Silent Hill: un remake dovrebbe rivedere il concept, secondo l'autore Keiichiro Toyama

Un potenziale remake di Silent Hill dovrebbe rivedere il concept e la struttura del gioco, secondo l'autore Keiichiro Toyama.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   15/12/2021
38

Un remake di Silent Hill, o comunque un suo ritorno in qualche forma, dovrebbe comprendere anche una revisione generale al concept del gioco, secondo l'autore dell'originale Keiichiro Toyama, il quale pensa che ci sia bisogno di una ristrutturazione totale per essere riproposto oggi.

In un'intervista pubblicata da VGC, Toyama è stato interrogato anche sul possibile ritorno di Silent Hill sulle scene, visto che questo è un argomento ormai ricorrente nelle voci di corridoio. Secondo l'autore dell'originale, che ora sta sviluppando il nuovo horror Slitterhead con il suo team indie Bokeh Studio, riproporre Silent Hill dovrebbe richiedere un lavoro molto profondo.

"Penso che sia più difficile da effettuare rispetto a un remake di Resident Evil, perché il gameplay concettualmente è invecchiato peggio", ha riferito Toyama.

Silent Hill, l'ingresso della celebre scuola elementare
Silent Hill, l'ingresso della celebre scuola elementare

"Non è un action dove è possibile semplicemente raffinare le meccaniche del gameplay come in Resident Evil: portare Silent Hill al giorno d'oggi proponendo solo una ripulitura della grafica non sarebbe soddisfacente".

La grafica, insomma, non definisce affatto quello che era Silent Hill: "Non si tratta di quanto fosse bello o meno, penso che ci sia bisogno di ripensare il suo concept per renderlo nuovamente interessante per i fan". In effetti, anche le stesse limitazioni hardware contribuivano ad incrementare l'effetto inquietante del primo Silent Hill, mentre una riproposizione con grafica ultra definita e realistica potrebbe non avere lo stesso effetto. Un remake di Silent Hill avrebbe dunque bisogno di una rielaborazione totale anche del gioco stesso anche perché il suo gameplay è piuttosto invecchiato al di là della grafica, secondo l'autore originale.