Prey 2: Neuroshock, il presunto seguito del gioco Arkane sarà ai Game Awards 2021?

Prey 2: Neuroshock potrebbe essere il seguito dell'apprezzato gioco Arkane, che secondo alcune voci di corridoio è in sviluppo e potrebbe essere ai Game Awards.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   02/12/2021
74

Prey 2: Neuroshock emerge come possibile seguito del gioco Arkane del 2017, attualmente in sviluppo secondo alcune voci di corridoio di cui attualmente non si possono trovare conferme, visto che partono da 4chan e sappiamo bene quanto la fonte in questione possa essere inaffidabile.

In ogni caso, un seguito di Prey è possibile, considerando il grande successo riscontrato dal primo capitolo soprattutto in termini di critica, cosa che potrebbe spingere alla creazione di un nuovo capitolo, magari sperando in una maggiore affermazione anche sul mercato.

Prey, nell'immagine, meriterebbe sicuramente un seguito
Prey, nell'immagine, meriterebbe sicuramente un seguito

Questo presunto leak parla appunto di un seguito in sviluppo presso Arkane, portato avanti in parallelo con Redfall, l'altro gioco attualmente in lavorazione presso il team di cui sono emerse prime immagini dall'alpha e dettagli da un leak di qualche mese fa.

Oltre a questo, dunque, in sviluppo ci sarebbe anche questo misterioso Prey 2: Neuroshock, un altro immersive sim da parte di Arkane nel loro stile classico, ovviamente legato all'universo e all'immaginario di Prey, costruito con il capitolo del 2017 come reboot generale della serie avviata in precedenza da Human Head Studios.

Secondo le voci di corridoio in questione, il gioco sarebbe più breve rispetto al capitolo precedente e avrebbe come protagonista Project Cobalt, un organismo Typhon in cui sono state inserite delle cellule prese da Morgan Yu. Avrebbe una struttura simile a quella di Deus Ex, con un approccio ancora più creativo e sperimentale rispetto al precedente Prey, con nemici più vari ma una quantità di neuromod inferiore.

Sempre in base a questo dubbio leak, ci sarebbe la possibilità che il gioco venga annunciato e presentato in qualche modo ai Game Awards 2021, anche se ovviamente tutto questo va prese molto con le pinze, visto che non c'è modo di verificare l'affidabilità della fonte.