Sega Mega Drive Mini posticipato al 2019, non sarà basato sul modello di AtGames 9

Cattive ma soprattutto buone notizie per Sega Mega Drive Mini, che è stato posticipato al 2019 ma arriverà anche in Europa e non sarà basato sul criticato modello di AtGames

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   19/09/2018

Proprio mentre Sony annuncia la sua PlayStation Classic, Sega diffonde notizie sul suo Mega Drive Mini, che potrebbero essere prese per negative ma anche per molto positive, a seconda dei punti di vista.

Per coloro che avrebbero voluto metterci le mani sopra subito allora l'aggiornamento è sicuramente deludente: secondo quanto riferito dal giornalista Chris Kohler, Sega ha deciso di posticipare il suo Mega Drive Mini al 2019. Qui però iniziano le notizie positive: intanto sono state confermate le versioni occidentali della mini console classica, in arrivo dunque anche in Europa e nord America l'anno prossimo, poi veniamo a sapere che Sega ha deciso di cambiare qualcosa in fase di progettazione.

Il nuovo Mega Drive Mini non sarà basato sul Flashback di AtGames ma la gestione dell'emulazione software è stata affidata a un team di sviluppo giapponese, a quanto pare. Questo rappresenta una gran bella notizia per molti, considerando che i risultati ottenuti da AtGames nella sua versione del Mega Drive Mini sono stati considerati generalmente al di sotto delle aspettative, e preoccupava l'idea di una versione ufficiale Sega basata sullo stesso sistema. A quanto pare, il Mega Drive Mini ufficiale di Sega sarà basato su un sistema nuovo.