse fuori una schifezza immane. Comunque sia Glukhovsky ha detto di essere in contrattazione con altri produttori e conta di riuscire a chiudere un nuovo accordo, magari grazie alla spinta data al brand dal lancio di Metro Exodus di 4A Games.