Sony verso l'acquisizione di Crunchyroll, il celebre servizio di anime in streaming

Sony fa sul serio nella volontà di acquisire Crunchyroll, il celebre servizio di anime in streaming, che potrebbe portare a un esborso di circa 957 milioni di dollari.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   30/10/2020
99

Sony sembra fare sul serio per quanto riguarda l'acquisizione di Crunchyroll, il noto servizio di streaming incentrato sugli anime, particolarmente diffuso in USA ma molto utilizzato anche in Europa.

Secondo quanto riferito dalla pubblicazione nipponica Nikkei, sembra che Sony sia pronta a pagare oltre 100 miliardi di yen (circa 957 milioni di dollari) all'azienda americana per acquisirla in blocco, ottenendo in questo modo il controllo completo del servizio in streaming, con i suoi 70 milioni di iscritti in tutto il mondo.

In questo modo, Sony passerebbe dalla semplice produzione di anime, settore che sta portando avanti soprattutto con lo studio Aniplex, alla distribuzione diretta di un'ampia quantità di serie e franchise anime famosi, che la porrebbe in concorrenza con i giganti del settore streaming come Netflix e Hulu.

Crunchyroll è stata fondata nel 2006 e ha il proprio quartier generale a San Francisco, nel 2018 è diventata parte di AT&T, con cui Sony avrebbe avviato i colloqui per l'eventuale acquisizione. Non ci sono ancora informazioni precise sulla manovra, ma sembra che Sony abbia una sorta di diritto esclusivo a negoziare l'eventuale acquisizione di Crunchyroll, allo stato attuale delle cose.

Non è il primo passo di Sony in questo settore, d'altra parte: nel 2017 la compagnia nipponica ha acquisito Funimation, il quale ha di suo una base di abbonati, ma sembra che non sia stata in grado di espandere il pubblico oltre il milione circa di utenti che hanno effettuato la sottoscrizione.

L'eventuale acquisizione di Crunchyroll la porrebbe in una posizione decisamente diversa, considerando che si parla di 70 milioni di utenti registrati, sebbene di questi solo circa 3 milioni sono quelli paganti (gli altri utilizzano account gratuiti) in oltre 200 paesi in tutto il mondo.

3 1