Six Days in Fallujah: Sony Santa Monica ha lavorato sull'originale, prima dello stop

In un recente podcast David Jaffe ha svelato che ad un certo punto Sony Santa Monica era al lavoro sull'originale Six Days in Fallujah, prima dello stop.

NOTIZIA di Luca Forte   —   19/04/2021
4

In un recente podcast, David Jaffe, chiacchierando con il creative director e writer di Days Gone John Garvin, ha svelato che ad un certo punto Sony Santa Monica stava lavorando come studio esterno all'originale Six Days in Fallujah. I lavori stavano procedendo bene, prima dell'inevitabile stop in seguito alle tante polemiche.

Sia il Six Days in Fallujah di Konami del 2009, sia la riproposizione che Victure sta cercando di portare nei negozi nei prossimi mesi sono dei giochi molto controversi. Nonostante i cambi di idea del publisher sulla possibilità di fare politica coi giochi, l'idea di parlare di una battaglia nella quale sono stati uccisi tanti civili trova ancora molte resistenze, come quella di un'associazione americana che ha chiesto uno stop essendo Six Days in Fallujah una simulazione di omicidio di arabi.

Una scena del 'nuovo' Six Days in Fallujah.
Una scena del 'nuovo' Six Days in Fallujah.

Parlando dell'originale del 2009, Jaffe ha detto ad un certo punto rivolgendosi a John Garvin: "sapevi che Six Days in Fallujah, per un certo periodo, è stato in lavorazione presso Sony Santa Monica? Aiutavamo come studio esterno..." A quel punto Garvin ha aggiunto "certo, ero alla riunione per la partenza dei lavori."

"Giusto," ha replicato Jaffe, "Tutte le volte che quel gioco cominciava a diventare un qualcosa che somiglisse alla guerra, le compagnie hanno sempre detto 'grazie, ma no grazie'. Per questo motivo non so cosa possa succedere a questo nuovo gioco, una volta che arriveranno a quel punto."

"È difficile", ha risposto Garvin, aggiungendo: "Siamo in un clima in cui, amico, ti stai muovendo letteralmente su di un campo minato."

Cosa ne pensate? Vi sarebbe piaciuto uno sparatutto di questo tipo gestito da Sony Santa Monica?