Star Wars: Disney si dice soddisfatta del lavoro di EA sulla serie 41

Nonostante i grossi intoppi emersi ultimamente, sembra che Disney sia comunque in ottimi rapporti e soddisfatta dell'accordo fatto con EA per la gestione di Star Wars sul fronte videoludico.

NOTIZIA di Giorgio Melani   —   07/02/2019

Dopo i disastri emersi in questi ultimi tempi con i progetti videoludici legati a Star Wars, si è iniziato a pensare che Disney potesse essere piuttosto alterata per queste vicende, ma sembra proprio che la compagnia sia invece soddisfatta dell'operato di EA e in buoni rapporti con il publisher.

Dopo la famosa cancellazione dell'action adventure in terza persona di Star Wars in stile Uncharted che ha causato contestualmente anche la chiusura del team Visceral, la serie ha incassato un altro duro colpo con la cancellazione (non ancora confermata) del progetto open world che era in sviluppo presso EA Vancouver, rimarcando la crisi che sembra investire Electronic Arts sul fronte delle grosse produzioni single player e in particolare riguardanti l'universo di Star Wars. Nonostante questo, il CEO di Disney, Bob Iger, ha recentemente riferito, nel corso di un meeting finanziario, che la compagnia non è più pratica di pubblicazione di videogiochi ed è felice che sia Electronic Arts a occuparsene.

Iger ha fatto peraltro notare come Disney sia in ottimi rapporti con EA e che l'accordo sulla licenza di Star Wars sia comunque un'ottima idea da parte della compagnia. "Abbiamo capito che non siamo particolarmente bravi nel self-publishing ma abbiamo un'ottima organizzazione nella gestione delle licenze", ha spiegato il CEO di Disney, "Abbiamo ottimi rapporti con alcune compagnie che gestiscono le nostre licenze, come Electronic Arts sulle proprietà di Star Wars e probabilmente manterremo questa organizzazione del business per poter concentrare il nostro capitale altrove".

A proposito di Star Wars, una buona notizia sul franchise è che, tra i tanti dubbi, sembra che Star Wars Jedi: Fallen Order sia comunque confermato per il 2019 da parte di EA, in sviluppo presso Respawn.