Steam Deck: eBay blocca le prevendite a prezzi folli dei bagarini

La pandemia ha reso sempre più evidente il problema del bagarinaggio: per questo motivo eBay ha deciso di intervenire bloccando le prevendite a prezzi folli.

NOTIZIA di Luca Forte   —   23/07/2021
45

La pandemia da COVID-19 e la conseguente scarsità di componentistica tecnologica ha reso sempre più evidente il problema del bagarinaggio. Lo abbiamo visto con PS5 e in misura minore con Xbox Series X, sta ricapitando in queste ore con Steam Deck, la console portatile di Valve. I colossi della tecnologia e i rivenditori stanno cercando di trovare delle soluzioni, ma spesso è difficile arginare un fenomeno figlio del libero mercato. È vero, infatti, che dei poco simpatici bagarini mettono in vendita le console a prezzi folli, ma ci sono altrettanti folli che spendono quelle cifre per ottenere la macchina prima degli altri. Spesso venendo truffati nel mentre. È il bello e il brutto del libero mercato. Per cercare di calmierare i prezzi ed evitare che ci siano clienti insoddisfatti, eBay ha deciso di intervenire bloccando le prevendite a prezzi folli.

Lo ha fatto trovando una sorta di cavillo che le consente di cancellare la prevendita di quegli articoli che non vengono spediti entro 30 giorni. E visto che Steam Deck è previsto per la fine dell'anno/inizio 2022, questo ha consentito al negozio online di spazzare via decine di inserzioni da 2000 o più dollari. Per una macchina che ne vale 679 nel caso migliore.

Steam Deck
Steam Deck

"Comprendiamo quanto possa essere frustrante per i giocatori vedere inserzioni troppo costose per l'hardware in prevendita", scrive eBay. "Per rispettare la politica di prevendita di eBay, le inserzioni devono indicare che si tratta di articoli in 'prevendita' e devono garantire la spedizione entro 30 giorni dall'acquisto. Poiché Steam Deck verrà spedito molto più avanti, questi elenchi violano la nostra politica e stiamo lavorando per rimuovere tutti gli elenchi del prodotto".

Probabilmente venditori e acquirenti troveranno altri canali per fare i loro scambi, ma il non essere nei negozi più grandi e frequentati potrebbe scoraggiare alcuni utenti.