Obsidian rifiutò l'acquisizione da un'altra compagnia, prima di Microsoft

Feargus Urquhart di Obsidian ha svelato che il team rifiutò l'acquisizione da parte di un'altra compagnia, prima di accettare la proposta di Microsoft.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   11/10/2021
60

Obsidian ricevette a quanto pare un'altra proposta di acquisizione da un'altra compagnia, prima di essere acquisita da Microsoft, in base a quanto riferito da Feargus Urquhart, capo del team, nel corso della conferenza EGX che si è tenuta la settimana scorsa.

"Siamo stati avvicinati da un altro publisher di grosse dimensioni e mi sono ritrovato a pranzo con alcuni capi di questa compagnia", ha raccontato Feargus Urquhart durante il suo intervento. A quanto pare, durante questo incontro il publisher ha manifestato l'interesse di acquisire in blocco il team Obsidian, ma l'intenzione era di spostarlo in massa sullo sviluppo di un gioco già definito presso il publisher, per il quale evidentemente avevano difficoltà a costruire un team ottimale.

Questa prospettiva non era proprio l'ideale per Obsidian, che ha dunque rifiutato la proposta di acquisizione.

Avowed, nell'immagine, è il nuovo gioco in sviluppo presso Obsidian
Avowed, nell'immagine, è il nuovo gioco in sviluppo presso Obsidian

Secondo quanto riferito da Urquhart, ci dev'essere "una corrispondenza di cultura" tra due compagnie, quando si porta a termine un'acquisizione, inoltre dovrebbero essere, a suo avviso, "delle persone con cui ti puoi sedere a bere una birra, perché se non sono così, allora è meglio ripensarci".

Microsoft ha acquisito Obsidian Entertainment nel 2018, a breve distanza da InXile. Non sappiamo bene se in tal caso sia stato fatto il test della birra ma evidentemente Urquhart ha trovato nella casa di Redmond le giuste caratteristiche per effettuare la manovra. Da allora sono usciti The Outer Worlds e Grounded, entrambi progetti che erano partiti prima dell'acquisizione e con quest'ultimo ancora in fase di sviluppo, mentre siamo in attesa del prossimo progetto maggiore del team nella nuova situazione di first party Microsoft, ovvero Avowed.